GP Italia 2011: Vettel vince una gara entusiasmante

11 settembre 2011 15:46 Scritto da: Davide Reinato

Ci aspettavamo grande spettacolo in pista e Monza non ci ha tradito, regalandoci l’ultimo GP europeo che ricorderemo per lungo tempo. Al termine dei 53 giri previsti è Sebastian Vettel a vincere di forza il GP d’Italia 2011, mettendosi tutti dietro, comprese le critiche a quella scelta di non avere grandi velocità di punta in rettilineo.
La RB7 ha ancora una volta aiutato il giovane Vettel a completare l’opera dopo la pole di ieri, tanto che già a Singapore Sebastian potrebbe anche permettersi di chiudere definitivamente i giochi.

In seconda posizione Jenson Button con la McLaren, arrivato a nove secondi di distacco dalla vetta. Il pilota della McLaren ha ancora una volta mostrato che i suoi risultati non vengono solo dall’intelligenza tattica, ma quando c’è da attaccare non si tira indietro. Mentre il suo compagno di squadra arrancava dietro Schumy, lui è riuscito a piantare un sorpasso all’esterno alla Ascari, proprio nei confronti del sette volte iridato della Mercedes. Scrollatoosi di dosso gli avversari, ha poi infilato anche Alonso ed ha conquistato così il secondo posto qui a Monza.

Sul podio del GP d’Italia c’è Fernando Alonso che, nonostante tutto, ha motivo di fare un sorriso. Le prestazioni della sua vettura erano da terzo posto e lui lo ha ottenuto. Oltretutto, lo ha fatto già dal via, realizzando una strepitosa partenza che lo ha portato al comando della gara per qualche giro. Il podio dello spagnolo è stato aiutato anche dal ritiro di Webber e dalla perdita di tempo di Hamilton dietro Schumacher.

Proprio l’anglocaraibico esce ridimensionato da questa gara. Ha perso molto tempo dietro a Schumacher, regalandoci però un duello d’altri tempi, ruota a ruota con Zio Schumacher. Uno scontro generazionale, finito a favore di Hamilton ma fortemente condizionato dagli pneumatici di Schumacher che si rovinavano velocemente. Sicuramente, ci ha fatto sorridere il fatto che Lewis si lamentava del comportamento di Michael perché si spostava ripetutamente per non farlo passare. Ricordando i suoi zig zag storici, ci scappa un sorriso. Il duello tra loro non è mai stato sporco, anche se Michael qualche manovrina al limite l’ha anche fatta, ma ben venga per lo spettacolo!

Sesta posizione per Felipe Massa. Una buona gara la sua, condizionata però da Mark Webber che lo ha speronato alla prima variante, facendolo finire in testacoda. Proprio Webber è poi finito contro le barriere alla parabolica, dato che la sua ala anteriore si era bloccata sotto la vettura, togliendogli direzionalità.

A punti la Toro Rosso con Jaime Alguersuari, bella prestazione premiata con il settimo posto. Si conferma la Force India con l’ottavo posto di Paul Di Resta, peccato per Sutil che ha avuto un problema tecnico. A chiudere la top ten ci pensano Bruno Senna, nono, e Sebastian Buemi con la seconda Red Bull, decimo.

Ritirati fin dal primo giro Rosberg, Petrov, D’Ambrosio e Liuzzi. Quest’ultimo è stato il pilota che ha perso il controllo al via, tirandosi dietro gli incolpevoli colleghi. Ritirate anche le due Sauber per un problema tecnico.

GP ITALIA 2011 – CLASSIFICA FINALE

POS  PILOTA        TEAM                       TEMPO
 1.  Vettel        Red Bull-Renault           1h20:46.172
 2.  Button        McLaren-Mercedes           +     9.590
 3.  Alonso        Ferrari                    +    16.909
 4.  Hamilton      McLaren-Mercedes           +    17.471
 5.  Schumacher    Mercedes                   +    32.677
 6.  Massa         Ferrari                    +    42.993
 7.  Alguersuari   Toro Rosso-Ferrari         +     1 lap
 8.  Di Resta      Force India-Mercedes       +     1 lap
 9.  Senna         Renault                    +     1 lap
10.  Buemi         Toro Rosso-Ferrari         +     1 lap
11.  Maldonado     Williams-Cosworth          +     1 lap
12.  Barrichello   Williams-Cosworth          +     1 lap
13.  Kovalainen    Lotus-Renault              +     1 lap
14.  Trulli        Lotus-Renault              +    2 laps
15.  Glock         Virgin-Cosworth            +    2 laps

GIRO PIU' VELOCE: Hamilton, 1:26.187

PILOTA        TEAM                    AL GIRO
Ricciardo     HRT-Cosworth                 40
Perez         Sauber-Ferrari               34
Kobayashi     Sauber-Ferrari               23
Sutil         Force India-Mercedes         11
Webber        Red Bull-Renault             6
D'Ambrosio    Virgin-Cosworth              3
Petrov        Renault                      1
Rosberg       Mercedes                     1
Liuzzi        HRT-Cosworth                 1

CLASSIFICHE MONDIALI 
PILOTI                       COSTRUTTORI
 1.  Vettel       284        1.  Red Bull-Renault          451
 2.  Alonso       172        2.  McLaren-Mercedes          325
 3.  Webber       167        3.  Ferrari                   254
 4.  Button       167        4.  Mercedes                  108
 5.  Hamilton     158        5.  Renault                    70
 6.  Massa         82        6.  Force India-Mercedes       36
 7.  Rosberg       56        7.  Sauber-Ferrari             35
 8.  Schumacher    52        8.  Toro Rosso-Ferrari         29
 9.  Petrov        34        9.  Williams-Cosworth           5
10.  Heidfeld      34       
11.  Kobayashi     27       
12.  Sutil         24       
13.  Alguersuari   16       
14.  Buemi         13       
15.  Di Resta      12       
16.  Perez          8       
17.  Barrichello    4       
18.  Senna          2       
19.  Maldonado      1

171 Commenti

  • a volte mi domando se la gente legga quello che io scrivo prima di lanciarsi in flame autoreferenziali.

    mah…

  • Spartaco
    La vedo come te, shumi è stato straordinario a tenere dietro hamilton, il quale dopo tre giri dietro aveva rovinato le gomme, per quello nn riusciva a superarlo, button è riuscito a superarlo con agilità, perchè nn aveva gomme rovinate mentre shumi ormai le aveva distrutte!!!!

    Meno male che c è ancora qualcuno di obiettivo 😉
    inoltre quando button ha attaccato shumi, quest ultimo si è quasi fatto da parte mentre fino al giro prima aveva sempre fatto di tutto per nn farsi superare. questo probabilmente perchè lo gomme nn lo assistevano piu, un po come nel successivo sorpasso di lewis a shumi. quindi nn scriviamo fiumi di cavolate, se hamilton poteva passare shumi all ascari l avrebbe fatto prima, infatti poi ce l ha fatta (cm button), e guarda a caso entrambi nel mentre in cui shumi nn ne aveva piu per difendersi senza combinare casini… insomma come al solito, ci siamo persi in un bicchiere d’acqua, alle prese tra sfortune (vedi partenze a rallentatore per entrambi e ripartenze da dimenticare) e uno shumi alla grandissima.
    vettel se la ride di nuovo mentre noi ci becchiamo, anche stavolta, le briciole…

  • Frank Pitonetti

    ostix
    dico così per dire, eh:
    secondo me schummy si tanto prodigato nel rintuzzare i tentativi di hamilton quanto è sembrato “morbido” nei confronti di button.
    senza nulla togliere al valore ineccepibile dei tre, con le dovute proporzioni, bisogna ammettere che tenere dietro hamilton è molto più appagante che tener dietro jenson.
    insomma , dai, schummy era in configurazione: “lewis non passerà MAI !”
    per dire, eh…

    Schumacher che di proposito o quasi fa passare button fregandosene del terzo posto, pur di lasciarsi dietro Hamilton che ha un titolo esattamente come button.
    E certo adesso parte la cospirazione vs Hamilton.
    Prima o poi si scriverà che Schumacher ha usato il turbo boost di kitt pur di non far passare hamilton. ^^.

    Ah ah …

  • Frank Pitonetti

    ostix
    dico così per dire, eh:
    secondo me schummy si tanto prodigato nel rintuzzare i tentativi di hamilton quanto è sembrato “morbido” nei confronti di button.
    senza nulla togliere al valore ineccepibile dei tre, con le dovute proporzioni, bisogna ammettere che tenere dietro hamilton è molto più appagante che tener dietro jenson.
    insomma , dai, schummy era in configurazione: “lewis non passerà MAI !”
    per dire, eh…

    Schumacher che di proposito o quasi fa passare button fregandosene del terzo posto, pur di lasciarsi dietro Hamilton che ha un titolo esattamente come button.
    E certo adesso parte la cospirazione vs Hamilton.
    Prima o poi si scriverà che Schumacher ha usato il turbo boost di kitt pur di non far passare hamilton. ^^.

  • dico così per dire, eh:

    secondo me schummy si tanto prodigato nel rintuzzare i tentativi di hamilton quanto è sembrato “morbido” nei confronti di button.

    senza nulla togliere al valore ineccepibile dei tre, con le dovute proporzioni, bisogna ammettere che tenere dietro hamilton è molto più appagante che tener dietro jenson.

    insomma , dai, schummy era in configurazione: “lewis non passerà MAI !”

    per dire, eh…

    • nn credo proprio ke sia andata cosi.hamilton nel tentativo di superare micheal ha messo le ruote fuori pista ed è stato costretto ad alzare il piede,a quel punto avendo perso la traittoia è stato infilato da button;nel frattempo shumy si era leggermente rilassato,avendo visto la mclaren di hamilton perdere terreno,ma nn si è accorto e nn si aspettava l’arrivo di button;in ogni caso la tua teoria nn regge,perchè nn credo ke schumacher si sia fatto il ragionamento:”ke bello tenere dietro hamilton e ki se ne frega di button”,micheal era terzo,e stava difendendo da chi che sia il potenziale podio..almeno io la vedo cosi..:)

      • La vedo come te, shumi è stato straordinario a tenere dietro hamilton, il quale dopo tre giri dietro aveva rovinato le gomme, per quello nn riusciva a superarlo, button è riuscito a superarlo con agilità, perchè nn aveva gomme rovinate mentre shumi ormai le aveva distrutte!!!!

  • Frank Pitonetti

    ZioTure

    Myriam62
    Certo che fa sorridere sentire Hamilton lamentarsi dei cambi di traittoria di Schumy!

    Ah ah è la stessa cosa che ho pensato quando ho sentito la comunicazione via Radio.
    Schumacher è andato forte anche perche’ guidava a Monza, sembrava lo schumacher della Ferrari che correva in una pista speciale. Ci ha messo tanto del suo è finalmente ha dato una santa lezione al Ragazzino !!!
    Anche Vettel ne ha data un altra pur essendo piu’ giovane di Hamilton nel giro di un solo anno oltre ad essere diventato piu’ maturo ha dimostrato di saperci fare anche con la strategia scegliendo assieme al team una macchina con rapporti corti. I risultati che vediamo non solo solo dovuti alla guida ma anche all’intelligenza del pilota tedesco, da questo punto di vista ieri Vettel ha surclassato Hamilton sia nel sorpasso di Alonso con una macchina piu’ veloce nei rettilinei che nella gestione della gara con una macchina praticamente perfetta. Ecco la grandezza di Vettel, ma sappiamo tutti che i tifosi di Hamilton che guardano solo la guida non capiranno mai cosa ci sta dietro le vittorie di Vettel insomma… grande in tutto un pilota che sta diventando sempre piu’ completo

    Quoto, i tifosi di hamilton hanno i paraocchi, puoi spiegargli in lungo ed in largo gli enormi difetti di questo pilota, ma alla prossima vittoria usciranno fuori come funghi pronti con l’ascia di guerra a sostenere le proprie ragioni. Ieri Button ad esempio ha guidato come un pilota dovrebbe fare.
    le F1 sono cambiate dai tempi di Villeneuve… Hamilton oggi può essere considerato un unghia di Villeneuve, a volte fanno dei paragoni bizarri, che rasentano davvero il ridicolo, quel pilota era di tutt’altra pasta, sia coem guida che come carattere.
    le crisi isteriche in radio di ieri mi hanno fatto davvero ridere, il bambino viziato che punta i piedi chiedendo alla direzione di far spostare schumacher sotto pressione di brawn è stato uno spettacolo deprimente, lui poi che ne ha fatte di tutti i colori.
    Caro Montezemolo, se in futuro devi affidarti ad un giovane… lascia hamilton dove sta, e buttati su Vettel senza nemmeno pensarci.
    Stete bene così.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!