Cauto ottimismo per la Ferrari in Cina

15 aprile 2011 12:45 Scritto da: Davide Reinato

Dopo le prime due sessioni di libere del venerdì, alla Ferrari sembrano cautamente ottimisti sulle possibilità di lottare per il podio in questo weekend. Anche il GP di Cina, secondo i due piloti della Rossa, sarà una corsa difficile e combattuta, ma pare che si stia prendendo la giusta direzione per la gestione delle Pirelli ed è sicuramente un passo avanti.

Al termine della seconda sessione di libere, Fernando si è detto più tranquillo: “Penso sia andata meglio qui oggi. Sia io che Felipe siamo riusciti a scaldare le gomme molto meglio rispetto alle prime due corse, dunque dovrebbe essere una nota positiva per noi in qualifica e in gara, questo è sicuro”.

Tuttavia, l’obiettivo resta quello di sfruttare il passo gara della 150° Italia. Niente setup estremi per migliorare in qualifica, si punta tutto sulla corsa: “Abbiamo bisogno di migliorare. Quando andrà bene, le qualifiche andranno bene e la gara ancora meglio. E’ tutto quello che dobbiamo fare. Adesso dobbiamo spremere decimi dalla vettura e apportare qualche miglioramento. Se riusciremo a trovare il passo, tutto diventerà più facile e la strategia funzionerà. La priorità è migliorare in fretta con nuove componenti ad ogni gara. Sappiamo che gli altri non staranno a guardare, ma dobbiamo portarne di migliori”.

Nonostante l’ottimismo, Fernando ha accusato dei problemi ed è stato rallentato in entrambe le sessioni. Lo spagnolo ha ammesso: “Ho perso tempo prezioso a causa di un problema idraulico in entrambe le sessioni. Non sono riuscito a fare prove sulla distanza, ma Felipe lo ha fatto, servirà per avere una base di partenza. Non mi aspetto cambiamenti rispetto alla Malesia e l’Australia. Red Bull e McLaren sono più veloci di noi. Non siamo in grado di lottare per la vittoria, ma tutto può succedere e non vuol dire che la Ferrari non ci proverà”.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!