LRGP: verso il nuovo simulatore, passando per Singapore

18 settembre 2011 23:45 Scritto da: Lorenzo Floridia

La stagione della Lotus Renault sta attraversando un importante punto di svolta in vista di una crescita futura. Dopo aver perso prima dell’inizio del mondiale Robert Kubica, a causa di un ormai arcinoto incidente di Rally, la scuderia è andata avanti senza la sua punta di diamante e con la coppia Petrov Heidfeld i quali, nonostante tutto, l’hanno spinta a quota 70 pt, cioè migliore fra le “piccole”.

L’innesto di Bruno Senna – più per budget che per meriti – al posto di Heidfeld sembra aver comunque portato vitalità alla scuderia messasi in mostra con il nipote dell’indimenticato Ayrton sia nel GP del Belgio (Senna fuori dalla zona punta dopo aver fatto il bello e il cattivo tempo) sia nel GP di Monza, nel quale il brasiliano ha raccolto i suoi primi punti iridati cui sono seguiti i complimenti e le rosee previsioni del direttore tecnico James Allison.

Il nuovo che avanza e che più interessa alla scuderia è rappresentato anche dalle migliorie tecnologiche, come la costruzione del simulatore presso la fabbrica di Enstone. Il progetto del simulatore è stato approvato e l’autorizzazione alla sua erezione da parte delle autorità locali rappresenta un altro tassello del puzzle tecnologico della scuderia, cui bisogna aggiungere la già esistente galleria del vento di proprietà del team. Il simulatore dovrebbe essere pronto per marzo a detta del team manager Eric Boullier che precisa: “Abbiamo l’aiuto della tecnologia McLaren e un addetto in precedenza al capo del simulatore Red Bull … ”. Insomma tutti elementi che dovrebbero permettere alla scuderia Lotus Renault di avere una tecnologia per nulla inferiore a quella dei team principali e riconoscibile in un impianto complesso sia tecnologicamente che strutturalmente ormai punto fisso nello sviluppo di ogni team di Formula 1 che si rispetti.

Tornando ad Allison si può parlare dell’imminente GP di Singapore, le cui caratteristiche simili a quelle di Monaco ed Ungheria non fanno dormire sonni tranquilli al direttore tecnico che non nasconde le sue preoccupazioni: “Monaco ed Ungheria non sono state buone gare e Singapore condivide le stesse caratteristiche di questi due circuiti”. Nonostante questa dichiarazione un barlume di fiducia sembra leggibile nelle parole di Allison che pone l’accento sull’evoluzione della vettura che, in caso di miglioramenti nelle prestazione a Singapore, potrà “ essere pronta a buone performance nei restanti cinque circuiti, dopo aver mostrato prestazioni in crescita in tre circuiti diversi tra loro” (Belgio, Monza e Singapore eventualmente).

Per concludere è giusto ricordare come, nonostante le buone qualifiche negli ultimi GP, a Singapore la storia per la Lotus Renault possa cambiare, ma i timori d’adesso vengono contrastati dal positivismo col quale si può guardare la costruzione del nuovo simulatore cui Allison sicuramente ripone grande fiducia pur non avendolo dichiarato esplicitamente.

5 Commenti

  • Lorenzo Floridia

    Ovviamente tornare al vecchio sistema sarebbe controproducente, una via di mezzo sarebbe la cosa migliore pensando sia al pubblico che ai piloti; quest’ultimi per mantenersi in forma si dedicano ad altri sport in cui possono trovare sempre una buon quantità di scariche adrenalitiche.

  • A priori non è una cattiva idea: la Ferrari aveva una squadra prove numerosissima che stava al Mugello a settimane intere. Era un’esagerazione…Solo che poi hanno esagerato in direzione opposta, e le squadre hanno reagito investendo grandi quantità di denaro nei simulatori, che per quanto sono sofisticati non credo che costino meno della squadra test…
    Sarebbe il caso di tornare ad una via di mezzo, insomma: test regolamentati, ma non del tutto proibiti durante la stagione.

  • Lorenzo Floridia

    Sono convinti che ridurre il numero di test sia una via per il risparmio di denaro, ma è il contrario, perchè senza test e puntando in direzioni sbagliate succede che per rimediare si spende il doppio in minor tempo. Poi uno sport senza allenamento è paradossale.

  • Il proliferare dei simulatori sono il contraltare della cancellazione dei test.
    Mi pare il tipico caso in cui la regola ha sortito effetti pessimi. Almeno nei test dal vivo gli spettatori vedono qualcosa…
    Senza lasciare i test liberi indefinitamente, occorre aggiungere non una sola ma due o tre sessioni durante la stagione. A Maggio (come pare faranno il prossimo anno) e subito dopo l’ultimo gran premio prima della pausa di Agosto?…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!