Domenicali “Sono ottimista”. La Ferrari ricomincia da tre…

2 gennaio 2012 02:27 Scritto da: Antonino Rendina

Anno nuovo, tanta voglia di (tornare a) vincere. Il team principal Stefano Domenicali a un mese dalla presentazione della nuova monoposto  si è detto convinto della pronta reazione della scuderia:

“I risultati li vedremo durante la prima sessione di qualifiche della nuova stagione, ma stiamo lavorando nella giusta direzione”.

Il terzo posto iridato e la cronica astinenza dal gradino più alto del podio sono ferite che bruciano ancora. E se da un bilancio totalmente negativo va salvato un ottimo Alonso, lo stesso non può dirsi per un’intera squadra apparsa oggettivamente in difficoltà, dai progettisti (silurati e non) fino al secondo pilota.

Sembrerebbe il prologo perfetto per la definitiva “caduta degli dei” , se non fosse però che la Ferrari già nel recente passato ha dimostrato sapersi rialzare in fretta dopo annate da dimenticare.

E’ successo nel 2006, lotta iridata dopo il disastroso 2005. E’ successo anche nel  2010, con Alonso a un passo dal titolo nonostante nel 2009 la squadra avesse vinto solo un Gp.  Proprio come nel 2011. E se è vero che non c’è due senza tre… Non è comunque alla cabala che sono legate le speranze di Maranello.

L’ultima stagione è stata negativa a causa di un evidente errore in sede di progettazione della monoposto. Fatale la discrepanza tra i valori di carico emersi in galleria del vento da quelli della pista. Una macchina, la 150° Italia, nata che peggio non si poteva.

La ricetta su cui si è puntato per risorgere è stata una necessaria riorganizzazione interna per non commettere più simili errori, così ancora Domenicali:

“Intravedo alcune cose che mi fanno essere ottimista. Siamo più preparati in settori importanti come il simulatore e la galleria del vento. Abbiamo cambiato l’organizzazione interna per garantire al meglio il lavoro dei tecnici”.

Efficienza, unità di intenti, creatività. La Ferrari riparte da tre ingredienti fondamentali che negli ultimi tempi erano clamorosamente mancati. Tra poco più di trenta giorni se ne saprà di più, con la speranza di vedere già a motori spenti quell’aggressività di forme di cui si sente notevolmente bisogno.

L’attuale ottimismo di Domenicali, così come quello di Montezemolo o dello stesso Alonso, non deve  trasformarsi domani nell’ennesima promessa non mantenuta.

A Maranello abbondano i proclami di riscossa e molti destini dipendono dal progetto 663. Le cui basi, per fortuna, sembrano notevolmente più solide rispetto al passato. Al di là dei favorevoli dati statistici…

24 Commenti

  • Come ogni anno, le premesse ci sono ma poi….

  • Io ho criticato domenicali più di una volta, ma in queste dichiarazioni stavolta non ci vedo nulla di tragico, non ha fatto proclami di vittoria, ha solo parlato con un giusto ottimismo, assolutamente necessario anche per caricare la squadra a parere mio. Lo devi motivare un team, se dimostri pessimismo li smonti subito, vorrei capire cosa avrebbe dovuto dire secondo voi?!?!! (ovviamente mi sto riferendo a chi lo sta criticando)

  • io darei ancora una possibilità a Domenicali … sinceramente avrà anche peccato in qualche situazione, ma si è trovato per le mani anche situazioni non proprio facili da gestire: da un Raikkonen abulico (a dir poco) all’incidente di Massa (con precedente perdita del mondiale all’ultima curva), alla decisione dei vertici di Maranello (leggi Montezemolo e Ferrari) di avere un team completamente italiano (quanto i team sono tutti multietnici) … lui ha sbagliato in certe situazioni ma non credo sia corretto gettargli la croce addosso … più che altro c’è da capire perché in tre anni di sono sbagliate due macchine e mezza … o meglio perchè in tre anni si è sempre sbagliato ad interpretare il regolamento … e qui non è tanto una questione di Team Principal ma piuttosto di tecnici e della loro incapacità … perché se mezzo mondo va sulle pull-rod e tu continui sulle push forse i tecnici vanno (e sono stati) cambiati …

  • La Ferrari farebbe bene a ricominciare mandadoti a casa……buono a nulla……

  • Sono contento che Domenicali sia ottimista, fa piacere sentir parlare di “giusta direzione”, ma purtroppo queste dichiarazioni le abbiamo sentite anche ad inizio 2011, addirittura a Febbraio ed inizio Marzo, e quindi con alcuni dati dei test pre-stagionali alla mano. Bisogna andare molto piano, bisogna essere cauti, d’altronde se la Ferrari mette in pista una vettura velocissima ma la Red o la Mecca fanno una vettura eccellente sei dietro lo stesso, quindi fino a Marzo non si può proprio parlare, ottimismo o no dobbiamo aspettare, ed anche Domenicali dovrebbe evitare queste dichiarazioni.

  • Io penso che domenicali stia facendo tutto il possibile in suo potere per ribaltare la situazione, ha assunto molti nuovi tecnici, che è tutto quello che lui può fare, se poi questi tecnici non saranno all’altezza della situazione lui non può farci nulla.
    ricordiamoci che pure todt ha avuto bisogno di qualche stagione per farci tornare competitivi, nonostante abbia comprato l’intero pacchetto Benetton

    • pero domenicali , a differenza di todt, ha ereditato un dream team che poi parzialmente per colpa sua ,e sopratutto di costa, s è sgretolato….quindi se dalle stelle ci ritroviamo nelle stalle la colpa è anche sua !!

      • Todt a differenza di domenicali aveva tre punti a suo vantaggio, 1) aveva Byrne, 2) poteva spendere tutti i soldi che voleva, 3) cerano i test liberi, dove se anche cominciavi con un leggero svantaggio potevi recuperare, cosa ora quasi impossibile in quanto non puoi testare i vari aggiornamenti se non durante i vari gp.

      • ok pero’ sino al 2008 era un ottimo team , c…. al box a parte, con ottimi tecnici messi in fuga da costa , ne avesse fatta una buona come direttore tecnico, chi ha permesso tutto cio ad aldo dandoglia carta bianca ??? sempre lui domenicali ….mi semnra ovvio che qualche mancanza cè l abbia pure lui…

  • Non ci reste che attendere le prime qualifiche!!…ancora 2 mesi e mezzo,sembra un periodo interminabile!!

    • pero domenicali , a differenza di todt, ha ereditato un dream team che poi parzialmente per colpa sua ,e sopratutto di costa, s è sgretolato….quindi se dalle stelle ci ritroviamo nelle stalle la colpa è anche sua !

  • NOn capisco come possiate esprimere pareri del genere senza saperne niente:
    “Le cui basi, per fortuna, sembrano notevolmente più solide rispetto al passato”: che basi scusate?
    “quell’aggressività di forme di cui si sente notevolmente bisogno”: tra aggressività di forme e carico aerodinamico non c’è diretta corrispondenza…per me ci facciamo prendere un po’ troppo dal fattore emotivo.
    Domenicali dice quello che deve dire un direttore della Ferrari. E comunque fino alla mattina di Melbourne davvero saranno tutte chiacchiere…
    Anche i tempi delle prove invernali sono da prendere con le molle: ricordate i temponi di Schumacher dell’anno scorso e le difficoltà della McLaren? S’è visto poi come sono andate le cose…

  • Credo che nel 2012 Domenicali si giocherà la poltrona.
    Questo è l’anno della rinascita o mai più (con lui).

    Probabilmente non riusciranno a recuperare completamente il gap con la RB, però c’è da vedere tante cose prima. Per esempio la RB senza scarichi soffiati.
    La Brown GP ci deve sempre ricordare che l’idea “insignificante” nel punto giusto può creare dislivelli di prestazioni enormi.
    Chissà che quest’anno il buco giusto lo trovi la Ferrari (e parlo di aerodinamica).

  • cosa deve dire domenicali le prenderemo ancora di santa ragione?vedremo se il suo ottimismo sarà reale o di facciata nei test

  • Un po’ di ottimismo è d’obbligo! Se si fosse pessimisti ancor prima di iniziare si partirebbe già rinunciatari e sconfitti!
    Poi non dimentichiamoci che dal 1996 ad oggi la Ferrari ha ottenuto un sacco di ottimi risultati, più di ogni altra squadra, qualche anno storto purtroppo è normale che capiti!

  • Domenicali Stai zitto…
    Aspetta che parla la pista..siamo tutti stanchi di questi proclami..

    • Non ha fatto un proclama ma si è dichiarato ottimista ed ha detto che chi ha lavorato meglio lo si vedrà solo nelle qualifiche della prima gara, mi sembrano normali frasi di circostanza anche piuttosto caute.
      Poi, che vuol dire “stai zitto”? E’ pur sempre il Team Principal della Ferrari e se viene intervistato sulla prossima stagione dovrebbe stare zitto? Per favore, accendiamo il cervello prima di sparare cavolate e se questa dovesse essere l’ennessima stagione fallimentare per la Rossa (speriamo di no), sarò il primo a renderne conto a Domenicali, pur sempre rispettando il suo impegno che non credo sia da poco.

      • caro joni per prima cosa buon 2012 per domenicalic redo che le sue mancanze siano ormai chiare quindi ci sta che si sbotti dopo i soliti proclami a cui hanno fatto riscontro annate disastrose !!!

      • Grande john, auguri anche a te e a tutti gli altri amici del blog!
        Tornando a Domenicali, anch’io, preso dalla delusione dello scorso campionato, a mente calda, l’avrei mandato a casa ma evidentemente chi decide ha pensato che meritasse altra fiducia e finché non dimostrerà che questa è mal riposta aspetterei a intimargli di stare zitto.
        Aspettiamo e vediamo con ottimismo e fiducia, mi pare che la reazione ci sia stata, vediamo se porterà i frutti che la Ferrari, secondo me, merita. :)

  • se ci fosse il mondiale dei proclami invernali,domenicali sarebeb campione incontrastato…

  • speriamo bene …. e dai forza ragazzi !!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!