La Ferrari esce indenne da Place de la Concorde

8 settembre 2010 17:55 Scritto da: Andrea Carrato

Alea iacta est, diceva il vecchio e caro Svetonio. La Ferrari vince la gara forse più difficile della stagione, quella combattuta contro la Fia, che ha riunito quest’oggi il Consiglio Mondiale per decidere sui fatti relativi al discusso sorpasso di Alonso nei confronti di Massa nel Gran Premio di Germania.

In prima istanza, subito dopo la gara, la Federazione aveva inflitto al team di Maranello una multa di 100 mila euro, ma si temeva potesse cancellare i 43 punti ottenuti dalla doppietta ad Hockenheim o addirittura azzerare la classifica costruttori. Qualcuno aveva parlato anche di una penalizzazione nei confronti dei piloti, ma questa ipotesi era stata subito bollata come poco reale.

La Ferrari può quindi concentrarsi, senza pensieri, sulla difficile gara di Monza, ultima speranza per Fernando Alonso di tener vivo un mondiale al momento abbastanza lontano. Dallo spagnolo, ora libero da qualsiasi turbamento relativo al Gran Premio incriminato e prima guida effettiva della Rossa (Massa difficilmente può ambire all’iride, benchè la matematica non lo abbia ancora condannato), ci si aspetta il massimo. Errori, sfortuna, strategie sbagliate e quant’altro dovranno rimanere al palo, sullo starting-grid del circuito brianzolo si chiedeno solo aggressività, tenacia e pignoleria.

A Parigi è passata anche la proposta di rivedere la norma, più volte e da più team aggirata, che vieta gli ordini di scuderia, la notizia è stata diffusa da Angelo Sticchi Damiani, il presidente dell’ACI-CSAI presente al consiglio. Anche Bernie Ecclestone in precedenza si era mostrato favorevole ad una possibile revisione di una regola, che francamente, così come era stata concepita, si prestava a facili e frequenti “slalom”.

Al Consiglio, però, non si è discusso solo della gara di Hockenheim, si è posto l’accento anche sulla condotta in strada dei piloti. Come ambasciatori di uno sport che rappresenta il massimo livello dell’automobilismo, Hamilton e compagni dovranno comportarsi sulle pubbliche strade in modo esemplare. Secondo l’emendamento i detentori di superlicenza dovranno possedere anche una valida patente di guida. Si afferma inoltre che:

“Se un possessore di superlicenza internazionale verrà coinvolto in un serio incidente su strada, valutato dalle autorità nazionali di polizia, in base alla gravità del caso la Fia potrà comminare un’ammonizione o portare la questione al Tribunale disciplinare internazionale che potrebbe sospendere temporaneamente la superlicenza o ritirarla definitivamente”.

In mattinata è stato anche stilato il calendario provvisorio 2011, che con 20 tappe sarà il più lungo di sempre, e si è deciso che le squadre al via della prossima stagione saranno 12, niente placet quindi al tredicesimo team.

Venerdì ci si tuffa in un nuovo weekend di gara, ora il Cavalluccio Rampante non può più sbagliare, i jolly e la pazienza dei tifosi sono finiti.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!