Qualche chiarimento sui motori V6

1 luglio 2011 12:01 Scritto da: Davide Reinato

Mercoledì scorso, 29 giugno, il World Motor Sport Council ha ufficialmente votato per l’introduzione del nuovo motore V6 a partire dal 2014. Le operazioni di voto hanno confermato totalmente le intenzioni delle squadre che non volevano l’intorduzione dei quattro cilindri e avevano richiesto un cambio delle regole per il futuro. Il reparto comunicazione della FIA ci ha fatto pervenire un comunicato in cui vengono spiegati alcuni aspetti del nuovo motore, aiutandoci a capire di più sulle unità propulsive del futuro della F1.

1. Il motore V6 utilizzerà più carburante o meno rispetto alla proposta iniziale?

No. Per spingere i tecnici a sviluppare l’efficenza dei motori, il regolamento tecnico impone un controllo del flusso di carburante. Quando abbiamo adattato il regolamento alle richieste dei costruttori, questo parametro non è stato modificato, in modo che anche i requisiti minimi di efficienza non saranno intaccati.

2. Perché il limite di giri è stato aumentato da 12.000 rpm a 15.000 rpm? E’ solamente stata una questione per migliorare il suono delle monoposto?

No, questo parametro è stato aggiornato per consentire ai tecnici maggiore flessibilità sulla gestione della potenza. Tuttavia, la conseguenza della nuova architettura V6 e la variazione di giri, porterà al motore un suono diverso, ma rimarrà identificativo della F1.

3. L’aumento di giri per minuto potrebbe alterare il consumo di carburante?

Assolutamene no. Come accennato in precedenza, il limite di flusso di carburante sarà lo stesso. Le tecnologie sono le stesse e di conseguenza un aumento dei giri per minuto vincola i tecnici a lavorare di più per ridurre l’attrito e guadagnare in efficienza del motore. La sfida sarà ancora più grande di quanto previsto originariamente e, pertanto, migliorerà la leadership tecnologica.

4. La FIA ha mantenuto il sistema di recupero di energia che originariamente era destinato ad essere utilizzato sul quattro cilindri?

Si, il concetto iniziale è stato rispettato. Tutte le tecnologie pensate e destinate ai quattro cilindri saranno presenti anche nel V6. Sarà un ulteriore passo avanti sia in efficienza dei consumi, sia nella gestione energetica.

5. I sistemi di recupero energetico e altri dispositivi di efficienza influenzeranno anche lo sviluppo delle vetture stradali?

Si, la chiara necessità per l’industria automobilistica per ridurre le emissioni significa che anche la gestione dell’energia sarà un fattore chiave nello sviluppo dei propulsori più efficienti. Il sistema di recupero dell’energia cinetica è già applicato in F1 e si aggiungerà anche il recupero di energia dallo scarico, un altro percorso tecnologico da esplorare. Questa ricerca avrà reali benefici, contribuendo a preziose conoscenze per lo sviluppo delle auto stradali del futuro.

6. Quei produttori già impegnati nello sviluppo di un quattro cilindri dovranno ora reindirizzare le proprie risorse verso la progettazione di un V6. Questo non aumenterà i costi?

A conoscenza della FIA, cinque produttori stavano già lavorando sulla proposta di un motore a quattro cilindri. Tutti drovranno adeguarsi ai nuovi progetti e sicuramente questo porterà a costi aggiuntivi, a seconda dello stato di avanzamento di ciascun progetto, ma questa evoluzione è stata proposta e sostenuta dai quattro costruttori impegnati in F1.

7. Perché l’introduzione dei motori V6 viene ritardata di un anno?

E’ stato richiesto direttamente dai quattro motoristi presente oggi nella categoria. Questa richiesta di tempo extra è giustificata al cambiamento di architettura, ma anche per garantire che i loro progetti siano più affidabili. Uno degli obiettivi del progetto è quello di aumentare la durata del motore a circa 4.000 km.

8. Infine, quali saranno – in sintesi – le specifiche tecniche del nuovo motore V6?

L’architettura, appunto, sarà V6 con cilindrata di 1.600cc a 15.000 giri al minuto. Iniezione diretta fino a 500 bar, turbocompressore singolo e flusso di carburante controllato. In più, saranno associati all’unità propulsiva un KERS da 120 kW alle ruote posteriori e un sistema di recupero energetico degli scarichi collegati al turbocompressore.

21 Commenti

  • Purtroppo per via delle emissioni il turbo soppianterà l’aspirato :(((
    Sono sicuro che i 15 mila giri aiuteranno molto il rumore. O almeno spero…

  • F1forever
    Io sono un purista della F1, nel senso che: “La F1 deve essere la Massima espressione tecnologica di ricerca e sviluppo del mondo dell’automobile.”
    Se vogilono le limitazioni , le auto ecologiche, i consumi ridotti, i costi ridotti, allora per quello ci sono già la Formula Renault, La formula Ford, La Formula 2, le gare di durata, le gare in salita, e dulcis in fundo le classiche “Tirate in Autostrada”.
    Io rivoglio la F1 dei meccanici e dei piloti che si sporcavano le mani, che brutto vedere i meccanici al lavoro con i guanti BIANCHI, rivoglio la Formula 1 del MULETTO, in caso di incidente il pilota poteva prendere la Terza vettura, rivoglio le gomme libere, rivoglio la benzina libera, rivoglio l’anarchia che rendeva speciale la F1, e ricordo anche che a quei tempi i reclami erano inesistenti, perchè nessuno violava qualche stupida regola creta solo per fare casino.

    Concordo al 100% una f1 moderna dovrebbe solo avere limiti e regole sulla sicurezza tutto il resto libero. Ma avete presente l’attesa di vedere il debutto della Tyrrel con 6 ruote negli anni 70 rispetto alla F1 moderna fatta di motori da Panda elaborati!

  • è tutto sempre più ridicolo. ancora 2 anni poi non guarderò più questa F1 (che di F1 ha solo il nome)

  • mista bene quasti tutto… ma il limite di giri in F1 è tristissimo….

  • Io sono un purista della F1, nel senso che: “La F1 deve essere la Massima espressione tecnologica di ricerca e sviluppo del mondo dell’automobile.”
    Se vogilono le limitazioni , le auto ecologiche, i consumi ridotti, i costi ridotti, allora per quello ci sono già la Formula Renault, La formula Ford, La Formula 2, le gare di durata, le gare in salita, e dulcis in fundo le classiche “Tirate in Autostrada”.
    Io rivoglio la F1 dei meccanici e dei piloti che si sporcavano le mani, che brutto vedere i meccanici al lavoro con i guanti BIANCHI, rivoglio la Formula 1 del MULETTO, in caso di incidente il pilota poteva prendere la Terza vettura, rivoglio le gomme libere, rivoglio la benzina libera, rivoglio l’anarchia che rendeva speciale la F1, e ricordo anche che a quei tempi i reclami erano inesistenti, perchè nessuno violava qualche stupida regola creta solo per fare casino.

    • Scusa, ma vuoi la massima espressione tecnologica e vedere le cose come una volta? La massima espressione tecnologica è l’aerodinamica, ora come ora, e non è più possibile l’anarchia come un tempo, pena gare noiose con le auto accoppiate a due a due, per scuderia.
      Il pilota non può più fare la differenza di un tempo, quindi SERVE avere le auto le più vicine possibili, pur non diventando un monomarca…

  • Carlo65

    john
    il suono dei motori turbo è qualche cosa d unico purtroppo per questioni d eta nn ho potuto godermi l epoca dei motori turbo in f1 nn vedo l ora di sentire il fischio inconfondibile dei sovralimentati con il ruggito di un motore da f1…..

    io li ho visti e sentiti parecchie volte, monza, le castelet, nurburgring e zetltweg, credimi gli aspirati come sound sono migliori.

    veramente carlo ???? nn l avrei mai detto va beh io ho un amore smisurato per i sovralimentati …quindi probabilmente apprezzero lo stesso iil mio 1 gp fu nel 97 a monza e ricordo l urlo inumano di quei v10 mamma mia e ricordo anche la 1 volta che vidi il kaiser affrontare la parobolica…… mi viene ancora la pelle d oca mi ricordo pure che mio padre disse, e nn è un tipo facile agli entusiasmi, PAZZESCO COME ENTRA IN CURVA ….

  • gabriele72

    f1tecno
    l’unica cosa che non mi piace è il limite dei giri.
    limitando i giri non vedremo nessun motore rompersi, capisco l’affidabilità ma questo vincolo è troppo

    come il limite dei giri?da 12000 è passato a 15000

  • john
    il suono dei motori turbo è qualche cosa d unico purtroppo per questioni d eta nn ho potuto godermi l epoca dei motori turbo in f1 nn vedo l ora di sentire il fischio inconfondibile dei sovralimentati con il ruggito di un motore da f1…..

    io li ho visti e sentiti parecchie volte, monza, le castelet, nurburgring e zetltweg, credimi gli aspirati come sound sono migliori.

  • Joyspeed
    V6 1600cc???? un motore degno della panda. voglio vedere se avranno il coraggio di fare una ferrari con un motore così. Almeno fosse stato un 2litri……

    guarda che un v6 turbo da 1600cc se fosse lasciato libero si raggiungerebbero potenze mostruose, il problema non è la cilindrata ma le troppe limitazioni, io avrei fatto un 1200cc libero, unica limitazione pressione turbina e durata di 4000km, poi che vinca il migliore, penso che si possa tranquillamente raggiungere gli 800/900 cv.

  • V6 1600cc???? un motore degno della panda. voglio vedere se avranno il coraggio di fare una ferrari con un motore così. Almeno fosse stato un 2litri……

  • l’unica cosa che non mi piace è il limite dei giri.

    limitando i giri non vedremo nessun motore rompersi, capisco l’affidabilità ma questo vincolo è troppo

  • gabriele72

    un motore degno di una f1!

  • il suono dei motori turbo è qualche cosa d unico purtroppo per questioni d eta nn ho potuto godermi l epoca dei motori turbo in f1 nn vedo l ora di sentire il fischio inconfondibile dei sovralimentati con il ruggito di un motore da f1…..

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!