Red Bull, questa è una qualifica “mondiale”

23 ottobre 2010 12:04 Scritto da: Antonino Rendina

Un sabato spettacolare quello della Red Bull in Sud Corea, sul nuovissimo circuito di Yeongam Vettel e Webber hanno imposto la loro legge nelle prove ufficiali conquistando la prima fila sullo schieramento.

Sul filo del rasoio, proprio sotto la bandiera a scacchi è accaduto quello che in molti si aspettavano; un dominio in qualifica storico, importante e a tratti prepotente. Storico perchè rimarrà di Sebastian Vettel la prima pole in assoluto in Corea, importante perchè ha tutto il sapore di un inizio di fuga per il mondiale e quasi prepotente sia per l’aver comandato il gruppo in tutte le tre sessioni di qualificazione (Vettel-Webber-Vettel) sia per il modo quasi irrisorio con cui le lattine hanno scalzato la Rossa di Maranello dal primo posto  in griglia nel loro ultimo tentativo utile.

Dritto e rovescio, palla nell’angolo e primo set ai tori, quello decisivo per il match e per le residue speranze di Ferrari e McLaren si gioca domani. Incollata a terra nel T2 e nel T3 la Rb6 scivola nei sinuosi destra sinistra coreani con incredibile facilità, quasi in automatico. Impressionante; ci si chiede se i due decimi scarsi di vantaggio sulla Ferrari non dicano meno di quanto in realtà valgono, le uniche speranze per Alonso di ribaltare i pronostici sono tutte riposte nella partenza e nel lunghissimo retilineo che porta alla curva tre, il primo settore insomma, dove la Red Bull fatica un po’.

Così come a Suzuka anche in questo Gp è il tedeschino in gran forma ad avere la meglio su Webber di nuovo dietro e sempre per pochi ma pesanti millesimi di distacco, esattamente 74 stavolta. 
Vettel oggi ha corso le qualifiche come piace a lui, giri rispetto agli altri pochi ma buoni, concentrato ed efficiente, la gara è pur sempre domani ma se manterrà così alta la concentrazione il gran favorito è senza dubbio lui.

Sebastian Vettel (Pos. 1° 1’35″585): “Nelle prime fasi dell’ultima sessione non ero soddisfatto della macchina. Poi nell’ultimo tentativo sono partito bene e  sono andato fortissimo nell’ultimo settore tra le tante curve che sembrano fatte apposta per noi, ho spinto molto ed è andata bene. Sono contentissimo perchè ieri abbiamo perso una giornata per capire tante cose, sono cose che capitano su un circuito nuovo l’importante era trovare il giusto passo e ci siamo riusciti, avanti così Suzuka è una cosa, questa è un’altra e dobbiamo rimanere concentrati”.

Mark Webber (Pos. 2° 1’35″659): “Si poteva fare di più perciò ci ho provato fino alla fine arrivando alla fine molto vicino a Sebastian. La seconda posizione è ottima di per sè però purtroppo partirò dal lato sporco della pista, che qui è …molto sporco e questo mi preoccupà un po’. Fernando in agguato? E’ normale che sia subito dietro a noi, stiamo tutti lottando per il mondiale e ognuno cercherà di dare il massimo, vediamo cosa succederà domani”.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!