Ferrari, bilancio positivo dopo le qualifiche

13 marzo 2010 16:47 Scritto da: Davide Reinato

Secondo e terzo posto nelle qualifiche del Gran Premio di Bahrain, rispettivamente per Felipe Massa e Fernando Alonso. I due piloti al termine delle qualifiche hanno avuto modo di esprimere le loro impressioni positive sullo stato di salute della F10.  Di certo, la lotta per la vittoria domani sarà una storia che coinvolgerà i due ferraristi e la Red Bull di Vettel, senza escludere Hamilton che partendo bene dalla seconda fila, potrebbe riservare qualche sorpresa.

Felipe Massa: “E’ bello essere tornati ad essere cosi’ competitivi dopo un periodo cosi’ difficile. E’ un buon modo di iniziare la nuova stagione ed e’ una bella ricompensa per tutto il lavoro svolto durante l’inverno dalla squadra. La corsa sara’ molto difficile ma sono contento di avere la possibilita’ di lottare per il vertice. Ieri abbiamo lavorato bene in funzione della gara e credo che siamo andati nella giusta direzione ma siamo solo al primo Gran Premio e ci sono ancora tante incognite da decifrare come, ad esempio, la scelta del momento migliore per sostituire gli pneumatici. Oggi ho dato il massimo, facendo un buonissimo giro all’ultimo tentativo mentre in quelli precedenti non era stato altrettanto. Voglio ringraziare Sebastian per le parole che ha detto su di me all’inizio della conferenza stampa: mi hanno fatto molto piacere e dimostrano il grande rispetto che c’e’ fra noi piloti”.

Fernando Alonso: “Fino ad oggi non avevamo un riferimento vero sulla nostra competitivita': avere una macchina in prima ed una in seconda fila ci puo’ far sentire soddisfatti perché significa che iniziamo il campionato in maniera positiva. Sono soddisfatto di questo mio esordio in qualifica con la mia nuova squadra. La F10 e’ andata forte in Q1 e in Q2 poi Vettel e’ riuscito ad essere piu’ bravo di noi. Nell’ultimo tentativo ho perso del tempo prezioso in un paio di curve, lasciandoci qualche decimo: puo’ succedere quando lotti per la pole position. Non mi sorprende avere Felipe davanti a me: e’ il mio compagno di squadra e sappiamo quanto vada forte su questo tracciato. Sapevamo di avere una buona macchina e l’abbiamo messa a punto durante i test di febbraio: oggi ne abbiamo dimostrato il potenziale e ora abbiamo otto mesi di lavoro per svilupparla”.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!