Hamilton: “Quest’anno saremo più forti”

5 gennaio 2012 18:54 Scritto da: Andrea Facchinetti

A due giorni dal suo ventisettesimo compleanno, Lewis Hamilton torna a riparlare di Formula 1 dopo un inverno passato alla ricerca di quella tranquillità perduta nel 2011. Se nei giorni scorsi si era sparsa la notizia del disco R’n’B prodotto dal pilota McLaren per i propri amici, ora Lewis si sente pronto a tornare in macchina a febbraio per i test in vista della prossima stagione.

In un’intervista rilasciata quest’oggi alla “Gazzetta dello Sport“, il Campione del Mondo 2008 si auspica una McLaren più competitiva di quella vista nella passata stagione e sogna una lotta per l’iride contro il suo compagno di scuderia Jenson Button. “Jenson è molto veloce e ha coagulato attorno a sé un forte team di tecnici. Vorrei sempre stargli davanti e non sono felice se accade il contrario. Però psicologicamente non ne faccio un problema. E poi è un tipo aperto, cordiale, col quale vado d’accordo. Sarebbe bello lottare con lui per il Mondiale 2012: dipende solo dalla McLaren! Da quello che ho visto, la nuova McLaren sembra di gran lunga superiore a quella dello scorso anno ha dichiarato un ottimista Lewis. Hamilton tornerà in pista a febbraio per l’inizio dei test invernali e le aspettative sono più alte rispetto a quelle dello scorso anno: Nell’inverno sogni sempre di presentarti al via della nuova stagione con una macchina che vada subito forte. Nelle ultime due annate non è accaduto. Voglio che sia così quest’anno. Se partiremo bene, rimarremo al vertice più facilmente”.

Il talento britannico sa però che la favorita è ancora la Red Bull: “Sarà una faccenda nostra riuscire a sorpassala. La Red Bull è sostanzialmente una evoluzione dei concetti aerodinamici introdotti dal 2009. A metà del 2011 è stata fenomenale, si è espressa al massimo e per giunta non si è rotta quasi mai. Al contrario, quando noi abbiamo avuto la stessa affidabilità, non abbiamo invece avuto le stesse prestazioni”.

Hamilton deve soprattutto dimenticare il 2011, una stagione che l’ha visto spesso protagonista più per episodi negativi, su tutti i duelli con Massa, che per quelli positivi, come la vittoria tutta cuore al Nurburgring. E’ stata un’annata difficile. Tante difficoltà, ma non solo” ha ammesso l’inglese. “Voglio considerare il 2011 come un’occasione di crescita per tante cose che ho appreso e che sfrutterò nel 2012, anche se solo un pilota ha vinto più di me l’anno scorso”. Infine ritorna a parlare del suo rapporto con Massa, conclusosi con le scuse dell’inglese ad Interlagos: “Ci siamo trovati spesso vicini e Felipe non è un tipo facile da sorpassare perché non ti lascia mai lo spazio. Ma non è una cosa sulla quale drammatizzare. Io non ho nulla contro di lui…”. Il 2012 sarà un anno cruciale per Lewis: con il contratto che scade alla fine della stagione, sarà fondamentale riscattarsi per poter allungare la sua permanenza nel team di Woking.

7 Commenti

  • ZIO TURE ti sembrerà strano ma CONCORDO con il tuo pensiero.

    Comunque faccio i MIEI migliori auguri a LEWIS HAMILTON che oggi compie 27 anni.

  • Non penso che Hamilton abbia bisogno di dimostrare qualcosa per rimanere in Mc Laren. Se, per ogni caso, non dovesse rinnovare il contratto a fine 2012, RB e Ferrari farebbero a pugni per averlo, sopratutto sapendo che il sedile di Massa è a rischio.

  • Mi chiedo sè lo studio fatto sulla MCLAREN Mp4-26 dello scorso anno possa rivelarsi utile per la futura monoposto di WOKING.

    La nuova vettura manterrà tanto per fare un’esempio le pance ad L che hanno contraddistinto la Mp4-26 ?

    Credo che l’integrazione tra pance laterali ad L e gli scarichi alti carenati possa essere abbastanza complessa.

    La cosa che mi preocuppa è invece la fuga di tecnici da WOKING.
    Via gente come ILEY, FURBATTO, BUDKOWSKI, dentro SAM MICHAEL dalla WILLIAMS ma con un ruolo nuovo per lui, quello di DIRETTORE SPORTIVO.

    • BUDKOWSKI è ancora in forse, i tecnici che hanno perso penso che all’inizio campionato non saranno un grosso problema visto che sono arrivati da poco a Maranello quando penso che la macchina si già pronta, semmai nello sviluppo, come del resto la nuova Ferrari che è stata disegnata dai ” Vecchi ” tecnici eccezion fatta di Costa mandato via prima.
      Non so’ ma credo che in Mclaren c’erano troppe persone, infatti non reputo molto positivo il passaggio di un numero cosi’ elevato di tecnici a Maranello. Il fatto che in Mclaren c’erano tanti tecnici era chiaro tanto che l’anno scorso a meta’ campionato BUDKOWSKI si era volutamente allontanato da Woking per contrasti interni e perche’ il suo progetto di sviluppo era stato messo in discussione. Forse in Mclaren hanno finalmente capito che questo modello non funziona. Vedremo il discorso è sempre lo stesso ci vogliono tecnici di qualità al posto giusto e non troppi di media qualità o alla fine le cose si complicano troppo. Sinceramente in 20 anni di f1 il modello che sta utilizzando la Mclaren funzionava solo quando la Honda era fornitore di motori ma i Giapponesi hanno un altra mentalita’, in particolare in Ferrari questo modello dovrebbe dare peggiori risultati, perche’ la Ferrari non è una squadra qualunque e si lavora sempre con la massima pressione.

      • Dall’esterno sembra che sin dal 2009 in Mclaren il grande numero di tecnici lavorasse a progetti indipendenti e poi il direttore tecnico sceglieva quello piu’ opportuno, in Mclaren in questi 3 anni abbiamo visto buoni sviluppi alternati a mediocri risultati, in Ferrari invece un disarmante immobilismo, con sprazzi di sviluppo eccezionali vedi ferrari f10 che riusci’ in un miracoloso recupero nel 2010 vanificato nell’ultima gara.
        In entrambe le squadre Ferrari e Mclaren non c’è equilibrio come sulla Red-bull dove ogni singolo micro sviluppo da sempre ottimi risultati, addirittura penso che a fine campionato hanno abbandonato lo sviluppo dando l’illusione di essere raggiunti dalla Mclaren.
        Alla luce di quello che è successo sia Mclaren che Ferrari sono ancora in ristrutturazione per il prossimo anno, certo saranno mediamente competitive ma senza incidenti di percorso la Red-bull parte sicuramente favorita, sono loro i piu’ organizzati ed i piu’ concreti e non venitemi a dire che la Red-bull sia solo Neway ci hanno dato una lezione anche nelle gestione dei box nel cambio gomme.

  • tra l altro lowe vuole accorciare il passo per sfruttare meglio le gomme cosi dicono

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!