Lotus: quattro vetture sono meglio di due

9 dicembre 2010 15:07 Scritto da: Davide Reinato

L’arrivo del Gruppo Lotus all’interno dell’ormai ex-team Renault è di fatto una delle notizie che hanno monopolizzato l’informazione sulla F1 di questi ultimi giorni. Quotidianamente vi sono nuove dichiarazioni da parte degli interessati, con novità e retroscena spesso curiosi. Vediamo di fare il punto della situazione sulla questione Lotus-Renault e sui possibili scenari che avremo davanti.

Partiamo proprio dalle dichiarazioni di oggi di Dany Bahar, CEO del Gruppo Lotus, il quale ha parlato della possibilità che sulla griglia di partenza del mondiale 2011 vi siano due team Lotus. Il primo, della Lotus Cars; il secondo, il Team Lotus di Tony Fernandes, che non vuole demordere e si schiererà con il marchio storico nel 2011.

Di fronte a questa prospettiva, Bahar ha dichiarato: “Non è un problema, quattro monoposto targate Lotus sono meglio di due. Personalmente non ho nulla in contrario a proposito, perché per noi la F1 è promozione del marchio e di certo non una potenziale fonte di confusione o concorrenza”. Ma il dubbio resta: perché la Lotus Cars non ha appoggiato Fernandes? Bahar sembra avere le idee chiare: “Credo che il nostro marchio debba partecipare per vincere. Costruire da zero una squadra, come quella di Fernandes, darà sicuramente una soddisfazione maggiore, ma sono necessarie risorse economiche che in questo momento non possiamo permetterci”.

Nonostante tutto i piani della Lotus Cars sono abbastanza chiari. L’approdo nel 2011 ha relegato la Renault a semplice motorista, mentre Lotus comparirà come title sponsor della squadra. L’intenzione però è quella di rilevare anche l’altra metà della proprietà, attualmente detenuta da Genii Capital, di Gerard Lopez. A confermarlo è lo stesso Bahar, che afferma: “Non saremmo mai entrati per un progetto a lungo termine solo per fare da sponsor ad una squadra”.

Per completare il quadro della Lotus Renault, rimane solo la scelta del secondo pilota da affiancare al polacco Robert Kubica. Secondo Gerard Lopez, il ventiseienne russo è la prima scelta: “Preferiremmo continuare con Vitaly, dobbiamo sederci e parlarne. Siamo convinti che possa fare bene, ha la velocità, ma sappiamo anche che a volte gli manca la concentrazione per dare il massimo. Se Vitaly rimane con noi, deve essere in grado di avere più costanza”.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!