Una realtà chiamata Renault

2 giugno 2010 18:54 Scritto da: Mario Puca

Probabilmente ad inizio campionato nessuno avrebbe scommesso un solo euro sull’“Ape Maia”, com’è stata simpaticamente chiamata la vettura francese per via della colorazione. Le monoposto giallo-nere hanno invece smentito il pronostico, riuscendo ad accumulare tanti punti e piazzamenti pesanti, soprattutto nel confronto con quelle che inizialmente erano indicate come dirette rivali della casa francese, ossia Force India, Williams e Toro Rosso. Ora la Renault è quinta, a soli 27 punti dalla più blasonata Mercedes.

Dopo l’exploit di Monaco, con una sorprendete prima fila di Kubika in qualifica e il terzo posto finale dello stesso pilota polacco, la Renault ha confermato la crescita anche in Turchia. Kubika ha concluso in sesta posizione restando incollato a Rosberg per tutta la gara, mentre Petrov avrebbe potuto finire a punti senza il problema all’anteriore destra, forata nel sorpasso di Alonso; tra l’altro, il pilota della Ferrari ha dovuto faticare non poco per sopravanzare Petrov, a dimostrazione sia delle difficoltà della rossa che della bontà del progetto francese. Il russo si è comunque tolto la soddisfazione del giro più veloce in gara, strappato ad Alguersuari proprio negli ultimi giri grazie alle gomme fresche e la monoposto scarica di benzina.

Sebbene sia dispiaciuto aver perso almeno un punto oggi, sono davvero contento della gara e la macchina andava veramente bene. Pensavo che sarebbe arrivata la pioggia e questo avrebbe reso le cose molto interessanti – dichiara Petrov – ma è stata davvero ininfluente.

Qualche dichiarazione anche sul sorpasso di Alonso, che è costato a Petrov l’ottava posizione:

Nel finale le mie gomme erano ormai consumate dalla battaglia con Alonso. Lui ha provato a superarmi all’esterno della curva 3 e la mia vettura andava sull’esterno, quindi ci siamo toccati e ho forato. E’ stata una sfortuna e sono molto dispiaciuto di aver perso punti, ma usciamo comunque bene dalla corsa perchè la macchina è in grado di lottare nella top ten. Speriamo di essere forti in Canada e di portare a casa un pò di punti.

Bene anche Kubika, sempre velocissimo in qualifica e concreto in gara:

E’ stato un buon weekend per noi e siamo riusciti a prendere punti. Purtroppo siamo partiti dietro alle Mercedes e siamo rimasti lì per tutta la gara, anche se la mia  macchina è sembrata più veloce, visto che potevo tranquillamente tenere il loro passo. Sapevo che potevo avere qualche possibilità di passarli al pit stop, ma la loro sosta è stata più veloce e siamo rimasti dietro. La macchina andava davvero bene in gara e le evoluzioni che abbiamo portato qui ci fanno ben sperare per le prossime gare.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!