GP Abu Dhabi 2010, cronaca della gara in diretta

14 novembre 2010 13:33 Scritto da: Redazione

Segui in diretta il Gran Premio di Abu Dhabi 2010, diciannovesima e ultima prova del mondiale di Formula 1. Il circuito di Yas Marina sarà lo scenario della volata mondiale: 4 i piloti che si giocano il titolo mondiale qui. Vettel è in pole, Hamilton al suo fianco, con Alonso terzo. Solamente quinto Webber.

Per rimanere aggiornati su quanto accade in pista, basterà ricaricare questa pagina utilizzando l’apposito tasto del vostro browser, sia da pc tradizionale che da dispositivi mobili come iPhone e similari. Buona sessione a tutti!

GARA TERMINATA

15:49 – Termina così la nostra sessione di live blogging, a breve un riassunto della corsa e gli approfondimenti. Restate su BlogF1.it 😉

15:44 – Esplode la gioia della Red Bull, che vince entrambi i titoli mondiali. La safety car ha indubbiamente condizionato la gara, ma la Ferrari ha sbagliato a fare entrare Alonso subito dopo Webber: è lì che la gara si è decisa. Lo spagnolo ha perso il mondiale per un errore di strategia.

Giro 55 – Bandiera a scacchi! Sebastian Vettel vince la gara ed è campione del mondo! Grande soddisfazione per la Red Bull Racing! Vettel è il più giovane campione del mondo della storia!Hamilton e Button concludono in seconda e terza posizione, Alonso è solamente settimo, Webber è ottavo.

Giro 54 – Vettel completa anche il cinquantaquattresimo giro ed inizia l’ultimo giro, il più lungo della sua carriera.

Giro 53 – Trulli continua a perdere pezzi: questa volta cede l’alettone posteriore.

Giro 52 – A tre giri dalla fine, c’è veramente poco da commentare. I giochi sono fatti, ma al muretto della Red Bull c’è molta tensione: stanno realizzando una grande impresa!

Giro 50 – Cinque giri separano Vettel dalla sua grande impresa, che forse quasi nessuno si aspettava.

Giro 48 – Meno di sette giri al termine, con la classifica ben delineata adesso. In questo modo, Vettel sarebbe campione del mondo con quattro punti di vantaggio su Alonso.  Vettel è al comando, con undici secondi su Hamilton.

Giro 47 – Robert Kubica rientra davanti a Petrov e Alonso. Per il ferrarista e per Webber della Red Bull, le speranze mondiali sono praticamente volate via, a meno di un colpo di fortuna.

Giro 46 – Si preparano gli uomini della Renault per Kubica, mentre Glock abbandona la sua monoposto ferma in pista.

Giro 45 – Hamilton butta giù un altro piloncino con telecamera annessa, è il secondo in questo weeekend. E quando mancano dieci giri alla fine, sembra ormai scontato il risultato: in una pista dove non si riesce a fare un sorpasso, un errore di strategia come quello fatto dalla Ferrari in questa occasione è risultato decisivo.

Giro 43 – Andrea Stella chiede ad Alonso di usare tutto il suo talento per passare Petrov, ma per quanto l’ingegnere motivi il suo pilota, sembrano non esserci le condizioni per effettuare il sorpasso.

Giro 42 – Vettel sembra avere qualche problema di comunicazione radio e gli chiede di confermare le comunicazioni con la pitboard nel rettilineo finale. La gara intanto si fa decisamente noiosa, dato che nessuno sembra in grado di effettuare un sorpasso, neppure quando chi è dietro ha una macchina migliore. Lo ha dimostrato Alonso su Petrov, così come Hamilton su Kubica.

Giro 39 – “Concentrati sui freni e stai costante nelle prestazioni”, questa la comunicazione radio per Vettel, proprio mentre entra ai box Jenson Button. Dunque, Vettel torna in prima posizione. Se le posizioni finale fossero queste, Vettel sarebbe campione del mondo.

Giro 37 – Anche Hamilton è rimasto dietro a Kubica, segno che comunque qui sorpassare è talmente difficile che basta avere qualche km/h in più sul rettilineo per potersi difendere al meglio. Rientra ai box Buemi.

Giro 36 – La regia televisiva indugia su Fernando Alonso, che non riesce a trovare il modo di passare Petrov. Rientra intanto Hulkenberg, quindi Alonso sale in nona posizione.

Giro 34 – Fernando Alonso sta mettendo pressione a Petrov, ma lo spagnolo è ancora dietro.

Giro 32 – Grande duello tra Hamilton e Kubica, che hanno monopolizzato l’attenzione delle telecamere in questo momento. Lewis si è lamentato della gomma anteriore sinistra ed ha chiesto di fermarsi per cambiare gli pneumatici, ma la squadra non glielo ha consentito.

Giro 30 – Lewis Hamilton ha qualche difficoltà di troppo per superare Kubica che, nonostante un F-Duct poco funzionale, riesce a tenersi dietro l’anglocaraibico.

Giro 29 – Alonso e Webber continuano ancora a rimanere dietro Petrov, con lo spagnolo che non riesce a contrastare il russo per via della grande velocità di punta della Renault R30. Problema ai box per Trulli, che ha avuto non poche difficoltà per cambiare il musetto.

Giro 28 – Lewis Hamilton si prepara ad attaccare Robert Kubica, si è fatto vedere negli specchietti. Un bel duello questo che si va a delineare, mentre c’è Trulli con l’ala anteriore piegata che striscia sull’aslfato.

Giro 26 – Hamilton si è ritrovato ora dietro Kobayashi, ma con grande determinazione lo supera, mentre in replay abbiamo potuto apprezzare la grande manovra di Kubica su Kobayashi. Alonso e Webber, invece, restano imbottigliati dietro a Petrov. E siamo solamente a metà gara.

Giro 25 – Alla Red bull hanno capito di potersi portare a casa il mondiale se le cose rimangono così ancora per un po’. Vettel entra ai box per il cambio gomme, in un lampo si rimette in pista e rientra davanti a Kobayashi. Grande possibilità per lui di portarsi a casa il mondiale. Intanto grande battaglia tra Kubica e Kobayashi, il giapponese resiste per una curva, ma deve poi desistere in quella successiva.

Giro 23 – Hamilton è ai box, Alonso tenta un sorpasso su Petrov, ma lo spagnolo arriva lungo e fa di tutto per non perdere la posizione su Webber. Si fa dura per Fernando.

Giro 22 – Il fatto che Alonso e Webber si siano ritrovati dietro Petrov, sta nettamente avvantaggiando Vettel che è ancora al comando della gara. Hamilton è secondo ad un secondo e otto decimi, terzo Button. In quarta posizione c’è Kobayashi al momento, mentre in quinta c’è Kubica.

Giro 21 – Andrea Stella ad Alonso: “Capisco che è una situazione critica, ma devi dare il meglio per passare”, riferendosi a Petrov.

Giro 20 – Fernando Alonso si è ritrovato dietro Vitaly Petrov. Adesso lo spagnolo deve forzare e passare subito il pilota russo.

Giro 18 – Felipe Massa continua a rimanere dietro Alguersuari, mentre c’è da tenere d’occhio Nico Rosberg e Vitaly Petrov: i due si sono fermati a cambiare gomme durante il periodo di safety car e andranno così fino alla fine. Questo potrebbe essere un grande vantaggio per Vettel nella lotta al titolo mondiale.

Giro 17 – Felipe Massa sta prendendo la paga da Jaime Alguersuari. Il brasiliano è ancora dietro allo spagnolo dopo qualche giro, mentre Webber ha avuto vita più semplice nel sorpasso. Team Radio per Vettel, che viene avvertito che devono allungare lo stint con le gomme morbide per il tedesco, dunque viene invitato a trattare bene i propri pneumatici.

Giro 15 – Rientra Fernando Alonso per il cambio gomme, le morbide hanno già fatto il loro tempo. Grande tensione ai box Ferrari per la sosta: lo spagnolo si ferma, i meccanici montano gomme dure e poi si riparte. La Ferrari dello spagnolo rientra davanti a Mark Webber.

Giro 14 – Rientra Felipe Massa per il cambio gomme e monta quelli a mescola dura, il pilota brasiliano è andato in pista ed è rientrato dietro Webber, impegnato nella lotta con Alguersuari.

Giro 13 – I meccanici Ferrari fanno pretattica, si erano preparati e poi sono subito rientrati nel box.  Intanto, Hamilton sta recuperando terreno su Sebastian Vettel. Mark Webber intanto si ritrova in mezzo al traffico, mentre ai box Ferrari escono di nuovo i meccanici Ferrari.

Giro 11 – Team radio per Webber, che chiede una sosta ai box anticipata. L’australiano è già ai box, cambia gomme montando quelle a mescola più dura e rientra ora in sedicesima posizione.

Giro 10 – Mark Webber ha perso un po’ il contatto con Alonso, lo spagnolo ha portato il vantaggio a due secondi. Dietro Webber c’è Massa, ma sembra che il brasiliano non riesca ad avvicinarsi per tentare un attacco.

Giro 8 – Vettel ancora un giro veloce con 1:45.337, mentre un replay mostra Webber che ha toccato un guard rail, facendo anche una scintilla, ma sembra che non ci siano problemi per l’australiano. Rosberg intanto ha fatto un bel sorpasso su Hulkenberg.

Giro 7 – Kobayashi inizia a dare spettacolo in pista, tentando una staccatona su Barrichello, che però si è ripresa la posizione. Vettel intanto ha già dato un secondo e mezzo di distacco ad Hamilton, mentre Alonso sta approcciando cautamente alla corsa.

Giro 6 – Vettel trae in inganno Hamilton alla ripartenza e prende subito qualche metro. Le posizioni non cambiano in testa, Vettel è al comando, secondo Hamilton, terzo Button, quarto Alonso, quinto Webber che però è molto vicino allo spagnolo. Nelle retrovie, Kubica è riuscito a superare Sutil. Il polacco è ora nono.

Giro 5 – La safety car entra alla fine del quinto giro.

Giro 3 – Hamilton comunica con il suo ingegnere, che gli chiede di dare più carico sulle gomme perché le pressioni si stanno abbassando troppo. Stesso problema per i freni, che si stanno raffreddando troppo. Intanto si lavora ancora in pista per togliere i detriti e l’olio nella traiettoria.

Giro 2 – Si conclude il secondo giro con la safety car. Il replay della partenza mostra che Alonso non è partito benissimo, ma quando ha capito di aver perso la posizione non ha poi rischiato nulla. La gara è comunque davvero difficile: nel punto dell’incidente di Schumacher e Liuzzi, c’è veramente tanto olio ed è proprio in traiettoria.

Giro 1 – Rosberg, Petrov, Alguersuari e Senna sono ai box per montare gomme dure. La classifica adesso vede Vettel al comando, secondo Hamilton, terzo Button, quarto Alonso. Il replay mostra che tra Rosberg e Schumacher non c’è contatto, è stato un errore di Schumacher e Liuzzi non aveva più spazio e si è ritrovato davanti il pilota tedesco.

Partenza – Ottima partenza per Vettel e Button, Alonso è in quarta posizione. Ma c’è un incidente in pista. Schumacher è andato in testacoda dopo il contatto con Rosberg e Liuzzi è letteralmente salito sulla vettura del tedesco!  Che incidente! Safety car!

14:00 – Inizia il giro di ricognizione. Tutte le vetture si muovono normalmente. I primi dieci partono tutti con gomme option, ossia quelle supersoft.

13:58 – Per la prima volta nella storia, saranno quattro i piloti in lotta per il mondiale. Sono Lewis Hamilton, Sebastian Vettel, Mark Webber e Fernando Alonso.

13:55 – Solamente cinque minuti all’inizio della procedura di partenza. Tutti ostentano tranquillità ai microfoni dei giornalisti, ma è chiaro che la tensione aumenta ad ogni minuti che passa. Chris Horner e Martin Whitmarsh sono sulla griglia di partenza e stanno chiacchierando un po’.

13:46 – I giornalisti tedeschi hanno piazzato una buccia di banana davanti alla postazione di Alonso, come per augurargli una partenza molto “scivolosa”. Infastidito, Luca Colajanni ha buttato fuori a calci la buccia.

13:45 – La pitlane viene chiusa in questo momento. Tutte le vetture si sono schierate regolarmente.

13:43 – I pilota della Ferrari sono già schierati sulla griglia di partenza. C’è grande tensione sulla griglia, tutti sono consapevoli che sarà una gara molto particolare.

13:41 – Il tramonto illumina la pista di Yas Marina. Si partirà con questa luce molto particolare e si finirà sotto i riflettori della luce artificiale.

13:34 – Amici di BlogF1.it, ci siamo. L’attesa spasmodica è finita, tra poco meno di mezz’ora scatterà l’ultimo gran premio della stagione 2010 e tra poco meno di due ore qualcuno potrà finalmente festeggiare il titolo piloti. Chi sarà tra Hamilton, Webber, Vettel e Alonso?

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!