Schumi compie 43 anni: cosa gli regalerà il 2012?

3 gennaio 2012 00:46 Scritto da: Ilaria Della Pepa

Buon compleanno Schumi!

21esima stagione in Formula 1, terzo anno dopo il ritorno nel circus, tutto pronto per disputare la 288esima gara. E magari per strappare la 69esima pole e vincere la gara numero 92. O il titolo numero 8, chissà. Ma oggi Michael compie 43 anni, e 4+3 fa 7, proprio come quei titoli che nessuno gli potrà mai togliere.

Perchè potremmo riempire questo articolo elencando 21 motivi perchè il ritorno del Kaiser sia stato giusto, o 288 emozioni che ci ha fatto provare in questa lunga carriera, ma forse sarebbe troppo lungo anche per il tifoso più accanito.

L’omaggio nel giorno del suo compleanno viene però da 4+3 riflessioni in vista del campionato che parte il 18 marzo a Melbourne. Dove Schumi sarà, ancora una volta, sulla griglia di partenza, e senza dubbio più grintoso come sempre.

Cominciamo dal fondo, o meglio, da quello che potrebbe essere l’epilogo. Il tedesco più titolato della storia aveva annunciato, a fine 2009, di voler correre con la Mercedes per tre anni, e questo sarebbe l’ultimo. Il titolo sperato non è arrivato, e anche i risultati sono stati purtroppo scarsi. A dispetto di chi ventilava un abbandono già dopo il mezzo passo falso del 2010, Michael ha corso e correrà anche in questo 2012, onorando un contratto e soprattutto un progetto, quello di riportare le Frecce d’Argento tra quelli che contano. Perchè il Campione, quello che abbiamo conosciuto in 20 anni di successi, non abbandona la nave scappando.

Secondo punto, inevitabilmente, lo scenario di questo mare in tempesta in cui naviga Capitan Schumi: i giovani, tanti, arrembanti, e sicuramente forti.

A partire da Rosberg, compagno di squadra e dunque primo avversario, Michael ha trovato un Circus ricchissimo di nuove leve capaci di animare la pista e, onestamente parlando, dargli filo da torcere. Hamilton e compagni appartengono alla generazione Playstation, quelli che hanno visto Schumi vincere a cavallo dei primi anni 2000, e ora, trovandolo di nuovo in pista, non hanno di certo perso occasione per  una sfida.

C’è chi giura che Michael sia uscito per il secondo anno consecutivo con le ossa rotte da questi confronti, i numeri cantano…ma concediamoci la licenza di lasciar stare l’anagrafica, ammettendo comunque di avere davanti un parco piloti davvero eccellente.

La terza riflessione fa rima con la tecnica: la Mercedes ha ingaggiato tecnici come Aldo Costa e Geoff Willis, e non sono pochi quelli che già pensano ad un Dream Team, in pieno stile Ferrari di una decina di anni fa, ricongiunto sotto la stella a tre punte. Che Schumi sappia scegliere i propri collaboratori è risaputo, che sia capace di fare squadra anche: cementare un gruppo può essere lungo e difficile, ma forse il tedesco sta gettando buone basi.

Quattro: più o meno le sessioni di test che le Squadre di F1 possono svolgere ogni anno. Ci si augura che questa regola assurda cambi in fretta, ma intanto non si può negare che questo provvedimento sia stato la causa del lento riabituarsi del Kaiser, come anche purtroppo dello sgretolarsi dello strapotere di una Scuderia come la Ferrari, tanto per citare altri esempi eccellenti.  Perchè Schumi, quando consumava la pista di Fiorano, tirava fuori il meglio della Rossa; dal suo ritorno non ha potuto lavorare come sapeva, dimostrando che la macchina è sì quasi fondamentale, ma avrà sempre bisogno di un pilota che sappia farla crescere.

In ultimo, si aggiungono alle quattro riflessioni tre paroline magiche: sorpassi, grinta, pioggia, in rigoroso ordine sparso, o in quello che più vi emoziona.

Schumi ha chiuso il 2011 con il più alto numero di sorpassi effettuati, 116 per la precisione, e a conti fatti le sue partenze nelle retrovie sono state un toccasana, agevolando, per così dire, un simile spettacolo. Su tutti, lo start di Spa, un camera car da togliere il fiato, forse più interssante della lotta al vertice. Perchè Michael ha vinto tantissime volte partendo dalla pole, ma quella che altri chiamano vecchiaia non gli ha di certo tolto il coltello tra i denti che abbiamo visto in tante gare quest’anno.

Pioggia: il Kaiser ne è stato il mago, assieme ad Ayrton Senna. E in Canada, in una gara dove la pioggia ha bloccato per ore macchine e piloti, Schumi ha addirittura rischiato di salire sul podio: anni di lotte tra aquaplaning e gomme scanalate si sono rifatte vive al momento giusto.

Grinta, infine: il tifoso di Schumacher ha potuto rivederla in ogni singola corsa disputata da Michael dal 2010 in poi, segno che il pilota non è nè sazio nè bollito. C’è la voglia di vincere, come sempre, e la maturità di accettare la sconfitta, e anche questo piace.

Buon Compleanno Campione, con l’augurio che quest’anno il più grande spettacolo dopo il big bang sia tu!

13 Commenti

  • auguri michael e in bocca al lupo per il 2012

  • Auguri Maestro….solo a pensare alle emozioni che ci hai regalato a noi tifosi Ferraristi,mi fai venire la pelle d oca…

    Sei un Grande

  • Secondo me, visto quello che ha dimostrato nelle poche gare in cui la vettura gli ha dato l’opportunità di lottare coi migliori, le sue prestazioni generali inferiori al compagno di squadra sono dovute alla mancanza di motivazioni quando deve lottare nelle retrovie (comprensibile direi). Se avesse una vettura almeno da podio secondo me finirebbe il mondiale davanti a Rosberg o comunque più o meno a pari punti!

  • Auguri mitico Kaiser!E ti prego Schumi fammi
    più gare stile Canada,Spa e Monza per quest’anno,e anche un podio o meglio
    una vittoria non ci
    starebbero male. :)
    Infine se proprio vuoi farmi contento un bel rinnovino per l’anno prossimo così
    da vedere cosa combina
    Costa sulla futura W04. :)

  • Io spero che Schumi vinca una gara, quest’anno. Poi potrà ritirarsi in santa pace, e anche noi magari salutarlo senza pensare che questo ritorno sia stata una grande sciocchezza.

    Che poi alla fine la cosa che mi è piaciuta di più, del suo rientro, è stata proprio l’ “attitudine”. La macchina non andava, anche lui aveva dei problemi, la squadra non ce la faceva a migliorare. E lui? Zitto e caparbio, grintoso anche oltre il limite, propositivo, mai lamentone. E’ così che si comporta un campione vero, umile, che non mette davanti a tutto la propria reputazione, ma il risultato finale.
    E poi mi piace il fatto che lui se ne sbatte abbastanza, di tutte le questioni giornalistiche. Si diverte a dare gas, a fare a ruotate, e staccare impiccato, il resto sono tutte chiacchiere.
    Ho l’impressione che come persona, e come sportivo, sia davvero il numero uno.

  • Caro Michael..e da giorni che penso che tra un pò sarebbe arrivato il tuo compleanno..e questo significa che sei una di quelle persone a cui tengo particolarmente..hai un posto speciale nel mio cuore di tifoso e di persona..e ce lo avrai sempre!!quando ti sei ritirato nel 2006 ho pianto..quando sei tornato con la mercedes ho pianto ancora,ma di felicità!!e in questi 2 anni ho imparato ad apprezzarti ancora di più,a vivere con te ogni singolo giro in gara,ogni curva..non ci voglio pensare al tuo ritiro definitivo..voglio pensare che la mercedes quest’anno ti darà una macchina degna di questo nome,con la quale potrai finalmente zittire chiunque ti abbia criticato!!Un augurio di cuore Michael..da un tuo tifoso da sempre!!

  • Nella passata stagione il Kaiser ha dimostrato nelle poche occasioni dove la vettura lo ha permesso di avere ancora grandi doti nella guida, a discapito dei suoi 43 anni, sono convinto che se la mercedes gli darà una macchina competitiva può dare ancora del filo da torcere ai nuovi campioni.
    Forza schumy, ti auguro un 2012 pieno di soddisfazioni e perchè no sarei felice se vincessi il titolo numero 8.

  • Alexandro HAMALORAI

    Auguri Leggenda!!!

    Da tifoso Ferrarista sarò anche il primo ad esultare e a commuovermi per una tua vittoria su una Freccia D’Argento dopo 6 anni in cui non vediamo il tuo famoso salto sul podio.
    Sarà una grande emozione e l’aspetto con impazienza.

    Quante ne hai combinate!!Elencarle tutte staremmo qui per un altro anno 😀

  • in questo articolo manca sicuramente alla gara delle gare … quella di altri tempi che è stata esaltante tanto per chi l’ha seguita in TV che per chi la ha potuta assaporare dal vivo a pochi metri di distanza … la epica battaglia sull’asciutto del GP di Monza … dove il “nonno” Schummy ha tenuto a bada gli scalpitanti giovanotti del calibro di Hamilton and co. sul circuito piu’ veloce del mondiale e compensando le deficienze della macchina con assetti d’altri tempi … via il carico aerodinamico e giù di “pelo” nelle staccate e nelle varianti al limite … traiettorie di mestiere e giochi di nervi … purtroppo in molti circuiti le differenze prestazionali delle macchine e della resa dei pneumatici sono state troppo accentuate per poter far ambire a posizioni di vertice ma lo spettacolo è stato assicurato, in barba a tutti gli scettici che parlano ancora di F1 noiosa regolamenti ecc. ecc. ….
    Date delle auto competitive a dei piloti veri senza troppe costrizioni regolamentari e ne vedrete delle belle. … purtroppo pero’ la federazione sembra sempre andare contro lo spettacolo mettendo regole come quella del cambio di traiettoria assurda e ridicola … i Villeneuve i Mansel, Senna Prost, Piquet … lo stesso Schumacher non sarebbero esistiti con questi regolamenti assurdi …

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!