Heidfeld, la scelta più ovvia per Lotus Renault

14 febbraio 2011 14:24 Scritto da: Davide Reinato

Al centro dell’attenzione, in questi giorni, c’è stata più la Lotus Renault GP che i veri e propri test di Jerez. Infatti, la squadra inglese deve ancora annunciare chi sarà il sostituto di Robert Kubica per la stagione 2011, anche se la scelta sembra piuttosto ovvia.

Il team di Enstone ha portato in pista Heidfeld e Senna. Il primo, come potenziale sostituto; il secondo, come terzo pilota. Infatti, chi pensava che Bruno Senna avesse una minima possibilità di disputare la stagione, rimarrà deluso. Lo stesso Eric Boullier ha escluso tale eventualità, dichiarando che al team serve un uomo di esperienza: “Il test di Senna non era per valutarlo, bensì per prepararlo ad affrontare il ruolo di terzo pilota”.

Bruno, però, era consapevole della cosa e non è apparso demotivato: “Questo posto mi offre nuove opportunità per il futuro. Non provavo contro Heidfeld, sono venuto qui con il ruolo di terzo pilota per la mia preparazione. Un pilota deve essere sempre pronto a guidare”.

D’altronde, la pluriennale esperienza di Nick Heidfeld non poteva essere paragonata alla sola stagione di Bruno in HRT. Così, Heidfeld appare come la scelta più ovvia che la Lotus Renault potrà fare. Il pilota tedesco, che ha ottenuto il miglior tempo nella giornata di sabato, si è detto ampiamente soddisfatto del proprio lavoro, affermando di essere già pronto a fornire indicazioni utili per lo sviluppo della R31.

Quick Nick è uno dei piloti più sottovalutati del circus. Alcuni, lo reputano “Troppo buono” per il lavoro che svolge, tanto da invitarlo ad essere più cattivo, nella guida e… non solo. Il tedesco non ha sfigurato nel confronto diretto con Kubica, quando i due erano compagni di squadra alla BMW e, possiamo esserne certi, l’unica cosa che manca a Nick, rispetto a Robert, è l’aggressività.

A nostro parere, manca l’ufficialità, ma Nick Heidfeld sarà il sostituto di Kubica. Si è subito ambientato, nonostante non conoscesse ne il team, ne i suoi metodi di lavoro. “Sono in buona forma – ammette Heidfeld – ma è diverso essere un il pilota ufficiale che una semplice riserva, si è più motivati”.

E quando gli si chiede se lo vedremo a Barcellona, la risposta è palese: “Spero di si”. Non lo avranno ancora ingaggiato, ma il periodo di prova per il tedesco sembra già finito.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!