Pirelli e FOTA discuteranno delle modifiche per la Q3

10 ottobre 2011 15:01 Scritto da: Davide Reinato

Pirelli ha fatto sapere che prevede di tenere dei colloqui con i rappresentanti della FOTA (Formula One Team Association) già in Corea. Lo scopo è quello di trovare una soluzione al problema delle strategie conservative in Q3 che, anche in Giappone, ci hanno privato dei giri di ben quattro vetture su dieci qualificate.

E’ la stessa Pirelli a non essere soddisfatta dell’infelice spettacolo andato in scena anche a Suzuka, con molti team che tengono ai box i piloti per poter iniziare la gara con pneumatici nuovi. Insieme al gommista italiano, si lamentano anche i team boss e gli stessi appassionati di Formula 1.

Pirelli tenderà a focalizzarsisulla messa  apunto del regolamento sportivo per assicurarsi che non ci sia alcun beneficio per i team a saltare la Q3. Una delle soluzioni più semplici sarebbe obbligare chi salta la sessione finale a schierarsi in griglia con il set di gomme usato in Q2.  Questa linea è stata confermata dal direttore motorsport, Paul Hembery: “Muoveremo questa proposta perché così non và più bene. Non c’è niente di sbagliato con le qualifiche divise in tre manche, solo che conservare gli pneumatici diventa una sciocchezza. Perché se i primi sei possono vincere le gare dopo aver attraversato le tre sessioni, allora significa che tutti possono farlo. Comunque siamo felici di fare tutto il possibile per risolvere questo problema”.

30 Commenti

  • Sostanzialmente una regola già c’è basta solo implementarla, mi spiegi meglio: se Massa nel Q2 fa un tempo di 1,35,700 e poi nel Q3 non riesce a ripetersi, si piazza in griglia con il tempo ottenuto nella Q3 perchè i tempi della Q1 e Q2 sono stati resettati.
    Ebbene Chi nella Q3 non gira, in pratica non ha un tempo di qualifica valido avendo RESETTATO i tempi ottenuti in Q2 e Q! pertanto partono dal fondo dello schieramento.
    A volte le regole esistenti sono molto più valide delle nuove.

  • PaoloR.

    MassaisTheBest

    Caribbean Black

    MassaisTheBest
    Rimettete il giro secco “giro della morte” come nel 2003-2004-2005
    bellissimo….

    mmmm naaaaaaaaaaa….è pallosissimo…..la soluione piu funzionale di sempre erano i famosi 4 run….12 giri ciascuno in un’ora esatta di qualifica…..ma ritorniamo sempre allo stesso fatto….quindi…..

    ma che palloso!!! c’era tutta la suspance e non tutti quei problemi di traffico. ti guardavi tutto il giro del pilota e per fare un giro secco e si puo usare solo un treno di gomme. perfetto! 😀
    poi magari con i cambiamenti del tempo i piloti minori potevano mettersi anche un po’ più avanti in griglia…

    Tutto si può dire meno che questo format sia sbagliato. Anzi, rispetto all’ora di qualifica dove non succedeva niente nei primi 30 minuti è decisamente meglio. Fino all’anno scorso il format funzionava alla perfezione, tutti cercavano di dare in massimo in tutte le tre Q. Da quest’anno, con la volontà di andare al risparmio sulle gomme, si gioca a fare meno tentativi possibili (e all’inizio lo facevano anche i top team), quindi l’unica soluzione, e scusate se sarò ripetitivo, è fare qualcosa sulle gomme: che sia la gomma da qualifica, il mono mescola, il ritiro delle gomme non usate, qualsiasi cosa, pur di non vedere lo scempio di sabato.

    PaoloR. ha perfettamente ragione sul format delle qualifiche…E’ il migliore che io ricordi…Infatti l’ora intera con tutte le macchine causava evidenti problemi di traffico oltre alla seccatura dei primi 30 minuti; il “giro della morte”(come dice MITB) non mi piaceva perchè non consentiva il minimo errore e quindi molto spesso i piloti non spremevano tutto dalla vettura accontentandosi di un giro “pulito” senza spingere al massimo, oltre al fatto che le condizioni variabili del meteo potevano causare evidenti ingiustizie;il format delle doppie qualifiche al sabato e alla domenica mattina è stato forse il peggiore soprattutto quando Mazzoni & company si impelagavano in calcoli mostruosi nella somma dei tempi. Quello attuale sarebbe perfetto se si impedisse di utilizzare in gara gli pneumatici preservati nelle qualifiche e se si consentisse a ciascun pilota di partire con la mescola che vuole…Inoltre bisognerebbe eliminare la regola dell’utilizzo obbligatorio delle 2 mescole in gara, in questo modo vedremmo una grande varietà di strategie…

  • Caribbean Black

    Simodecca
    Soluzione semplice e immediata: chi accede alla Q3 avrà a disposizione 2 set di gomme super super super soft, da usare solo ed esclusivamente in Q3 (neanche testabili nelle prove libere). Durata dello pneumatico 20Km…
    Nessuno ha interesse a “risparmiare”, dato che sono gomme che non si useranno in gara e si vedrà chi avrà il “pelo” da portare al limite una gomma non testata durante il weekend…
    Se poi vogliono continuare con la porcheria di far partire i primi 10 con gomme usate, basta fargli utilizzare le coperture del Q2 😉

    Ottima!!!! mi piace!

  • Soluzione semplice e immediata: chi accede alla Q3 avrà a disposizione 2 set di gomme super super super soft, da usare solo ed esclusivamente in Q3 (neanche testabili nelle prove libere). Durata dello pneumatico 20Km…
    Nessuno ha interesse a “risparmiare”, dato che sono gomme che non si useranno in gara e si vedrà chi avrà il “pelo” da portare al limite una gomma non testata durante il weekend…
    Se poi vogliono continuare con la porcheria di far partire i primi 10 con gomme usate, basta fargli utilizzare le coperture del Q2 😉

  • MassaisTheBest

    Caribbean Black

    MassaisTheBest
    Rimettete il giro secco “giro della morte” come nel 2003-2004-2005
    bellissimo….

    mmmm naaaaaaaaaaa….è pallosissimo…..la soluione piu funzionale di sempre erano i famosi 4 run….12 giri ciascuno in un’ora esatta di qualifica…..ma ritorniamo sempre allo stesso fatto….quindi…..

    ma che palloso!!! c’era tutta la suspance e non tutti quei problemi di traffico. ti guardavi tutto il giro del pilota e per fare un giro secco e si puo usare solo un treno di gomme. perfetto! 😀
    poi magari con i cambiamenti del tempo i piloti minori potevano mettersi anche un po’ più avanti in griglia…

    Tutto si può dire meno che questo format sia sbagliato. Anzi, rispetto all’ora di qualifica dove non succedeva niente nei primi 30 minuti è decisamente meglio. Fino all’anno scorso il format funzionava alla perfezione, tutti cercavano di dare in massimo in tutte le tre Q. Da quest’anno, con la volontà di andare al risparmio sulle gomme, si gioca a fare meno tentativi possibili (e all’inizio lo facevano anche i top team), quindi l’unica soluzione, e scusate se sarò ripetitivo, è fare qualcosa sulle gomme: che sia la gomma da qualifica, il mono mescola, il ritiro delle gomme non usate, qualsiasi cosa, pur di non vedere lo scempio di sabato.

  • MassaisTheBest

    Caribbean Black

    MassaisTheBest
    Rimettete il giro secco “giro della morte” come nel 2003-2004-2005
    bellissimo….

    mmmm naaaaaaaaaaa….è pallosissimo…..la soluione piu funzionale di sempre erano i famosi 4 run….12 giri ciascuno in un’ora esatta di qualifica…..ma ritorniamo sempre allo stesso fatto….quindi…..

    ma che palloso!!! c’era tutta la suspance e non tutti quei problemi di traffico. ti guardavi tutto il giro del pilota e per fare un giro secco e si puo usare solo un treno di gomme. perfetto! 😀
    poi magari con i cambiamenti del tempo i piloti minori potevano mettersi anche un po’ più avanti in griglia…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!