Sauber: che gara Perez, settimo al traguardo!

11 luglio 2011 23:57 Scritto da: Antonino Rendina

Che gara che ha fatto Sergio Perez! Settimo al traguardo a Silverstone dopo una gara tosta, tutta ritmo e bagarre.

Un risultato importante per il giovane rookie messicano, per la seconda volta a punti in carriera. Un risultato, a dire il vero, insperato alla vigilia e quasi sbalorditivo, se consideriamo il periodo che ha attraversato il giovane pilota sudamericano. Velocissimo e fin troppo irruento nelle prime prove, fino a quel tremendo incidente a Montecarlo che poteva costargli carissimo.

Un botto che gli ha impedito di correre in Canada ma che, a quanto pare, non ha inciso sulla testa e sul manico. Alla buona prova di Valencia (undicesimo) ha fatto seguito, in Gran Bretagna, una gara a dir poco magistrale.

Veloce in ogni condizione di asfalto, il giovane alfiere di Hinwill è stato capace di usare al meglio le Pirelli e di mantenere lo stesso passo della Mercedes di Rosberg. Ritmo di molto superiore a quello dei suoi diretti avversari come Force India e Toro Rosso.

Comprensibile la gioia del ragazzo: “Penso che sia stata una buona gara e che sia arrivato un ottimo risultato per la squadra. All’inizio le condizioni erano molto difficili, ma siamo riusciti a stare lontano dai guai. La strategia è stata buona e i meccanici nei miei pit stop sono stati fantastici. Purtroppo non ho potuto superare Nico (Rosberg). Ero vicino ma lui in rettilineo era troppo veloce. Sono contentissimo, ho lasciato dietro i problemi degli ultimi tempi. Dopo l’incidente di Monaco ci ho messo un po’ a ritrovare il ritmo gara. E tra due settimane ‘sarò ancora più forte.

Grande soddisfazione anche per il team principal Peter Sauber: “Sono davvero molto contento del settimo posto di Sergio, quindi complimenti a lui“. Il team principal elvetico, da grande talent scout qual è, sente di aver vinto un’altra scommessa dopo quella di Kobayashi.

Sergio è ancora un pilota acerbo, quasi indecifrabile, ma una grande qualità è emersa fin dall’Australia: la freddezza. Una calma alla guida da veterano, unita a una nitida capacità di controllare la gara. Le premesse per diventare un grande pilota ci sono tutte, e a crescere lo aiuteranno sicuramente questi sei limpidissimi punti che consolidano il sesto posto della Sauber in classifica Costruttori.

16 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!