Ferrari: prove d’assetto picchiato a Fiorano?

30 aprile 2011 12:56 Scritto da: Davide Reinato

Nella giornata di ieri, Felipe Massa è sceso in pista a Fiorano per un evento promozionale, autorizzato dalla FIA: un filming day con la Ferrari 150° Italia, unitamente a vetture stradali, quali la 458 Italia e l’ultima nata del Cavallino, la Ferrari FF.

Subito si è vociferato che il team di Maranello abbia provato le nuove soluzioni aerodinamiche da portare in Turchia. In realtà, non è chiaro se la cosa sia stata fatta o meno. Il regolamento, infatti, vieta di provare vere e proprie novità tecniche in eventi promozionali di questo tipo ed in effetti all’apparenza non ci sono novità sostanziali. Eppure, la vettura scesa in pista ieri è apparsa più “picchiata”, quasi in stile Red Bull.

Il resto però sembrava invariato. L’ala anteriore è quella usata nei primi tre GP della stagione, mentre in Turchia la 150° ne avrà una quasi totalmente rivista, per garantire più carico aerodinamico all’anteriore, senza andare a penalizzare troppo l’efficienza. Le modifiche più forti dovrebbero essere visibili sulle paratie laterali, ma anche i flap principali cambieranno.

Il pacchetto evolutivo della 150° Italia comprende un nuovo layout degli scarichi, ancora più incanalati verso le ruote posteriori, andando a seguire il concetto di scuola Red Bull. Questo dovrebbe anche comportare una rivisitazione della sospensione posteriore che, lo ricordiamo, sulla Ferrari è di tipo push rod. L’obiettivo resta quello di incanalare i gas di scarico sotto al diffusore, per sigillare il fondo, sfruttando il nuovo assetto picchiato.
Modificare la sospensione, però, potrebbe essere più complicato del previsto. Ed è forse questa la chiave di volta di una stagione a dir poco complicata. A Maranello, quando è stata progettata la 150° Italia, hanno deciso di non stravolgere il progetto F10, andando così a rincorrere la “prudenza”, già risultata perdente nel 2010. Passare ad una sospensione pull-rod a campionato iniziato è a dir poco improbabile: e allora, come fare? L’unica soluzione plausibile sembra quella di cambiare gli attacchi alla scocca, in funzione dei diversi assetti.

Il team italiano è convinto di poter tentare di risollevare le proprie sorti, ma come lo stesso Domenicali ha ammesso qualche settimana fa, il processo di sviluppo sarà lento e costante. Chi si aspetta un miracolo in Turchia, rimarrà deluso.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!