Giovani piloti: c’è poco talento in giro?

22 agosto 2011 11:47 Scritto da: Antonino Rendina

Lo spunto per questa riflessione, sotto certi aspetti delicata, ce lo dà un mercato piloti prettamente balneare. Ovvero immobile sotto l’ombrellone con bibita in mano, più pigro del più medio degli italiani.

Se la Ferrari si tiene stretto Massa e la Red Bull decide di rinnovare il contratto a Webber (che se potesse butterebbe fuori pista Vettel) qualcosa che non va c’è. Meglio l’usato sicuro che il nuovo rischioso. Nei top team vince la filosofia dell’uovo oggi su quella più affascinante della gallina domani.

Si vede che non ci sono in giro giovani piloti così bravi da giustificare un investimento delle scuderie di vertice. Vuoi vedere che dopo l’infornata di talenti degli ultimi dieci anni il panorama qualitativo della F1 si stia irrimediabilmente appiattendo?

Dal 2000 al 2009 c’è stata l’esplosione di gente come Button, Raikkonen, Alonso, Hamilton, Vettel. Questi ultimi cinque sono diventati tutti campioni del mondo (mica poco!) ma una menzione speciale la dobbiamo a Massa così come la meritano Webber, Rosberg e lo sfortunato Kubica.

Dopo questi il nulla. Nella Formula 1 di oggi a centrogruppo, ma anche nella propedeutica Gp2, non sembra esserci nessun ragazzo con le stimmate del fenomeno.

Proprio dalla Gp2 è arrivato il campione in carica Pastor Maldonado, classe ’85, che stenta in Williams e soffre il confronto con il veterano Barrichello. Simpatico il venezuelano ma deve ancora dimostrare tanto.

La Force India ha ingaggiato un driver interessante: lo scozzese Paul di Resta. Venticinque anni e tanta gavetta in Dtm. Un professionista serio e un pilota valido. Il ragazzo si farà, ma da qui a parlare di un futuro campione anche ce ne passa.

Oltre che giovani, delle incognite tendenti al segno negativo sono anche i titolari della Toro Rosso, Sebastien Buemi e Jaime Alguersuari. Rispetto al 2010 entrambi stanno facendo meglio, soprattutto nelle ultime gare con rimonte dal fondo insperate. Ventitrè anni per lo svizzero, meticoloso nel lavoro ma alquanto indecifrabile in velocità per non dire incostante.

Soltanto ventun anni per Alguersuari che deve crescere in temperamento e freddezza. Il tempo, in questo caso, è dalla sua parte ma per ora nelle gerarchie della casa austriaca entrambi gli alfieri Str sono stati superati dall’australiano Daniel Ricciardo, fresco rookie in Hrt. E se non è più di un segnale questo…

Vanno meglio le cose in casa Sauber. Kamui Kobayashi, classe ’86, è stata la sorpresa dell’ultimo anno. Consistente e veloce, nonchè molto bravo a sorpassare. Quasi presenza fissa in zona punti. Su di lui si può puntare. 

Bene anche Sergio Perez, esordiente di ventun anni, che oltre ad essere veloce a cronometro è sembrato un pilota esperto già alla sua prima gara. Un po’ di irruenza, fisiologica, è arrivata dopo ma il ragazzino sembra uno forte.

E infatti il messicano della Sauber è in orbita Ferrari, mentre forse gli altri under della griglia non stuzzicano più di tanto la fantasia delle squadre. E bisogna farsene una ragione.

Le buone prestazioni dei vari di Resta, Kobayashi ecc. impallidiscono dinanzi alle evoluzioni di Vettel in Toro Rosso nel 2008. O, perchè no, dinanzi alle prestazioni velocistiche di un giovanissimo Raikkonen in Sauber nel 2001.

Guardando alla Gp2 la situazione è ancora più modesta. Romain Grosjean domina il campionato ma ha già corso con scadenti risultati in F1. Sarà maturato molto negli ultimi due anni ma un campione è un’altra cosa. Jules Bianchi, francese, è terzo pilota Ferrari ma non impressiona più di tanto. Una sola vittoria per lui e tantissimi errori sparsi quà e là. Manca ancora il polso fermo del pilota di statura.

Dieci anni fa Fernando Alonso stupiva con la Minardi, più tardi Felipe Massa il volante del cavallino se lo guadagnava con un 2005 monstre. Il talento, quello vero, almeno oggi alberga altrove.

Soltanto nelle prime file dello schieramento: in Red Bull, McLaren, Ferrari e Mercedes. Si salvano i piloti Sauber ma le prime quattro della classe difficilmente azzarderanno a breve pericolose scommesse…

10 Commenti

  • io cmq nn sottovaluterei kobayashi e perez…. sperando di vedere almeno uno dei 2 accanto a nado nel 2013 !!!

  • secondo me ci siamo abituati troppo bene negli ultimi 10 anni con l avvento di nando, hamilton , kubica e rosberg e il massa quello fino al 2009 prima dell incidente i fenomeni nascono ogni 15 20 accontentiamoci d averne avuti 2 in 10 anni poi ci son sempre stati i periodi di vacche magre prima dell arrivo di alonso nn m pare che ci fossero sti gran talenti nuovi ….

  • Si ma la terza vettura darebbe un ingiusto vantaggio alle scuderie che possono permettersela, perché ovviamente la sfrutterebbero per testare nuove soluzioni

  • una soluzione sarebbe avere la terza macchina in pista per le scuderie che se la possono permettere, e i punti solo per le prime due che finiscono la gara.
    Almeno i giovani hanno la possibilità di provare delle vere auto d F1, non delle GP2 camuffate.

  • principesco88

    Bell’articolo di Antonino Rendina che dà a Cesare quel che è suo, condivido pienamente quasi tutto l’articolo, ma c’è da dire che purtroppo in molti casi è la macchina a fare la differenza, non solo il pilota, dunque se ci sono piloti di “minor classe” che guidano macchine migliori, questo va a scapito di quei pochi piloti giovani che militano in scuderie minori e molto difficilmente arriveranno a podio. Le scuderie più grandi pare che non se ne siano resi conto dato il mercato 2011-12 statico. Cosa deve fare un giovane pilota per farsi vedere???

  • Sarò pirla io ma Rosberg non lo vedo ‘sto gran campione… Lo vedo poco più in alto di Weber e Massa, ma da qui a dire che è uno talentuoso….
    Frose se Kubica non si fosse fatto male sarebbe riuscito a gettare le basi per un futuro in una scuderia importante e avrebbe potuto dimostrare finalmente quanto vale.

    Joyspeed
    il prossimo campione del mondo sarà Rosberg, sempre che la mercedes gli dia una macchina top e un mentore come shumy un po’ più in carica. Altrimenti l’unica soluzione per lui è una McLaren o una ferrari vincente

  • WBrawnSchumy

    I test devono tornare per forza! ! !

  • MotoreAsincronoTrifase

    guardacaso i campioni non escono piu’ da quando c’e’ assenza di test. Prima un pilota esordiva dopo aver macinato un infinita’ di km. Ora invece dopo pochi giri gia’ si buttano in pista con macchine complicatissime da guidare e settare. Specie con kers ali mobili ecc.

  • il prossimo campione del mondo sarà Rosberg, sempre che la mercedes gli dia una macchina top e un mentore come shumy un po’ più in carica. Altrimenti l’unica soluzione per lui è una McLaren o una ferrari vincente

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!