Marmorini: occhio su Kers e Consumi

28 gennaio 2011 12:19 Scritto da: Davide Reinato

Nonostante vige ancora il regime di “congelamento” dei motori, Luca Marmorini ha avuto modo di spiegare le novità e gli interventi effettuati sul motore 056 della Ferrari F150, specie sul Kers e sui consumi.

Non potendo agire per migliorare le prestazioni del motore, il team di motoristi, guidati da Luca Marmorini, ha dovuto intervenire per migliorare l’efficienza del motore, limitare i consumi e sviluppare il KERS.

L’ing. Marmorini ha dichiarato: “Ovviamente, non abbiamo potuto fare nessun intervento prestazionale sul motore, ma abbiamo avuto comunque tanto lavoro, soprattutto per migliorare i livelli di affidabilità. Abbiamo rivisitato il concetto della pneumatica del motore, che era quello che aveva creato nel 2010 qualche problema. Inoltre, abbiamo installato il KERS: questo ha comportato una modifica sostanziale della parte anteriore del motore. Qui c’è il nuovo trascinamento del Kers, un nuovo albero motore, oltre a rivedere leggermente l’impianto di raffreddamento e di lubrificazione”.

Come già detto, torna il KERS nel 2011. Ovviamente, la Ferrari può contare sull’esperienza del 2009 per poter sviluppare questa tecnologia. Si parlava di una riduzione del peso di circa 5 Kg, ma Marmorini non ha confermato l’indiscrezione: “E’ difficile quantificarlo. Lo abbiamo ridisegnato sotto un attento controllo del budget, in modo da renderlo gestibile anche per i team clienti”. Sicuramente, montare lo stesso KERS su diverse vetture permette di avere più prove in pista: “E’ vero, è uno degli aspetti positivi. Considerando anche che si parla di pochissime unità per anno e pochissimi test per stagione, è sicuramente un vantaggio sia a livello prestazionale che a livello di affidabilità, poter disporre di un team secondario per lo sviluppo del KERS”.

Si è lavorato moltissimo anche per limitare i consumi del motore 056. Marmorini spiega gli interventi effettuati: “Il consumo rimane tutt’ora uno degli aspetti più importanti. Quest’anno, alla sfida si aggiunge anche il fatto che il posizionamento del pacchetto del KERS è vicino al serbatoio della benzina. Quindi, a meno che non si voglia realizzare una vettura più larga o più lunga, bisogna contenere i consumi. Questo è uno dei principi su cui abbiamo puntato durante l’inverno. Qui, possiamo contare sul vantaggio di avere un partner storico come Shell, che ci aiuta nello sviluppo dei combustibili”.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!