Ecclestone critico col management di Hamilton

12 dicembre 2011 14:13 Scritto da: Marco Di Marco

Il grande capo della Formula 1, Bernie Ecclestone, va all’attacco del management di Lewis Hamilton, ritenendolo responsabile delle cattive prestazioni del 2011.

Il campione del mondo 2008 ha difatti affidato la gestione della propria carriera ad una società  che opera nel mondo dello spettacolo, separandosi dal proprio padre – mentore, che lo aveva seguito ed indirizzato sin dai tempi del Kart.

Il big boss del circus ha dichiarato ad Autosport: “Credo che una quota significativa dei problemi personali vissuti da Hamilton durante l’anno sia ascrivibile ai soggetti di cui si è circondato. Molte cose dipendono moltissimo dalla gente che frequenti. Ora incontra individui che non avrebbe mai visto e che hanno un’influenza sbagliata su di lui. Andava meglio con il padre. Anche se c’erano dei conflitti tra loro, Anthony si prendeva cura di Lewis, che non ha saputo apprezzare l’aiuto del genitore“.

L’aver visto Hamilton nei box con rapper del calibro di Ice T e le difficoltà sentimentali recentemente incontrate dal fenomeno di Stevenage, hanno certamente influenzato negativamente il 2011 del pilota McLaren. Mr Ecclestone non vuole assolutamente che uno dei più grandi talenti degli ultimi anni ripeta una stagione sottotono come l’ultima privando gli spettatori dei suoi numeri spettacolari.

3 Commenti

  • è una delle poche dichiarazioni sensate di ecclestone…purtroppo Ham sembrerebbe aver puntato più sull’ immagine che sullo sport con la scelta che ha fatto, rifiutando Hakkinen come mentore. è anche vero che da uno del suo calibro ci si aspetterebbe un po’ più di professionalità nel lasciare i problemi fuori dal casco, forse è il suo unico vero limite, ma magari col tempo saprà superarlo. Io ne sono convinto!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!