Lotus Racing, ritorno al futuro

13 febbraio 2010 21:03 Scritto da: Mario Puca

Certo, i protagonisti non saranno Marty McFly e lo stravagante scienziato “doc” Emmet Brown, e quella presentata alla stampa non è certo la mitica DeLorean DMC-12, ma gli artefici di quello che sembra davvero il risultato di un viaggio spazio-temporale sono brillantemente riusciti ad ottenere l’effetto sperato.

Chi non ha rievocato nella mente immagini di altri tempi, ormai lontani anni luce, ammirando quella stratosferica livrea verde-oro brillante? Chi non ha potuto fare a meno di immaginare lì accanto un vispo signore con i baffi e i capelli color argento coperti dall’immancabile cappellino? Chi, nel perdersi nell’eleganza di quei colori inconfondibili, non ha rivissuto anni di storia indimenticata, di imprese leggendarie, vite di eroi e di passione? Ebbene si. Probabilmente chiunque, appassionato di F1, non ha potuto fare a meno di emozionarsi al cospetto di quella monoposto sgargiante, senza dare troppa importanza alle linee forse troppo semplici e scontate, indubbiamente in controtendenza con una Formula 1 zeppa di diffusori, pance scavate, aerodinamica esasperata e costi esorbitanti.

La Lotus ha scritto alcune delle pagine più belle di questo sport, monopolizzando praticamente quelle a cavallo degli anni 60 e 70, rubando spesso e volentieri il ruolo di protagonista a chi aveva già legato ormai inscindibilmente il proprio nome a questo sport: la Ferrari. La monoposto inglese, presentata a Londra dall’imprenditore malese Tony Fernandes, non sarà certo innovativa come quelle che hanno fatto storia grazie al genio di Colin Chapman oltre 20 anni fa, ma è indubbiamente affascinante, e la voglia di riportare quel nome ai vertici dell’automobilismo mondiale lo è ancora di più.  La storia è piena di team spazzati via in poco tempo, alcuni addirittura prima ancora di cominciare, e l’elenco è in continuo aggiornamento, probabilmente anche con qualche team del 2010, date le voci di corridoio.

La T127 è apparsa sicuramente una macchina “entry level”, una macchina che riesca per lo meno ad arrivare al traguardo senza perdere pezzi per strada insomma, ma il progetto in fondo non è così scarso. Mike Gascoyne ha l’esperienza giusta per proporre soluzioni funzionali e anche innovative e ha speso anima e corpo in questo ambizioso progetto, confessando addirittura di aver pianto all’accensione del Cosworth di cui è dotata la Lotus. Trulli e Kovalainen non sono certo piloti “mondiali”, ma hanno la preparazione necessaria per sviluppare la macchina durante l’anno e guidare il lavoro dei tecnici nella direzione giusta.

E c’è Tony Fernandes, uno che ha ormai la fama del super eroe, a cui di sicuro non manca la voglia (e i soldi…) per divertirsi e far divertire e appassionare chi, al nome Lotus, ha legato gran parte della storia della F1 e spera di assistere in prima persona ad imprese come quelle che hanno reso celebre quel nome negli anni ruggenti. La strada sarà lunga e la salita ripida, ma quel che conta è il primo passo: portare una monoposto sulla griglia di partenza. E loro ci sono riusciti. In bocca al lupo…e che lo spirito di Colin possa darvi una mano da lassù!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!