14 agosto: il ricordo di Enzo Ferrari

14 agosto 2011 08:28 Scritto da: Davide Reinato

14 agosto 1988, muore a Maranello Enzo Ferrari. Il creatore della Rossa, l’auto simbolo dell’Italia che vince, l’uomo che ha creato il mito del Cavallino Rampante, il marchio italiano più conosciuto nel mondo.

Commendatore, Cavaliere del Lavoro, due lauree honiris causa. Ma la vita di Ferrari è anche accompagnata da grandi tragedie familiari, come la morte del suo adorato figlio Dino, a soli 24 anni. Alla sua memoria, Enzo Ferrari dedica una delle sue più celebri vetture, la Ferrari Dino.

Della sua vita, del suo carisma e del suo carattere schivo e schietto si è veramente detto di tutto e di più. Vogliamo ricordarlo, oggi, ascoltando una delle interviste più significative fatte al Drake, condotta da Enzo Biagi. Aggiungere altro sarebbe quasi superfluo.

8 Commenti

  • Correremo finché avremo la benzina. Correremo finché avremo le idee, i soldi, il coraggio, le mani, le braccia, l’aria da respirare, il sangue nelle vene. [Enzo Ferrari]

  • Caribbean Black

    Altruny
    L’ultima frase racchiude tutto il pensiero Ferrari…”noi abbiamo bisogno di VINCITORI…non di secondi o terzi posti”…c’è altro da aggiungere?

    ….che era anche la massima di ayrton senna :)

  • L’ultima frase racchiude tutto il pensiero Ferrari…”noi abbiamo bisogno di VINCITORI…non di secondi o terzi posti”…c’è altro da aggiungere?

  • Ferrarista Sfegatato

    cosa si può dire ad enzo ferrari … SOLTANTO GRAZIE per aver creato la SCUDERIA FERRARI … non ci credeva nessuno quando l’alfa lo licenziò … e invece guarda cosa ha creato : UN MITO !!! lui può essere un esempio per tutti … CREDERCI SEMPRE, ARRENDERSI MAI !!! Questa era la sua massima di vita ed è giusto che queste parole siano ben impresse in ogni persona che lavora a maranello … CIAO ENZO !!! vedrai che presto aggiungeremo un altro paio di titoli alla GLORIOSA BACHECA della tua creatura 😉

  • A quei tempi, il successo era una priorità di gente capace, non contavano gli studi ma la propria capacità/intelligenza, allora si le cose andavano per il verso giusto, oggi purtroppo le aziende vanno in mano a degli incapaci che hanno avuto solo il merito di laurearsi, ma che nel mondo del lavoro sanno solo rubare senza essere in grado di dirigere in modo competente.

  • Alexandro HAMALORAI

    Io sono modenese come lui, e so come sono questi uomini di una volta.
    Carattere difficile, testa dura e tanta voglia di lavorare per mostrare quello di cui si ha la capacità di fare.
    Uomini che danno tutto per la famiglia, molto spesso sacrificandola per il lavoro.
    Uomini duri con la pellaccia di chi tante ne ha passate e nel caso del Drake, ne ha viste passare davvero tante, dalle vittorie più gloriose ai pianti per le morti dei tuoi piloti sulle tue macchine.

    Persona comune diventata MITO.

    Grazie, perchè il sogno continua e continuerà, fiero ed orgoglioso di essere emiliano!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!