Buone libere per la Mercedes, ma c’è una multa per Schumi

7 ottobre 2011 21:27 Scritto da: Ilaria Della Pepa

Tra i clamori dell’incidente di Vettel e le polemiche che continuano ad aleggiare su Hamilton, nel venerdì di Suzuka le piccole squadre non si sono fatte distrarre da programmi e obiettivi.

Non che si tratti di un team così piccolo, ma anche la Mercedes ha ben sfruttato la doppia sessione di libere in vista dell’appuntamento nipponico, piazzando Schumi e Rosberg in sesta e settima posizione (erano rispettivamente nono e sedicesimo nella prima parte).

Risultato positivo che, anche se quasi ininfluente in ottica gara, fa ben parlare i diretti interessati. Michael parla dello strano rapporto tra la sua vettura e la pista giapponese: “Non è esattamente il tracciato migliore per la nostra monoposto, ma come ogni venerdì abbiamo svolto tutto il lavoro previsto per dare il meglio in qualifica e soprattutto in gara. Probabilmente ci classificheremo nella solita zona della griglia di partenza, ma faremo del nostro meglio per migliorarci, ovviamente“.

Anche Rosberg è positivo: “Malgrado siano solo le prove libere, siamo fiduciosi per qualifica e gara: abbiamo lavorato sul bilanciamento dell’auto sia a pieno carico sia con poco carburante, e sono convinto che stiamo andando nella direzione giusta“.

Sono pronti alla sfida di Suzuka anche Brawn e Haug, che pongono l’accento sulle gomme: “Su questo tracciato la squadra sta dando il massimo, ma è chiaro che saranno gli pneumatici a determinare in buona misura l’esito della corsa“, dichiara Ross, e gli fa eco Norbert, dicendo che “le nostre gomme option sono consistenti in simulazione gara, ed è incoraggiante avere questo buon inizio proprio su una pista unica e impegnativa come questa“.

Il ritmo c’è, la voglia di far bene pure…e tornando all’argomento iniziale non manca nemmeno un pizzico di polemica: Schumacher si è visto costretto a pagare una multa di 5000 dollari per aver superato il segnalatore che delimita l’ingresso in corsia box, ma fortunatamente la sanzione è stata solo pecuniaria proprio perchè il fatto non è accaduto durante le qualifiche ufficiali.

Graziati Hamilton, Senna, Buemi e Kovalainen, sospettati di aver fatto segnare i loro migliori giri cronometrati in regime di bandiere gialle (esposte per un problema avuto da Tonio Liuzzi).

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!