La Bridgestone è estrema ad Hockenheim.

26 luglio 2010 17:05 Scritto da: Andrea Carrato

Anche in occasione del Gran Premio di Germania non sono mancate le polemiche sulla scelta delle gomme da parte dell’ormai “pensionata” Bridgestone.

La casa giapponese ha deciso di portare le super-soft (per quanto riguarda la categoria delle Option) e quelle a mescola dura (per coprire la categoria Prime).

La decisione pare non esser stata condivisa dai team e dagli addetti ai lavori, i quali ritengono che due step di differenza sono troppi, soprattutto su un circuito come Hockenheim abbastanza critico per gli penumatici.

La gara infatti non ha regalato grandi emozioni, i sorpassi sono stati ridotti all’osso e anche le soste, variabile (ahinoi!) determinante dello spettacolo, sono state, salvo problemi e casi eccezionali, ridotte ai minimi termini.

Forse la scelta di una gomma dura leggermente più soffice avrebbe permesso di assistere ad uno spettacolo più vivo, in quanto avrebbe messo i piloti nella condizione di gestire in modo diverso le coperture e magari di fermarsi una volta in più.

Posto che la spettacolarità delle gare non dovrebbe dipendere da pit-stop, gomme, strategie, bensì da sorpassi e duelli in primis, sarebbe forse più opportuno sfruttare al meglio le poche variabili a disposizione.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!