Hamilton vacilla, ma loda il team mate Button

28 settembre 2011 10:39 Scritto da: Lorenzo Floridia

In questo momento in McLaren ci sono due piloti diversissimi tanto nello stile di guida quanto nell’umore.

Button centra il quarto podio di fila che lo porta a 184 punti in classifica generale, al secondo posto. All’interno del team, dopo una buona stagione d’esordio con buone prestazioni, Button è in una posizione certamente più felice del “Crash Kid” Hamilton il quale, anche a Singapore, ha regalato un nuovo capitolo delle sue avventure. Disavventure per gli altri.

“Il paracarro” (cit. Flavio Briatore) in fondo è sempre stato considerato la seconda guida della McLaren: perché ritenuto a lungo dagli addetti ai lavori, stampa e chi più ne ha più ne metta un buon pilota, ma non un potenziale fuoriclasse come il compagno.

Bisogna ora togliersi il cappello davanti a Button e riconoscerne le qualità tecniche, l’intelligenza e la classe che lo hanno portato in una posizione di superiorità nei confronti di Hamilton senza ricorrere a clamori, ipotesi di complotto e lotte interne che nel team di Woking fanno parte della storia, vedi Senna – Prost in passato o il più recente duello Hamilton – Alonso.

D’altro canto l’anglo-caraibico è stato attaccato più volte dai giornali di casa propria nel corso della stagione e raramente viene elogiato come è accaduto a Jenson Button, anche dopo gare positive che quest’anno non sono certo mancate, ma delle quali si sta pesantemente sentendo l’assenza negli ultimi mesi. Il titolo più pesante del post GP è “Hamilton senza cervello” pubblicato dal Daily Espress e che può essere la sintesi del pensiero dei quotidiani che si sono schierati contro l’anglo-caraibico: Daily Mail, Guardian ed Indipendent.

Errare è umano, perseverare è diabolico e quindi cosa può spingere un pilota di questo talento a commettere ripetutamente lo stesso errore? Il padre (ex manager) punta il dito contro il management di Lewis composto da un pool di agenti e non da uno solo; essi sarebbero “troppi per poter gestire l’immagine di un solo pilota” e quindi una delle cause della distrazione, nervosismo e cattive decisioni in pista.

Un campione mostra le qualità che gli valgono tale appellativo isolandosi dal resto dell’ambiente, personale e sportivo;  Hamilton sembra molto lontano da un qualsiasi tipo di serenità e ciò si ripercuote costantemente sul suo stile di guida, ma adesso anche all’interno del team, ormai pro Button. A poco ormai servono le parole in difesa di Whitmarsh che alla fine sembra pronunciare tali parole solo perché preoccupato più della serenità del team che di quella dell’ipotetico pilota numero uno.

Altra cosa che manca ad Hamilton è la capacità di riconoscere i propri errori (vedere alterco con Massa), ma almeno riesce ad ammettere la superiorità del compagno di squadra. Il lavoro di Button è stato apostrofato da Hamilton come “incredibile”, aggiungendo: “ … sento che sta facendo un ottimo lavoro da tutto l’anno, così anche se facessi meglio nelle prossime cinque gare non significherebbe molto per me. Intendo, è poco in confronto a una intera stagione”. Almeno fuori dall’abitacolo prova a giocare di squadra, ma non basta per salvare quella che fin’ora è la peggiore stagione per l’(ex?) più grande promessa della Formula 1, adesso la stella è quella di Vettel e in casa quella di Button, peggio di così …

63 Commenti

  • Non sono molto d’accordo su cosa dicono su (contro) Hamilton! Briatore lo ha definito “paracarro” !?…ma paracarro è uno “fermo” …..vedrei più paracarro massa o weber di questa stagione che non hanno mai vinto con vetture uguali a quelle dei rispettivi compagni….mentre Hamilton mi sembra uno di quei “velocisti” alla Mansell o G.Villeneuve che hanno la competizione nel sangue e sono poco calcolatori…..ma vi chiedo : le corse di F1 attuali senza uno come Hamilton, cosa sarebbero?…..personalmente vedo la F1 in TV dai tempi di Fittipaldi,Stewart ed Andretti (1972) e ho notato una continua ed inesorabile flessione della spettacolarità a causa dei regolamenti….ora i sorpassi si fanno ai box e vince sempre lo stesso pilota con la macchina migliore e non c’è competizione….tanto che disgustato ora che ho 54 anni mi sono abbonato a Sky per vedere le corse F.Indy almeno lì hanno tutti la stessa vettura, arrivano in volata finale 5/6 vetture e può vincere chiunque ed il campionati si decide sempre all’ultima corsa…..ora volete togliere l’unico pilota spettacolare della F1, mi sa che è proprio il deprofundis….

  • zondhouse
    cit: “fin’ora è la peggiore stagione per l’(ex?) più grande promessa della Formula 1″..
    Ok che è fuori di testa…
    Ok che sta passando un periodo no…
    Ok che soffre il confronto con Button…
    Ma gia darlo per EX promessa mi sembra esagerato!!

    Per altro ha pure vinto un mondiale

  • golewis
    Non soffre il compagno di squadra…se no lo avrebbe sofferto anche l’ anno scorso dopo le prime gare Jenson era davanti a Lewis, soffre il fatto che Vettel è inarrivabile e non può giocarsi il mondiale ad armi pari..e di conseguenza non riesce a rendere al meglio

    Hai espresso il mio parere!

  • Non soffre il compagno di squadra…se no lo avrebbe sofferto anche l’ anno scorso dopo le prime gare Jenson era davanti a Lewis, soffre il fatto che Vettel è inarrivabile e non può giocarsi il mondiale ad armi pari..e di conseguenza non riesce a rendere al meglio

  • cit: “fin’ora è la peggiore stagione per l’(ex?) più grande promessa della Formula 1″..
    Ok che è fuori di testa…
    Ok che sta passando un periodo no…
    Ok che soffre il confronto con Button…
    Ma gia darlo per EX promessa mi sembra esagerato!!

  • gabriele72

    Iron Mc

    gabriele72
    si,ma alonso l’anno scorso con una vettura nettamente inferiore,ha perso il mondiale solo per colpa delle strategie scellerate del muretto della ferrari;invece hamilton,qs’anno,con una macchina molto buona,non ha concluso niente..io non voglio sminuire button,ma se jenson ha 185punti,lewis ne dovrebbe avere almeno 220!hamilton si lamenta della squadra,dichiarando che sta finendo la pazienza,ma secondo me,qs’anno è la mclaren ke si dovrebbe lamentare del suo pilota e ha avuto tanta pazienza..

    E cosa cambierebbe se Hamilton avesse 220 punti anzichè 168??? Vettel avrebbe comunque 110 punti in più…Facciamo un ragionamento per assurdo: Escludiamo Vettel e manteniamo invariati i punteggi degli altri (Ipotesi), ci troviamo a 5 gare dal termine con Button,Alonso,Webber e Hamilton racchiusi in 17 punti…Come valutiamo la stagione e come cambierebbero i vostri e i miei giudizi se fossimo in questa situazione???
    Con questo voglio dire che quest’anno più che per colpa di Hamilton che è stato poco costante (o di Ferrari e McLaren sono state poco competitive) il mondiale non ha avuto storia per merito di Vettel e della RedBull… Quindi se Hamilton fosse stato più costante sicuramente avrebbe più punti ma non sarebbe riuscito a competere per niente di meglio di un secondo posto mondiale, esattamente quello per cui è ancora in corsa…
    Negli anni del dominio Rosso Schumacher e la Ferrari vinsero perchè McLaren e Williams avevano piloti poco costanti, oppure perchè erano nettamente più forti???
    Nessuno in quegli anni si scagliava con Montoya Raikkonen Hakkinen dicendo che erano piloti alla frutta, come oggi accade con Hamilton, semplicemente perchè tutti riconoscevano la superiorità del binomio Schumi-Ferrari. Perchè non accade lo stesso per il binomio Vettel-RedBull??? Forse perchè è più facile sparare a zero su Hamilton, piuttosto che riconoscere i meriti di un team diverso dalla Ferrari e di un pilota che non corre per la scuderia di Maranello…
    PS: il commento non è rivolto ai (veri) tifosi della Rossa che sanno comunque riconoscere i meriti altrui e che non abbandonano mai la loro squadra anche nei momenti di difficoltà…

    spero non sia rivolto neanche a me;perchè io ho sempre sostenuto che vettel è un campione e merita pienamente questo mondiale,ancor piu che l’anno scorso!per quel che riguarda hamilton,volevo solo dire che in questo momento dicono che il compagno,con la stessa vettura,è piu forte;nonostante le aspettative di tutti(della mclaren x prima)erano rivolte a lewis

    No di certo Gabriele…Il mio intervento in risposta al tuo è solo quello relativo al fatto che Hamilton anche se non avesse commesso gli stupidi errori che ha fatto finora non sarebbe riuscito a lottare per niente che fosse meglio di un piazzamento d’onore a fine stagione…
    Poi aggiungo una cosa che mi ero dimenticato: l’anno scorso Alonso il mondiale lo perse anche per colpa sua, infatti il pilota credo che collabori alle strategie di gara specie nei momenti decisivi della stagione. Si trattò di un errore di lettura della corsa anche da parte sua, infatti era facilmente comprensibile per come si era messa la gara dopo la partenza che Alonso avrebbe dovuto tenere d’occhio prima Vettel e poi Webber… Invece è caduto nel tranello tesogli intelligentemente dai bibitari…Per cui secondo me non si può dire che la colpa sia solo del muretto Ferrari, infatti Alonso,sempre elogiato per la sua capacità di leggere la corsa, in quell’occasione si fece beffare dallo specchietto per le allodole rappresentato dal rientro ai box di Webber…

  • salve ragazzi i sachequi cè troppo un climadi caccia alla stregaoraè erissimo cheluiino stadisputandounastagione nn allaltezza delle aspettative primo diamine potrà capitare capitare unastagioneno anche a lui …..nn credo che il problema sia button, con tutto il rispetto, ma questo al primo anno sel è dovuta vedere con alonso e tenne botta figuriaoci seha problemi con button,secondomeilproblemava cercfato fuori dalla pista magari sta vivendo un momentaccio o ha problemi seri che nn c è dato sapere…. tant è prima di chiamarlo ex-promessa aspettarei almeno il 2012 e selecose dovessero continuare cosi, ma nn credo, ripalremo fino a quel momento per me resta un capionissimo dietro al solo, a livello personale, fernando alonso che è assieme a button il migliore in pista nel 2011, seguiti a ruota da vettel !!!!

  • hai usato una frase giusta…un pilota non si giudica da una stagione ma dalle stagioni e considerando tutto un 8,5 da quando guida in f1 se lo merita tutto !!!!!

  • Iron Mc

    gabriele72
    si,ma alonso l’anno scorso con una vettura nettamente inferiore,ha perso il mondiale solo per colpa delle strategie scellerate del muretto della ferrari;invece hamilton,qs’anno,con una macchina molto buona,non ha concluso niente..io non voglio sminuire button,ma se jenson ha 185punti,lewis ne dovrebbe avere almeno 220!hamilton si lamenta della squadra,dichiarando che sta finendo la pazienza,ma secondo me,qs’anno è la mclaren ke si dovrebbe lamentare del suo pilota e ha avuto tanta pazienza..

    E cosa cambierebbe se Hamilton avesse 220 punti anzichè 168??? Vettel avrebbe comunque 110 punti in più…Facciamo un ragionamento per assurdo: Escludiamo Vettel e manteniamo invariati i punteggi degli altri (Ipotesi), ci troviamo a 5 gare dal termine con Button,Alonso,Webber e Hamilton racchiusi in 17 punti…Come valutiamo la stagione e come cambierebbero i vostri e i miei giudizi se fossimo in questa situazione???
    Con questo voglio dire che quest’anno più che per colpa di Hamilton che è stato poco costante (o di Ferrari e McLaren sono state poco competitive) il mondiale non ha avuto storia per merito di Vettel e della RedBull… Quindi se Hamilton fosse stato più costante sicuramente avrebbe più punti ma non sarebbe riuscito a competere per niente di meglio di un secondo posto mondiale, esattamente quello per cui è ancora in corsa…
    Negli anni del dominio Rosso Schumacher e la Ferrari vinsero perchè McLaren e Williams avevano piloti poco costanti, oppure perchè erano nettamente più forti???
    Nessuno in quegli anni si scagliava con Montoya Raikkonen Hakkinen dicendo che erano piloti alla frutta, come oggi accade con Hamilton, semplicemente perchè tutti riconoscevano la superiorità del binomio Schumi-Ferrari. Perchè non accade lo stesso per il binomio Vettel-RedBull??? Forse perchè è più facile sparare a zero su Hamilton, piuttosto che riconoscere i meriti di un team diverso dalla Ferrari e di un pilota che non corre per la scuderia di Maranello…
    PS: il commento non è rivolto ai (veri) tifosi della Rossa che sanno comunque riconoscere i meriti altrui e che non abbandonano mai la loro squadra anche nei momenti di difficoltà…

    spero non sia rivolto neanche a me;perchè io ho sempre sostenuto che vettel è un campione e merita pienamente questo mondiale,ancor piu che l’anno scorso!per quel che riguarda hamilton,volevo solo dire che in questo momento dicono che il compagno,con la stessa vettura,è piu forte;nonostante le aspettative di tutti(della mclaren x prima)erano rivolte a lewis

  • ciao caribbean :)….è vero…la stagione di hamilton è stata pessima pero sono d accordo con te…merita un altra chance…che questo non sia il vero hamilton è lampante….un pilota non diventa brocco da un momento all altro e sono stra convinto che il prossimo anno rivedremo il vecchio hamilton.

  • Caribbean Black

    pepizzi
    Quello che dispiace e’ che tanti errori sono “gratuiti”. Dopo il GP di Monaco io lo difesi pur ammettendo che aveva sbagliato ed esagerato. Se vuoi superare a Monaco devi prenderti dei rischi esagerati e puo’ andare male, come poi e’ successo.
    Ma l’incidente con Kobaiashi o quello di Domenica con Massa sono solo dovuti a distrazione o superficialita’, e questo da un campione non te lo aspetti.
    Io comunque sono sicuro che se si circonda delle persone giuste possa facilmente superare questo momento e dare lo spettacole che e’ in grado di fare….. magari in Ferrari…. hehehehe

    ronny
    ribadisco il mio pensiero…dopo 5-6 gare il mondiale era gia finito per tutti e hamilton si lamentava sempre del distaco dalla red bull quindi secondo me ha totalmente perso la concentrazione e la voglia…!!!!

    Buongiorno Caraibico a tutti innanzitutto….

    Ronny e Pepizzi….non sono 5-6 gare quelle sbagliate di hamilton (che sono fin troppo un’infinità) non sono nemmeno le ultime 5-6 gare, ma è un’intera stagione di scandali uno dietro l’altro….
    1) iniziando con qualche errore di deconcentrazione alla prima gara, a melbourne,
    2) passando per l’idiozia di sepang,
    3) la stupidata di istanbul (dove gia soffrivamo di nostro)
    4) poi monaco (che te lo dico a fare….tra qualifica e gara un disastro dietro l’altro),
    5) MONTREAL dove le responsabilità sono anche di jenson, (ma chi ha sbagliato inizialmente è proprio il caraibico)
    6) poi budapest, ancora una volta senza concentrazione e lucidità,
    7)poi ancora SPA, dove ok kobayashi è stato proprio un cretino, ma lui ha peccato di superbia e negligenza,
    8) poi ancora monza, dove ha mostrato un’intelligenza ed una lucidità, oltre che ad una lungimiranza degna del piu somaro dei principianti.
    9) e poi finiamo con singapore dove ancora una volta ha dimostrato “QUEST’ANNO” di non essere all’altezza del mondiale….

    Ripeto, non sono 5-6 gare delle ultime, ma ne sono almeno 9 da inizio a fine campionato e chissà a cos’altro assisteremo nelle gare rimanenti????

    Ora, lasciando da parte l’idiozia e le sciocchezze di certa gente che di piloti e guida non capisce nulla e parla solo per odio, detestazione, tifo accecante ed invidia o bruciore di sederino, perchè il Sir inglesino si è preso il lusso di umiliare un 2 volte campione del mondo con le armi impari, dunque a sfavore…..QUESTO non è di certo il vero hamilton, ovvero, non è l’hamilton che conosciamo da 4 stagioni….non è una stagione storta che definisce un pilota nella sua totalità, per cui io mi riservo il diritto di dargli ancora tempo, magari nella prossima stagione….è ancora nella fase di maturazione, i margini ci sono ancora, ed uno che ha dimostrato di essere il piu grande manico degli ultimi 20 anni di F1 assieme a Senna e Schumacher, (magari avesse pure la loro testa) i migliori di sempre, necessita di fiducia….che ovviamente non è a lungo termine….

  • Bruce
    ..leggere qualcuno mi fà capire quale sia il modo giusto per mascherare poca sportività e tifo da verò ultras. Qui c’ è gente che si spaccia come maestri di F1 oltre che di vita ma non sono altro che dei poverelli accecati dal tifo.
    Cmq apparte questo vorrei scrivere un paio di cose,un amico molto ferrato e competente in materia,nonchè direttamente coinvolto nella cosa,mi ha fatto notare una cosa molto interessante con tanto di tabella e dettagli. Lewis Hamilton è il pilota che in 5 stagioni di formula 1 ha effettuato più sorpassi,con una media di 5/6 sorpassi a gara e una media di 100/110 sorpassi a stagione tutte cose documentabili (come dice qualcuno) ora io dico se in 5 stagioni ha effettuato più di 500 sorpassi ci stà che qualcuno sia finito male,io tendo sempre a perdonare un pilota che ci prova,perchè le corse sono questo,provarci sempre appena intravedi una sorta di spiraglio e fà lo stesso se rischi di rovinare la tua gara o quella di un altro,o incorri in una penalizzazione. Tanto dietro o davanti a te c’è sempre qualcuno che ci prova.Per il capitolo del comportamento fuori dalla pista,sono più critico nei confonti di Lewis e concordo con il padre,il suo attuale management non è adatto per un professionista sportivo,ma è adatto solo per gente dello spettacolo,hanno reso Beckam un bamboccio da cartellone pubblicitario,mentre mi ricordo ai tempi di Manchester un meraviglioso sportivo di sani principi e un professionista serio.La stampa inglese si stà scagliando in maniera feroce contro Lewis e la sua agenzia non fà altro che continuare a trovargli sponsor e spot pubblicitari,penso che una gestione “familiare” sia molto più adatta ad un ragazzo che ha bisogno di essere placato,coccolato e rassicurato.
    Non concordo sulle scuse a Massa in maniera più assoluta,una persona che viene a “chiederti” qualcosa come ha fatto il molleggiato non vuole ricevere delle scuse,ma solamente cercare di farti perdere le staffe,o provocare una reazione sconsiderata.
    Scuse e rispetto solo a chi lo merita.

    Che la stampa inglese sia pessima e addestrata a sparare addosso allo sportivo di turno in difficoltà è una triste realtà e sicuramente un management meno alla ricerca di soldi e pubblicità potrebbe giovare a Hamilton. Per quanto riguarda i sorpassi, per fortuna che ci sono piloti come lui e l’errore quando vai a 300 km/h è dietro l’angolo, l’appunto che faccio è che gli basterebbe un minimo di attenzione in più per vincere ancora più di quanto abbia già vinto. Non sto dicendo che non ci debba provare, è solo che in certe situazioni basta essere concentrato per non fare una stupidaggine (non mi sono dimenticato di Montreal nel 2008 dove non ha visto il semaforo rosso e ha tamponato Räikkönen. In quella occasione non si trattava di provarci ma di stare attenti e guardare il pilota davanti a sé e il semaforo).

  • gabriele72
    si,ma alonso l’anno scorso con una vettura nettamente inferiore,ha perso il mondiale solo per colpa delle strategie scellerate del muretto della ferrari;invece hamilton,qs’anno,con una macchina molto buona,non ha concluso niente..io non voglio sminuire button,ma se jenson ha 185punti,lewis ne dovrebbe avere almeno 220!hamilton si lamenta della squadra,dichiarando che sta finendo la pazienza,ma secondo me,qs’anno è la mclaren ke si dovrebbe lamentare del suo pilota e ha avuto tanta pazienza..

    E cosa cambierebbe se Hamilton avesse 220 punti anzichè 168??? Vettel avrebbe comunque 110 punti in più…Facciamo un ragionamento per assurdo: Escludiamo Vettel e manteniamo invariati i punteggi degli altri (Ipotesi), ci troviamo a 5 gare dal termine con Button,Alonso,Webber e Hamilton racchiusi in 17 punti…Come valutiamo la stagione e come cambierebbero i vostri e i miei giudizi se fossimo in questa situazione???
    Con questo voglio dire che quest’anno più che per colpa di Hamilton che è stato poco costante (o di Ferrari e McLaren sono state poco competitive) il mondiale non ha avuto storia per merito di Vettel e della RedBull… Quindi se Hamilton fosse stato più costante sicuramente avrebbe più punti ma non sarebbe riuscito a competere per niente di meglio di un secondo posto mondiale, esattamente quello per cui è ancora in corsa…
    Negli anni del dominio Rosso Schumacher e la Ferrari vinsero perchè McLaren e Williams avevano piloti poco costanti, oppure perchè erano nettamente più forti???
    Nessuno in quegli anni si scagliava con Montoya Raikkonen Hakkinen dicendo che erano piloti alla frutta, come oggi accade con Hamilton, semplicemente perchè tutti riconoscevano la superiorità del binomio Schumi-Ferrari. Perchè non accade lo stesso per il binomio Vettel-RedBull??? Forse perchè è più facile sparare a zero su Hamilton, piuttosto che riconoscere i meriti di un team diverso dalla Ferrari e di un pilota che non corre per la scuderia di Maranello…
    PS: il commento non è rivolto ai (veri) tifosi della Rossa che sanno comunque riconoscere i meriti altrui e che non abbandonano mai la loro squadra anche nei momenti di difficoltà…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!