Patto della Concordia: la Ferrari ha ancora un gran potere

29 dicembre 2011 13:11 Scritto da: Davide Reinato

La Red Bull avrà anche dominato in pista nelle ultime due stagioni, ma la Ferrari è ancora in testa in quanto a incassi. Recentemente, il magazine Autosport ha realizzato un’inchiesta per valutare quanto denaro entrasse nelle casse di vincitori e vinti del mondiale di Formula 1.

Iniziamo con un dato di fatto: la Red Bull Racing ha vinto 23 gare sulle ultime 40 disputate e 13 delle ultime 20. A parte ad Abu Dhabi, c’è sempre stata una RB7 sul podio. Un dominio assoluto. Chiunque penserebbe che con questi numeri, si possa incassare premi e bonus maggiori dei rivali.

E invece no. Non è la Red Bull ad uscire vincitrice in questo senso e neppure la McLaren. E’ la Ferrari. Nonostante la Rossa abbia vinto solamente una gara quest’anno e sia arrivata terza nel mondiale, potrà contare sulla fetta più grande della torta che si divide a fine stagione.  Come venga gestito il montepremi in F1 è un segreto gelosamente custodito dai team e da Bernie Ecclestone. Tuttavia, il magazine inglese è riuscito a scovare qualche piccolo particolare in più. Pare comunque impossibile dare una risposta sulle cifre esatte del premio in denaro di ogni team per il 2011, ma si è provato a fare una stima confrontando i documenti dell’anno passato.

Il reddito totale della F1 nel 2010 è stato di 1.000 milioni di dollari. 658 Milioni di dollari sono andati alle squadre come montepremi. Considerando che la F1, nonostante le critiche, ha un trend di crescita del 5% annuo, si può calcolare – in maniera del tutto approssimativa – che il reddito per le squadre nel 2011 possa aggirarsi intorno a 691 milioni di dollari.  Solamente quando la FOM depositerà presso la Companies House i dati del proprio bilancio, avremo dati certi in merito.

Ma torniamo ai bonus finanziari con questi dati: come fa la Ferrari ad ottenere più soldi degli altri, nonostante non abbia vinto quasi nulla nel 2011? La chiave sembra essere nella presenza costante e nella forza del brand del Cavallino in Formula 1.  La storia e la tradizione fruttano a Maranello qualcosa come il 2,5% del fondo premi, prima che questo venga spartito tra le squadre. In altre parole, la Rossa percepisce un doppio reddito grazie ad un accordo raggiunto prima della firma nell’ultimo Patto della Concordia.

Smettetela di scandalizzarvi per nulla. I primi a farlo dovrebbero essere quelli delle altre squadre e, se ciò non accade, un motivo dovrà pur esserci. Lo stesso Chris Horner, team principal della Red Bull, ha ammesso che non c’è nessun rancore verso la Ferrari per la loro situazione finanziaria privilegiata: “E’ meglio per tutti che la Ferrari ci sia. E’ storicamente la squadra più importante ed è comprensibile che i loro accordi commerciali siano leggermente diversi dagli altri. Siamo riusciti a battergli negli ultimi tre anni, quindi credo non sia un problema. E’ un grande prestigio poter battere la Ferrari”.

Insomma, non c’è da meravigliarsi. Cosa sarebbe la Formula 1 senza squadre storiche come Ferrari e McLaren? Un campionato come un altro.

Alla fine del 2012 scadrà l’attuale Patto della Concordia. A Gennaio inizieranno le trattative per il rinnovo e pare che Ecclestone sia pronto a dare più soldi a Ferrari e Red Bull per convincerle a raggiungere subito un accordo, evitando di dare alla FOTA la possibilità di giocare al rialzo, pretendendo una ripartizione proporzionale dei ricavi.

10 Commenti

  • bravi bravi per la nuova veste grafica molto accattivante!!!

    Ora manca una app per Android… Forza ragazzi continuate così!!!

  • Premesso che non ho idea di quanto guadagnino l’uno rispetto all’altro i tecnici delle squadre il mio discorso si basa semplicemente su considerazioni sportive.
    Preferisco una formula 1 in cui agli ultimi viene dato un aiuto per salire la classifica che non una Formula 1 che dà ancora più soldi ai vincitori per incrementare il vantaggio tecnico.

    Mi faccio da solo due obiezioni, semmai: 1) Non è detto che le squadre usino il budget in più per migliorare tecnicamente la vettura. Abbiamo già visto che è praticamente impossibile controllare le spese delle squadre e se la HRT prendesse i soldi di Ecclestone e ci facesse un gigantesco motorhome invece che qualche studio ben azzeccato in galleria del vento saremmo punto e daccapo. 2) Non si può escludere che negli ultimi gran premi si assisterebbe ad una assurda gara al ribasso da parte delle squadre minori, che a quel punto avrebbero più interesse ad arrivare una posizione indietro per avere più soldi l’anno successivo che non una posizione avanti.

    • MotoreAsincronoTrifase

      invece la critica e’ giustissima. Non dico pero’ che gli ultimi prendano di piu’ ma nenache che l’ultimo non prenda nulla e gli ultimi le briciole. Io dividerei una queta, diciamo il 40%, in parti uguali e il restante in base ai meriti. Altrimenti gli ultimi resteranno tali, e anzi peggioreranno rispetto ai primi che hanno sempre piu’ soldi da investire.

  • David B
    A me piacerebbe di più una spartizione egualitaria, o addirittura a vantaggio delle squadre più deboli, che così sarebbero in grado di recuperare e rendere il campionato più equilibrato.

    Squadre deboli ?
    Non esiste nessun team di F1 compresa la Ferrari che sia in attivo. Sono convinto che la F1 serva solo per fare’ promozione ai marchi, ma se consideriamo il bilancio economico di un team di f1 dalla HRT alla Ferrari i costi superano le entrate.
    I soldi ” Guadagnati ” dalle Ferrari servono per pagare i tecnici ed i fornitori, poi sappiamo tutti che in Ferrari un tecnico mediamente guadagna di piu’ rispetto ad altri team blasonati. In realta’ è tutto proporzionato, non solo la Ferrari è l’unico team che costruisce anche il motore che non è poco.

  • A me personalmente non sembra una cosa tanto scandalosa… La Ferrari è la squadra con più tifosi nel mondo… I tifosi pagano il biglietto, pagano per acquistare i gadget e il merchandising e indirettamente pagano anche i diritti televisivi… in pratica sono i tifosi che danno i soldi ad Ecclestone… ed è logico che Bernie dia più soldi a chi glie ne dà di più… E’ per questo che nessuno si lamenta… Ed è per questo che la Ferrari ha ancora un gran potere decisionale all’interno della federazione… Senza squadre come Ferrari e McLaren non ci sarebbero soldi da spartire…. Senza la RB sicuramente si!

  • A me piacerebbe di più una spartizione egualitaria, o addirittura a vantaggio delle squadre più deboli, che così sarebbero in grado di recuperare e rendere il campionato più equilibrato.

  • String Quartet

    John qua la fia non c’entra nulla… è una questione di soldi tra le squadre e le società di ecclestone!

  • mah quanti intrallazzi….. che porcherie !!!chi vince dovrebbe prendere di piu di chi perde mi sembra ovvio forse troppo per la fia !!!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!