GP Monaco 2011: i precedenti

24 maggio 2011 08:30 Scritto da: Andrea Facchinetti

La tappa n°6 del mondiale si corre in uno dei circuiti più storici e glamour di tutto il calendario: Montecarlo. Considerato da sempre uno dei circuiti più difficili per i piloti, Montecarlo conserva ancora oggi tutto il suo indiscutibile fascino. Quello di domenica sarà il Gp 58° GP di Monaco, presente in calendario nel primo anno di F1 e poi ripreso dal 1955 fino ad oggi. Come per ogni GP, ripercorriamo le ultime 5 edizioni dell’affascinante evento monegasco.

2006 – Nelle fasi finali del Q3, M. Schumacher si ferma con la sua vettura in mezzo alla pista: la Renault lo accusa di mossa volontaria e così il tedesco viene retrocesso in ultima fila con il compagno Massa, autore di un incidente nel Q1 (per la prima volta due Ferrari partiranno dall’ultima fila). Alonso, partito dalla Pole, vince il GP ed è sempre più leader. Sul podio finiscono Montoya e Coulthard. Webber e Raikkonen, a lungo inseguitori di Alonso, si ritirano in pochi giri entrambi per rottura del motore. Rabbiosa la rimonta di M. Schumacher, che conclude 5°, davanti a Fisichella. Massa 9°, Button 12°.

2007 – Facile doppietta McLaren nella 5° gara stagionale: Alonso precede Hamilton, polemico con team, reo di aver chiesto a Lewis di non attaccare Fernando nel finale. 3° e a più di un minuto Massa, ultimo dei piloti a pieni giri. 4° Fisichella, 5° Kubica e 8° Raikkonen, che ha condizionato la propria gara per un suo errore in qualifica. Barrichello, 10°, precede il compagno Button, Rosberg e Kovalainen. Ritirati Sutil, Webber e Liuzzi.

2008 – Gara ricca di colpi di scena grazie alla pioggia. Al via Massa scatta bene dalla Pole, mentre Hamilton supera Raikkonen. L’inglese tocca le barriere e fora una gomma: questo cambio obbligato di strategia si rivelerà vincente. Dopo l’ingresso della SC (contatto Bourdais-Coulthard) viene data una penalità a Raikkonen (i meccanici hanno lavorato sulla vettura oltre il tempo concesso) con Massa che prima va lungo e poi tocca le barriere, sempre alla prima curva. Quando la pista si asciuga sembra che le emozioni siano finite: ci pensa così Rosberg a ravviavare la gara con un terribile incidente. SC di nuovo e tutto da rifare. Alla ripartenza Raikkonen tampona Sutil, che era incredibilmente 4°. Vince Hamilton al limite delle due ore, davanti a Kubica e Massa. Ottimo 5° posto per Vettel, con Kovalainen 8°, Raikkonen 9°, Alonso 10° davanti a Button.

2009 – Terza doppietta Brawn in stagione: il solito Button domina dall’inizio, precedendo sul traguardo Barrichello. Ottimo 3° posto per Raikkonen, davanti al compagno Massa. In ombra le Red Bull: Vettel sbatte alla Sainte Devota, Webber arriva 5°. Dopo l’incidente nel Q1, Hamilton recupera fino al 12° posto, con il compagno Kovalainen che finisce contro le barriere. A punti Rosberg (6°), Alonso (7°) e Bourdais. Ritirati per incidente Buemi e Piquet jr, mentre per problemi ai freni si ritira Kubica.

2010 – Un Webber in forma strepitosa domina il 6° appuntamento stagionale. L’australiano, partito dalla Pole Position, rimane in testa per tutti e 78 i giri della corsa nonostante l’ingresso di ben 4 SC per gli incidenti di Hulkenberg, Barrichello, per il contatto Trulli Chandhok e per dei detriti. SUl podio finiscono Vettel e Kubica, seguiti da Massa, Hamilton e Alonso, partito ultimo per un incidente nelle libere e abile a sfruttare la prima SC di giornata. Schumacher sorpassa il ferrarista in regime di SC all’ultimo giro e vede così sfumare il 6° posto. Ritirato Button.

Ecco gli highlights dell’edizione dello scorso anno:

ALBO D’ORO

1950 – J. M. Fangio (Alfa Romeo)
1955 – M. Trintignant (Ferrari)
1956 – S. Moss (Maserati)
1957 – J. M. Fangio (Maserati)
1958 – M. Trintignant (Cooper-Climax)
1959 – J. Brabham (Cooper-Climax)
1960 – S. Moss (Lotus-Climax)
1961 – S. Moss (Lotus-Climax)
1962 – B. McLaren (Cooper-Climax)
1963 – G. Hill (BRM)
1964 – G. Hill (BRM)
1965 – G. Hill (BRM)
1966 – J. Stewart (BRM)
1967 – D. Hulme (Brabham-Repco)
1968 – G. Hill (Lotus-Ford)
1969 – G. Hill (Lotus-Ford)
1970 – J. Rindt (Lotus-Ford)
1971 – J. Stewart (Tyrrell-Ford)
1972 – J. P. Beltoise (BRM)
1973 – J. Stewart (Tyrrell-Ford)
1974 – R. Peterson (Lorus-Ford)
1975 – N. Lauda (Ferrari)
1976 – N. Lauda (Ferrari)
1977 – J. Scheckter (Wolf-Ford)
1978 – P. Depailler (Tyrrell-Ford)
1979 – J. Scheckter (Ferrari)
1980 – C. Reutemann (Williams-Ford)
1981 – G. Villeneuve (Ferrari)
1982 – R. Patrese (Brabham-Ford)
1983 – K. Rosberg (Williams-Ford)
1984 – A. Prost (McLaren-TAG)
1985 – A. Prost (McLaren-TAG)
1986 – A. Prost (McLaren-TAG)
1987 – A. Senna (Lotus-Honda)
1988 – A. Prost (McLaren-Honda)
1989 – A. Senna (McLaren-Honda)
1990 – A. Senna (McLaren-Honda)
1991 – A. Senna (McLaren-Honda)
1992 – A. Senna (McLaren-Honda)
1993 – A. Senna (McLaren-Ford)
1994 – M. Schumacher (Benetton-Ford)
1995 – M. Schumacher (Benetton-Renault)
1996 – O. Panis (Ligier-Mugen Honda)
1997 – M. Schumacher (Ferrari)
1998 – M. Hakkinen (McLaren-Mercedes)
1999 – M. Schumacher (Ferrari)
2000 – D. Coulthard (McLaren-Mercedes)
2001 – M. Schumacher (Ferrari)
2002 – D. Coulthard (McLaren-Mercedes)
2003 – J. P. Montoya (Williams-BMW)
2004 – J. Trulli (Renault)
2005 – K. Raikkonen (McLaren-Mercedes)
2006 – F. Alonso (Renault)
2007 – F. Alonso (McLaren-Mercedes)
2008 – L. Hamilton (McLaren-Mercedes)
2009 – J. Button (Brawn-Mercedes)
2010 – M. Webber (Red Bull-Renault)

5 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!