Confermato: Grosjean alla Lotus insieme a Raikkonen

9 dicembre 2011 12:49 Scritto da: Davide Reinato

Romain Grosjean torna ufficialmente in Formula 1 con la Lotus nel 2012. Il pilota francese sarà il compagno di squadra di Kimi Raikkonen nel team di Enstone. La sua conferma in squadra era stata messa in dubbio dopo l’arrivo del finlandese, ma Eric Boullier e Gerard Lopez hanno voluto premiare Romain che, di fatto, andrà a sostituire Vitaly Petrov.

“Sono entusiasta di essere un pilota titolare alla Lotus. Ho un gran sorriso stampato in faccia di fronte alla prospettiva di mettermi al volante della vettura del prossimo anno, mi sento un privilegiato per aver avuto questa opportunità”, ha ammesso Grosjean.

L’accoppiata con Raikkonen, del tutto inedita, carica ancora di più il francese: “Sarà una grande esperienza correre a fianco di un ex campione del mondo, qualcuno che ha fame di F1, sono sicuro che contribuirà ad aumentare il mio livello di prestazioni. Dopo il successo in GP2 Series, sono davvero maturato molto, sono un pilota molto più completo di quando ho corso in F1 nel 2009“.

Dunque, la Lotus saluta di fatto Vitaly Petrov, il quale non aveva risparmiato il team da una sfuriata pubblica, proprio dopo il GP ad Abu Dhabi. Il suo nervosismo era comprensibile: aveva capito che la squadra era in procinto di rimpiazzarlo ed ha agito, irrazionalmente, di conseguenza.

Anche Bruno Senna, a questo punto, dovrà trovare una alternativa per il 2012 se vuole continuare in F1. Per Bruno sembra non ci sia posto neppure come pilota di riserva che, nonostante manchi l’annuncio ufficiale, dovrebbe toccare a Maria De Villota. Indirettamente, lo conferma anche Gerard Lopez che ha ammesso: “La squadra aprirà un ciclo totalmente nuovo”.

Vedremo se sarà solo una mera operazione di marketing o il team riuscirà a concretizzare il tutto in pista.

5 Commenti

  • MotoreAsincronoTrifase

    se Grosjean le prendeva da alonso figuriamoci da raikkonen. Ma chi dirige davvero la lotus? Paperino? Prima cacciano heidfield per prendere senna e petrov. Poi li cacciano entrambi per raikkonen (unica scelta sensata) e grosjean che non corrono da anni. E dulcis in fundo maria della villota come terza guida (perche’ giustamente almeno il terzo pilota esperto gli faceva schifo). Per non parlare delle cause legali per il nome di lotus che gia’ era di un altra squadra. Ci vorrebbe qualcuno che gli dica che le gare non si vincono col marketing.

  • errore,primo perchè grosjean non è un granchè,e secondo perchè sarebbe stato utile dare a kimi un compagno con esperienza e conoscenza dell’attuale f1:sutil era l’ideale.

  • Aggiungo che di Petrov e Senna, se non troveranno un altro sedile, io non sentirò di sicuro la mancanza.

  • La Lotus rischia, con due piloti che possono rappresentare entrambi, e per motivi diversi, delle incognite.
    Chiaro che il problema principale sarà costruire una vettura competitiva, però avere due piloti che rientrano in formula 1 dopo qualche anno di assenza non è il massimo della…solidità.
    Grosjean mi è parso disastroso alla sua prima esperienza, ma nel frattempo ha fatto molto bene nelle categorie minori, e probabilmente si merita una seconda chance.
    Sono molto curioso di vedere cosa combinerà.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!