Ferrari e Mercedes si oppongono al V4

1 gennaio 2011 16:32 Scritto da: Davide Reinato

La FIA ha reso noto nelle scorse settimane di voler introdurre nel 2013 i motori turbo a quattro cilindri, ma la Ferrari ha fin dalle prime volte dichiarato di non gradire la cosa. Luca Cordero di Montezemolo ha ammesso di essere alla ricerca di alleati per la sua protesta contro i nuovi motori a quattro cilindri, essenzialmente per due motivi: il primo, perché una F1 con motori da quattro cilindri significherebbe quasi regredire; il secondo, perché la Ferrari non realizzerà mai un motore da quattro cilindri per le sue vetture stradali.

Al momento, solamente la Ferrari e la Mercedes – tra gli altro gli unici veri costruttori della F1 – hanno alzato la voce contro le nuove motorizzazioni. Luca Cordero di Montezemolo ha dichiarato al tedesco Auto Motor und Sport: “Con i motori a quattro cilindri, non è Formula 1. E poi, non ne costruiremo mai per le nostre vetture stradali. E poi, una categoria del genere con motori quattro cilindri, suona un po’ patetico”.

La Ferrari torna a fare la voce grossa, tramite le parole del proprio Presidente: “Se ci sarà la possibilità di ritardare l’introduzione dei motori, cercheremo di sfruttarla. E noi la vediamo, ma c’è bisogno di unità tra i team”.
L’unica alleata del costruttore italiano, al momento, è la Mercedes. Norbert Haug ha ribadito il fatto che “Sarebbe stato meglio prolungare l’era dei V8, considerando che si tratta di un motore low-cost”.

Viceversa, Mark Gallagher della Cosworth ha comunque minimizzato la cosa, affermando che serviranno solamente 30 milioni di euro per la progettazione di un motore secondo le regole del 2013 e che – con questo budget – nuovi costruttori arriverebbero a rendere il campionato più interessato.

Il tira e molla è appena cominciato.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!