La FOTA si avvia verso il capolinea?

17 novembre 2011 21:26 Scritto da: Lorenzo Floridia

Il rischio dello scioglimento della FOTA è un rumors che potrebbe diventare realtà a causa delle forti tensioni che stanno emergendo negli ultimi giorni fra gli stessi team. La discordia ha origine con la regola sul tetto di spesa, per quest’anno previsto e non rispettato dalla Red Bull e dalla Mercedes che, in assenza di una regola vera in merito, non hanno subito alcuna penalizzazione. 

Helmut Marko ha annunciato che la Red Bull non vuole firmare il nuovo patto economico previsto per il prossimo anno: ” Perchè è pieno di buchi, chiunque può semplicemente eludere le norme e quindi non verrà firmato.

Il motivo per cui la Red Bull non accetta tali condizioni, secondo molti, è una sorta di vendetta nei confronti della FIA ed in parte anche alla FOTA per il divieto di utilizzare gli scarichi soffiati per la prossima stagione, punto di forza della Red Bull. Un incontro per risolvere la questione era previsto ad Abu Dhabi, ma è stato posticipato al weekend di gara in Brasile, ufficialmente per dei documenti mancanti.

 Montezemolo rincara la polemica, ventilando un possibile ritiro dalla Formula 1: “Quello che non ci sta bene è che il 90% della competitività sia basato esclusivamente sull’aerodinamica e che il nostro sia l’unico sport in cui siano proibiti i test. Se vuole continuare a contare sulla presenza della Ferrari, è necessario che il mondo dei Gran Premi cambi e torni ad essere ricerca avanzata, con una necessaria attenzione ai costi“.

Bisogna notare come Montezemolo non sia nuovo a discorsi di questo genere: in questo caso il bersaglio è la poca chiarezza delle regole e la Red Bull, rea di averle aggirate.

Prontissima la risposta del Team Principal della McLaren e presidente della FOTA, Whitmarsh: “Sono in questo sport da oltre 20 anni e ho sentito dire molte cose. In tutta onestà credo che la Ferrari non farà un passo fuori dalla nostra categoria. Se dovessi scommettere la mia pensione sulle due squadre che saranno ancora in F1 fra dieci anni, punterei il mio denaro su McLaren e Ferrari”.

Whitmarsh ha inoltre sostenuto che la dichiarazione del presidente Ferrari sia dovuta alla frustrazione e non ha risparmiato una frecciatina alla Ferrari: “Se hai un brutto risultato, dovresti essere più determinato ad averne di migliori in futuro”.

A spaventare la FOTA, adesso,  è il possibile accordo tra Bernie Ecclestone e la Ferrari. Don Bernie, secondo alcune voci, potrebbe offrire sul piatto ben 100 milioni per spingere la Ferrari a firmare il nuova Patto della Concordia previsto per il 2012; visti i difficili rapporti politici tra Ferrari e Red Bull la casa di Maranello potrebbe firmare il Patto e trascinare con sè anche tutti gli altri team, come accadde in passato. La firma sancirebbe la fine effettiva della FOTA, ipotesi che Domenicali considera possibile, come riportato da un nostro articolo.

Il dualismo Red Bull Ferrari, insomma, dalla pista si è già trasferito in uno scenario politico, inasprito dalla scarsa chiarezza dei regolamenti e che può davvero provocare la fine della FOTA, per via degli interessi divergenti. Sembra un crisi più seria della passate, staremo a vedere.

5 Commenti

  • La fota non può funzionare se tutti non la rispettano….e ne pagano le conseguenze solo chi lo fà….meglio che ogniuno sia libero di fare quello che vuole sempre con le regole preimpostate dalla fia…e via spendere qunto uno vuole….certo se ritornassero i test sarebbe una cosa buona,tutti avrebbero moto di agiustare un progetto nato male o indietro di sviluppi!!si ai test e no alla fota….e anche si ai 100 milioni alla ferrari!!!

  • MotoreAsincronoTrifase

    Beh che dire, e’ ormai piu’ di un anno che la ferrari non minaccia di ritirarsi. Erop in pensiero

  • Che dire, personalmente sarei falice anche io se la FOTA si sciogliesse. Questo vorrebbe dire più libertà ed autonomia nello sviluppo, anche dal punto di vista dei costi. A quel punto è la Red Bull che dovrà avere paura di McLaren e Ferrari in quanto sappiamo tutti che i loro budget riservati alla F1 sono sempre stati altissimi, e le classifiche di chi ha investito di più circolate negli anni passati parlano chiaro!
    Poi sarà pace all’anima loro per i piccoli team che sicuramente non riusciranno a stare dietro ai costi.

  • beh, se la fota si scioglie sono felicissimo. in questi due anni non sono riusciti a ridurre i costi, han messo su quella scenetta dei fan forum totalmente inutili, e hanno inventato quella pagliacciata che è il drs mentre poi sono state le gomme pirelli a dare davvero spettacolo, idea (quella delle gomme budino) di ecclestone. ma la chicca migliore è stato proprio l accordo sul tetto di spesa, hanno rifiutato ogni proposta di mosley (che era disposto a dialogare con i team) solo per mandarlo via, poi hanno ben pensato di fare da soli con un ridicolo accordo a voce fra le parti che non prevede ne verifiche ufficiali ne tanto meno sanzioni in caso di violazione. se il tetto di spesa fosse stato gestito e regolamentato dalla fia, a quest ora 1) la red bull non avrebbe vinto tanto facile probabilmente oppure 2) sarebbe squalificata. Non ce l ho con la red bull, ma ha proprio preso in giro tutti quanti gli altri team con la mercedes, atto del tutto anti sportivo e che la fia farebbe anche bene a considerare (c’è ben un articolo della fia che sanzione i comportamenti anti sportivi in generale). Per il resto montezemolo ha stufato con le sue minacce, ma ha ragione per quanto riguarda l aerodinamica e ha ragione a incazzarsi per l’imborglio red bull. Certo è che sta pagliacciata chiamata fota l ha voluta soprattutto lui…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!