Ferrari soddisfatta per i punti a Melbourne

28 marzo 2010 12:25 Scritto da: Davide Reinato

In ottica campionato, la Ferrari si può considerare tutto sommato soddisfatta per il terzo e quarto posto di, rispettivamente, Massa ed Alonso. Già ieri Fernando era stato chiaro sulle possibilità di vittoria ridotte in condizioni normali, con Vettel che era su un altro pianeta e sarebbe stato irraggiungibile oggi se non avesse rotto un freno.

Fernando ha pagato una brutta partenza, che lo ha relegato tra Button e Schumacher, finendo imbottigliato e per di più in testacoda. Rimontare dall’ultima penultima posizione non è stato semplice: da diciottesimo a settimo in venti giri, inalando sorpassi uno dietro l’altro, con un grande ritmo.
Felipe è invece partito benissimo e il terzo posto di oggi è il miglior risultato possibile per lui che ha dovuto subire sorpassi per tutto l’arco della gara. Nonostante questo, i due della Ferrari hanno portato a casa punti importanti, consolidando il primato in classifica dopo due gare.

Felipe Massa: “Ho fatto una partenza fantastica, senza pattinare mentre molte altre vetture, soprattutto Fernando e Webber hanno pattinato. Sono contento della partenza, l’intera gara e’ stata difficile, una pista molto scivolosa e con poco grip ovunque. E’ il mio miglior risultato in Australia, il precedente era un sesto posto e nel 2007 ho avuto problemi in qualifica e sono partito ultimo. Non e’ la miglior gara per me in termini di ritmo, e abbiamo perso qualche posizione al pitstop, e in pista a causa di qualche errore, quindi e’ fantastico aver raccolto un terzo e quarto posto. Sappiamo quanto sia importante per il campionato e in passato non ho mai raccolto cosi’ tanti punti.

Fernando Alonso: “Quando si lotta ruota a ruota col compagno di squadra non è la stessa cosa che farlo con un avversario  poi in questi casi si pensa sempre a cosa direbbe il capo… Comunque non potevo superarlo, il mio punto massimo di prestazione era qualche giro prima, quando sono arrivato vicino a Felipe le gomme erano già andate. Il voto che mi do? Un 7. Certo che se la partenza fosse andata meglio potevo anche vincere la gara ma per meritarsi un 9 o un 10 tutto deve essere perfetto e la partenza non è stata perfetta. Nel finale c’è stato l’attacco di Hamilton. Facevo la chicane lentamente per accelerare via subito dopo in modo tale che Hamilton e Webber non se l’aspettassero. Tranne appunto a quel giro quando ho messo le ruote sul cordolo, loro si sono affiancati ma io avevo l’interno della curva. Poi si sono toccati e meglio così per me. Era difficile, mi avrebbero attaccato comunque e quindi sono stati momenti un po’ stressanti. In ogni caso ho preso punti importanti per me e per il team. Per come sono andate le cose sono veramente felice, ho preso 12 punti a Vettel, 11 a Schumacher, tutta gente pericolosa per il campionato”.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!