Ferrari: ogni smentita è una conferma…

14 giugno 2011 15:45 Scritto da: Davide Reinato

In queste settimane se ne leggono di tutti i colori sui vari media internazionali riguardo il futuro della Ferrari in Formula 1. Ogni piccola indiscrezione viene fatta diventare un notizione, andando ad alimentare discussioni spesso basate sul nulla, che servono solo a riempire pagine di un blog o di un quotidiano, come se servisse a qualcosa. Partiamo intanto da un presupposto: i giornalisti, anche quelli sportivi, dovrebbero cercare di divulgare la verità, ma spesso non è così semplice. Non prendete questo articolo come la volontà di sentenziare su quanto accade in Ferrari, ma consideratelo come un punto della situazione, in grado di aggiornarvi su come stanno i fatti allargando le vedute, confrontando i vari punti di vista che nelle ultime settimane abbiamo avuto da diverse fonti. Per le certezze assolute,  suonare in Via Abetone inferiore numero 4, Maranello. E sperate che non vi apra il Cola.

Quello che ci ha messo la pulce nell’orecchio è che  ogni indiscrezione venga prontamente bollata dall’Ufficio Stampa Ferrari come idiozia. Va bene che noi giornalisti ne scriviamo tante, ma non fino a questo punto. Cerchiamo di analizzare i fatti, partendo da qualche settimana fa con il caso del sollevamento di Aldo Costa dal suo incarico di direttore tecnico.

CASO COSTA, IL GIALLO CONTINUA: quello che ci hanno raccontato è che la sua testa sia saltata perché Costa è troppo conservatore, privo di qualunque lampo di genio e un’altra caterva di cattiverie sparate a raffica sull’ingegnere. Perché, non dimentichiamoci, che a certi livelli anche quello considerato più “scarso” è comunque un mezzo genio. Il 24 maggio scorso, alla vigilia del GP di Monaco, Costa viene silurato.

Il motivo? Serviva un capro espiatorio. Chi segue il giornalista Leo Turrini, molto vicino a Maranello, avrà sicuramente letto lo sfogo di un “fantomatico” membro interno della gestione sportiva, che Leo chiama ironicamente “Gola Profonda”, per non svelarne l’identità. Vi riportiamo alcuni passaggi interessanti per mera cronaca:

“A voi giornalisti stanno raccontando un sacco di balle. Vanno sul sicuro, perché siete un bell’esercito di propagandisti. Prendi il mantra più recente: Costa non andava bene perché troppo conservatore, scarsamente creativo. […] E’ vero esattamente il contrario! Come direttore tecnico, Costa si lamentava con Tombazis per la scarsa audacia di certe soluzioni. […] Aldo andava sostituito per altre ragioni e non così, non pugnalandolo alla schiena mentre credeva di dover partire per Montecarlo…”

Questo è quello che riporta il giornalista sul suo blog, ma la fonte anonima non è mai sicura. Anzi, il più delle volte è il risultato di pensieri autoprodotti e messi lì a nome di un signor nessuno, così mal che vada si può dare la colpa a qualcuno che non esiste.

Anche la storia della galleria del vento obsoleta, più volte ripresa anche dai quotidiani nazionali, fa un po’ acqua da tutte le parti. Addirittura tale “Gola Profonda” ammetterebbe che Costa comunicò a Domenicali, nell’ultimo giorno di test a Barcellona, che i dati tra pista e simulazione erano discordanti. Possibile che un team principal venga aggiornato così in ritardo? E la galleria del vento di Colonia, ex-Toyota, sbagliata anche quella? Il mistero si infittisce.

RIVOLUZIONE DELL’ORGANICO – Qui le varie fonti concordano: la Ferrari rafforzerà l’organico con tecnici in arrivo dall’estero e su consiglio di Pat Fry. Ci è dato sapere che tra i papabili arrivi ci sarebbe James Key (Sauber), già contattato dopo la prima gara a Melbourne, o il ritorno di John Iley (McLaren), che fino al 2009 aveva ricoperto a Maranello il ruolo di capo aerodinamica e galleria del vento.

Se il comparto tecnico potrebbe subire lievi variazioni, restano però ancora dubbi su quello gestionale. Il primo indiziato è sicuramente Stefano Domenicali. Si parla già da tempo, infatti, di una sua sostituzione con un pezzo da novanta come Briatore. Cosa poteva fare la Ferrari, se non smentire? Qualche giorno fa avevamo provato ad ipotizzare l’arrivo di Flavio, ma solamente nel 2013 [Leggi post]. Il manager piemontese, infatti, non potrebbe arrivare già l’anno prossimo, perché la sua squalifica per il crash gate termina il 31 dicembre 2012. Segnatevi questa data, perché scade anche il contratto dei team con Ecclestone in quel periodo, e la cosa non è da sottovalutare. Probabilmente tutte le visite di Flavio a Maranello hanno un altro scopo, ma c’è gente vicina alla squadra pronta a mettere la mano sul fuoco sull’arrivo di Briatore a squalifica conclusa.

Se si chiede al diretto interessato del suo arrivo a Maranello, ben che vada ti manda con nonchalance a quel paese. Se si chiede alla Ferrari, risponde che è un’idiozia. Bon, ma ci aspettiamo veramente che vengano a dire a noi cosa bolle in pentola?  Ci rimarrà il dubbio ancora per qualche mese…

MERCATO PILOTI: Su Felipe, abbiamo discusso centinaia di volte. L’ultima volta abbiamo anche fatto un viaggio nella crisi di Felipe [Leggi post], che di tornare ai livelli d’un tempo, proprio non gli riesce. Così, insieme alla controversa situazione dei tecnici, a Casa Modena ci si aggiunge anche il problema dei piloti. La Rossa ha dato fin troppa fiducia a Massa, ma adesso è ora di cambiare. I nomi che più realisticamente circolano sono essenzialmente due: Nico Rosberg e Sergio Perez.

Iniziamo dal più giovane Perez. Fa già parte della famiglia Ferrari, grazie alla Driver Academy. Potrebbe rappresentare la giusta scelta per affiancare Alonso nei prossimi anni, ma l’inesperienza del giovane messicano potrebbe giocare brutti scherzi. Se la scelta cadesse su di lui, sarebbe più giusto lasciarlo un altro anno alla Sauber, con Massa in Ferrari fino alla fine naturale del suo contratto, al termine di 2012. L’altra alternativa è Nico Rosberg. Il tedesco, nonostante la giovane età, può vantare un buon bagaglio d’esperienza che potrebbe essere molto utile. In coppia con Alonso, sarebbe davvero perfetto. Unico neo? Di certo Nico non si chinerebbe al cospetto del Principe delle Asturie, questo è più che naturale. Ma sarà abbastanza per fermare lo sbarco di Rosberg a Maranello?

SMENTITE – olè! Tanto per chiudere in bellezza, Domenicali ha smentito i contatti con Rosberg: “Le ho lette queste voci. Posso garantirvi al 100% che non ci sono stati contatti”. Colajanni rincara la dose: “Il presidente ha già confermato Massa per il 2012″. Peccato che il Cola faccia finta di non ricordare che storicamente, i contratti Ferrari hanno fatto la fine della carta igienica. Chiedere a Raikkonen.

Inoltre, spesso le smentite si sono presentate come conferme nei mesi successivi. Qualche esempio? In Ferrari si negavano al 100%  i contatti con Raikkonen per il 2007  e con Alonso nel 2010. Così, tanto per ricordarcelo…

SI PENSA AL 2012 – In una situazione come quella attuale, pensare di recuparere il gap dalla Red Bull è assolutamente impensabile. E nonostante le dichiarazioni pubbliche vedano la Ferrari ancora motivata, la realtà sembra ben diversa. Quest’anno è ormai perso, ma a differenza del 2009, si continuerà a lavorare sullo sviluppo della vettura, portando diverse novità tecniche da provare nei weekend di gara e sopperire così alla mancanza di test durante la stagione.

In pratica, la 150° Italia dovrebbe diventare una sorta di monoposto laboratorio per sperimentare idee e soluzioni di Tombazis e Fry. Perché è impensabile abbandonare il progetto e recuperare il gap l’anno seguente solo con le idee su un foglio di carta bianco. Si rischierebbe davvero di buttare un altro anno via e adesso, in Ferrari, nessuno è disposto a soffrire ancora.

59 Commenti

  • ZioTure
    Hamilton ?? !!!
    Sarebbe una scelta alla Domenicali… non metto in dubbio che Hamilton sia un talento ma affiancarlo ad Alonso con una squadra costruita attorno a lui sarebbe una bottigliata sugli zebedei degna delle scelte tattiche al muretto fatte dalla Ferrari negli ultimi 5 anni che chi hanno fatto perdere la bellezza di due titoli piloti.
    Hamilton romperebbe gli equilibri interni quindi o Hamilton o Alonso e in questo momento preferisco Alonso. Anche se non ho stima di Briatore bisogna riconoscere che ha sempre avuto una politica coraggiosa e produttiva sui piloti visto che ha lanciato Shumacher e Alonso, ne ha provati sempre molti e credo sia il modo migliore per scoprire i talenti. La politica di avere un super campione e una seconda guida giovane anche in Ferrari non sarebbe male, con la possibilità di licenziare la seconda guida e provarne un’altra anche a stagione in corso …
    .

    Per chiarire in F1 ormai comandano gli sponsors anche perche’ tra Malboro e Santander alla Ferrari arrivano 200 Milioni di Euro a stagione, e gestire due campioni del mondo e’ possibile in Ferrari, anche se sono anni che non si fa piu’.
    I timori di Ham sono due 1 quello che tu hai gia’ citato, secondo la competitivita’ dell’auto, ma che lui venga in Ferrari e’ solo questione di tempo non sara’ per la prossima, ma arrivera’ comunque.
    Briatore spinge per avere Webber il prossimo anno a fare un annetto o due, per poi decidere, Rosberg perde quotazioni, a Monza ci sara’ un annuncio.
    Invece permettimi di dire … il tuo suggerimento di prendere un giovane per poi testarne altri in corso durante la stagione, cozza con la necessita’ di vincere il Mondiale Costruttori al quale la Ferrari punta decisamente di piu’ rispetto a quello piloti, questa strategia puo’ invece essere adottata da scuderie satellite tipo la Sauber dove andranno a formarsi i nuovi piloti.

  • FabioC
    Si, ma un po’ a scalare, vedrete presto… 😉

    FABIO C
    Scusami….sono duro di comprendonio, non ho capito una favazza con questo tuo a scalare ??? Non puoi essere più esplicito :):):)
    Grazie sempre e comunque

  • FabioC

    pisco
    @FABIO C
    Ora più che mai mi – ci serve un tuo interveto !!!
    Se ci sei batti un colpo :):):):)
    Grazie

    Eccomi, come vi avevo gia’ detto sono straimpegnato in questo periodo e non passo molto in sede per aggiornamenti da postare.
    Sul post Domenicali che altro c’e’ da dire, rispetto a quello che avevo velatamente gia’ annunciato 😉 ? leggendo anche in giro mi sembra che piu’ di un sito una idea se la sia fatta…
    E’ ovvio che si sta cercando di ricreare lo staff che ha portato al mondiale di Alonso in Ferrari, con aggiornamenti e migliorie del caso.
    Come giustamente ha scritto Davide Reinato, ogni smentita al 100% negli ultimi anni e’ risultata in una conferma poi, i casi sono molti.
    Da quello che so ancora mancano all’appello un motorista e poi lo staff e’ a posto, lo annunceranno prima o poi anche se quest’anno la stagione e’ lunga.
    A Silverstone porteranno il massimo dello sviluppo possibile per la monoposto, sia meccanico che aerodinamico, il tutto in funzione di avere una macchina in grado di competere con le RB.
    Freni modificati (gia’ visti anche in gara devo dire), e sospensione posteriore rivista (made in Fry) per scaldare meglio le gomme, aggiornamenti al cofano motore e al diffusore, alettone anteriore “morbido” ;), e varie modifiche aerodinamiche.
    Sul fronte piloti allora tanto parecchie cose sono gia’ uscite, la Ferrari vuole Hamilton, ma lui tre settimane fa rispose di voler rimanere un altro anno in MCL, ora non so se le cose sono cambiate o sono solo voci giornalistiche, sarebbe comunqe un gran passo lasciare l’inghilterra per lui e ci vuole pensare bene, anche perche’ si ritroverebbe in una squadra costruita intorno ad Alonso. Vista la risposta si e’ sondato Rosberg ma e’ meno gradito allo sponsor. Non ho altre notizie a riguardo per ora vi faro’ sapere.
    Vi dico non passando in sede e quindi non vedendo con i miei occhi le cose e parlando poco se non al telefono con i miei amici, ho meno informazioni e percio’ mi scuso, la prossima settimana dovrei essere li vi faro’ un rapportino piu’ dettagliato.
    Ora vi saluto e torno a disegnare.

    Hamilton ?? !!!
    Sarebbe una scelta alla Domenicali… non metto in dubbio che Hamilton sia un talento ma affiancarlo ad Alonso con una squadra costruita attorno a lui sarebbe una bottigliata sugli zebedei degna delle scelte tattiche al muretto fatte dalla Ferrari negli ultimi 5 anni che chi hanno fatto perdere la bellezza di due titoli piloti.
    Hamilton romperebbe gli equilibri interni quindi o Hamilton o Alonso e in questo momento preferisco Alonso. Anche se non ho stima di Briatore bisogna riconoscere che ha sempre avuto una politica coraggiosa e produttiva sui piloti visto che ha lanciato Shumacher e Alonso, ne ha provati sempre molti e credo sia il modo migliore per scoprire i talenti. La politica di avere un super campione e una seconda guida giovane anche in Ferrari non sarebbe male, con la possibilità di licenziare la seconda guida e provarne un’altra anche a stagione in corso …
    .

  • ma io non so se con il siluramento del ing. costa hanno risolto il problema. da mie informazioni lo staff quelli che non fanno interviste , non a per niente digerito il taglio al personale e sopratutto la sparizione dei bonus .come dire va bene la gloria ma il portafoglio rimane
    prioritario .

    • che si spremessero le meningi , che stanno facendo solo figure di m…hanno di base stipendi da favola nn si permettessero di piangere miseria… perche nn è il caso e ringrazino il cielo di lavorare dove lavorano !!!!

  • pisco
    @FABIO C
    Ora più che mai mi – ci serve un tuo interveto !!!
    Se ci sei batti un colpo :):):):)
    Grazie

    Eccomi, come vi avevo gia’ detto sono straimpegnato in questo periodo e non passo molto in sede per aggiornamenti da postare.
    Sul post Domenicali che altro c’e’ da dire, rispetto a quello che avevo velatamente gia’ annunciato 😉 ? leggendo anche in giro mi sembra che piu’ di un sito una idea se la sia fatta…
    E’ ovvio che si sta cercando di ricreare lo staff che ha portato al mondiale di Alonso in Ferrari, con aggiornamenti e migliorie del caso.
    Come giustamente ha scritto Davide Reinato, ogni smentita al 100% negli ultimi anni e’ risultata in una conferma poi, i casi sono molti.
    Da quello che so ancora mancano all’appello un motorista e poi lo staff e’ a posto, lo annunceranno prima o poi anche se quest’anno la stagione e’ lunga.
    A Silverstone porteranno il massimo dello sviluppo possibile per la monoposto, sia meccanico che aerodinamico, il tutto in funzione di avere una macchina in grado di competere con le RB.
    Freni modificati (gia’ visti anche in gara devo dire), e sospensione posteriore rivista (made in Fry) per scaldare meglio le gomme, aggiornamenti al cofano motore e al diffusore, alettone anteriore “morbido” ;), e varie modifiche aerodinamiche.
    Sul fronte piloti allora tanto parecchie cose sono gia’ uscite, la Ferrari vuole Hamilton, ma lui tre settimane fa rispose di voler rimanere un altro anno in MCL, ora non so se le cose sono cambiate o sono solo voci giornalistiche, sarebbe comunqe un gran passo lasciare l’inghilterra per lui e ci vuole pensare bene, anche perche’ si ritroverebbe in una squadra costruita intorno ad Alonso. Vista la risposta si e’ sondato Rosberg ma e’ meno gradito allo sponsor. Non ho altre notizie a riguardo per ora vi faro’ sapere.
    Vi dico non passando in sede e quindi non vedendo con i miei occhi le cose e parlando poco se non al telefono con i miei amici, ho meno informazioni e percio’ mi scuso, la prossima settimana dovrei essere li vi faro’ un rapportino piu’ dettagliato.
    Ora vi saluto e torno a disegnare.

  • principesco88

    per il mercato piloti: su Rosberg sono d’accordo è un ottimo pilota e sarebbe un buon secondo per la rossa, senza comunque danneggiare la sua carriera.
    Però basta parlare di questo Perez, sarà anche bravino ma non ha nacora dimostrato quasi niente. Parlo a nome di molti che vogliono già dall’anno prossimo il VERO talento della Sauber cioè: KAMUI KOBAYASHI. E’ lui che deve guidare la Ferrari. Ormai non è più una promessa ma una conferma del campione che è. Vi invito a controllare i numerosi gruppi su Facebook che vogliono kobayashi in Ferrari.

  • Revolt

    RevoltMah, fossi in voi comincerei ad usare molto di più il condizionale su discorso di Briatore al muretto della Ferrari. Se leggete un attimino i giornali, il nostro mr. impavido si sta inguaiando di nuovo in qualcosa di molto più grande di lui. A partire dalla storia dell’evasione fiscale sul suo yatch, per continuare con il processo Ruby, dove al telefono ha detto parole pesanti e compromettenti, mentre in pubblico ribadisce l’esatto opposto. E poiché sappiamo tutti benissimo che Briatore non è propriamente uno stinco di santo, è altamente probabile che fra i vari Fede e Mora da un lato e il tribunale di Milano dall’altra, finisca per uscirne nuovamente con le ossa rotte, specialmente se il suo ruolo in questo processo diventasse pesante o scomodo. C’è da dire che anche Montezemolo comincia ad avere ingerenze politiche e se dovesse accorgersi che la sola idea di Briatore al muretto, gli sporcherebbe l’immagine, sono quasi convinto che Domenicali resterà ancora per un bel po’ lì dov’è. Certamente la reputazione viene prima di qualsiasi cosa, indipendentemente dal fatto che Briatore possa essere o meno il “salvatore” caduto dal cielo sulla Ferrari: che poi si dica che ha preso casa a Maranello, importa ben poco, visto che in Ferrari ci mettono ben poco a silurare anche chi ci lavora. Se continua così, bene che vada, se lo terranno nella solita veste di “superconsulente”, giusto per salvare la faccia e il cu.lo.

    ferrarista84si ma non mischiamo la politica con lo sport

    Mi piacerebbe molto, ma ormai non c’è spazio in cui il marciume della classe dirigente e politica italiana non si insinui bruciando tutto ciò che trova sulla sua strada.

    Certo,non è bello mischiare sport e politica,ma ciò che dice Revolt non fa una grinza,sono completamente d’accordo.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!