GP Abu Dhabi, Stefano Domenicali sulla gara

15 novembre 2010 13:05 Scritto da: Redazione

Stefano Domenicali parla della gara di Abu Dhabi, analizzando così gli errori che si sono fatti in corsa. Il team principal della Ferrari ha sottolineato che è il momento di staccare un po’ la spina, perché delle sconfitte del genere lasciano l’amaro in bocca, ma che bisogna reagire il prima possibile e concentrarsi subito sulla prossima stagione.

E dal sito Ferrari.com, riportiamo la lettera che il team ha scritto ai propri tifosi.

Per tutti noi è una giornata difficile. La notte non ha diminuito l’amarezza per un epilogo triste di una stagione comunque straordinaria.

Ci dispiace invece vedere che c’è qualche politico che, stando alla finestra, una volta è pronto a saltare sul carro del vincitore, l’altra reclama la ghigliottina quando le cose vanno male. E non capiamo nemmeno chi si compiace con l’autoflagellazione, chi si crogiola nella cultura del “tutto sbagliato, tutto da rifare”. Sono vizi molto italiani, che dovremmo imparare a scrollarci di dosso.

La dura legge dello sport vuole un solo vincitore ma quest’ultima gara non deve far dimenticare che siamo arrivati a giocarci il titolo Piloti all’ultimo Gran Premio, compiendo una rimonta eccezionale, quando la critica solo quattro mesi fa ci dava per sconfitti. Siamo rimasti sempre uniti, come una vera squadra, come gli uomini della Ferrari sanno fare: stringendo i denti e non mollando mai la presa.

Siamo tornati là dove la Ferrari deve essere, in lotta per la vittoria: se, a parte due eccezioni, è dal 1997 che arriviamo alla fine della stagione o da campioni del mondo – sono 14 i titoli conquistati: nessuno ha fatto di meglio – oppure in lizza per la vittoria finale, vuol dire pur qualcosa. Nello sport, ricordiamocelo sempre, il confine fra la vittoria e la sconfitta è sempre molto sottile e bisogna saper accettare quando si perde così come si deve vivere con sobrietà il successo.

Vogliamo ringraziare i nostri tifosi che ci hanno sempre fatto sentire il loro sostegno, con calore e passionalità, con qualche critica ma sempre con affetto. Proprio in un giorno così duro, siamo sicuri che lo sia anche per voi, dobbiamo essere comunque fieri di quello che abbiamo fatto quest’anno e di essere parte di un’azienda che è e resta l’orgoglio di questo Paese. Che oggi sia l’inizio di una nuova stagione che affronteremo, se mai fosse possibile, con ancora più voglia di vincere.

La Scuderia Ferrari Marlboro

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!