Venerdì di studio per Ferrari a Melbourne

25 marzo 2011 12:16 Scritto da: Davide Reinato

L’approccio della Ferrari alle prove del venerdì continua ad essere diverso da quello dei diretti avversari. 102 giri in totale percorsi dalle due 150° Italia: 48 giri per Alonso e 54 per Massa.

Difficile valutare il lavoro svolto dal Team di Maranello ma, guardando i tempi dei run più lunghi e paragonandoli a quelli della Red Bull, pare che quest’ultima sia più avvantaggiata.

Ovvio, restano solo supposizioni, dato che per capire realmente qualcosa sul passo gara, dovremo aspettare domenica. E Alonso ce lo conferma: “Ancora niente di nuovo e non poteva essere altrimenti. Le due sessioni di prove non hanno chiarito i reali rapporti di forza: stamane la Red Bull è andata bene, mentre nel pomeriggio è toccato alla McLaren. Ma ci sono tante squadre che possono dire la loro per la vittoria finale, bisogna fare un sabato senza errori e partire nelle prime file.”

Lo spagnolo della Ferrari ha poi spiegato a grandi linee il lavoro svolto nelle prime due sessioni: “Oggi ci siamo concentrati sull’analisi dei pneumatici Pirelli, che qui sembrano andare in maniera un po’ diversa rispetto a quanto visto nei test, anche perché l’asfalto è molto diverso. Bisogna essere molto flessibili per le strategie, perché ancora non possiamo dire con certezza a quale giro è meglio fermarsi: per quello che abbiamo visto oggi, potremmo fare dieci giri con un set, oppure trenta”.

A parte l’incognita Pirelli, che mescolerà nettamente le carte, Fernando si è detto soddisfatto della monoposto: “Sono contento, nonostante abbia avuto un po’ di sottosterzo e manca ancora un po’ di aderenza all’anteriore, ma è andata meglio di quanto mi aspettassi”.

Lavoro un po’ diverso per Massa, come lui stesso ha ammesso: “Abbiamo provato tante cose nelle due sessioni, diversificando il lavoro con Fernando, in modo da esplorare strade diverse e prepararci al meglio per il weekend. Mi aspettavo di avere un tempo più veloce, anche perché con le morbide la prestazione migliore è arrivata al quarto giro. Le soft si degradano meno del previsto, sarà fondamentale studiarle bene. La differenza di prestazione tra le due mescole portate, è davvero significativa”.

Il team di Maranello ha lavorato anche su alcuni aggiornamenti aerodinamici, oltre che alla comparazione degli pneumatici.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!