Ecco come cambierà la Ferrari 2012

9 gennaio 2012 15:34 Scritto da: Davide Reinato

La nuova Ferrari del 2012, contrassegnata al momento dal nome del progetto 663, sarà presentata il prossimo 3 febbraio a Maranello, stando almeno alle parole del Presidente Montezemolo.

Più volte è stato ribadito che la nuova monoposto sarà un taglio netto con il passato. In fabbrica, tutti lavorano duramente per rispettare la tabella di marcia: il progetto entrerà nel vivo a metà di questa settimana con l’assemblaggio della prima scocca.

Il lavoro di quest’anno è decisamente più incisivo rispetto a quello dell’anno passato: la zona anteriore, infatti, dovrà resistere ad un eventuale collisione laterale con altre vetture ed è stato quindi introdotto un nuovo crash test che ha richiesto l’utilizzo di nuovi materiali. A questo si aggiunga che la vettura, prima di fare i test invernali, deve comunque essere omologata. Una vera e propria corsa contro il tempo.

Ma quali saranno gli elementi fondamentali che daranno forma alla Ferrari 2012? Il collega Giorgio Piola ha recentemente pubblicato un articolo su “La Gazzetta Sportiva” che spiega i punti cardine della nuova monoposto: alcuni cambieranno per regolamento, altri per scelte indipendenti ed inedite a Maranello.

Le monoposto partecipanti al prossimo mondiale si adatteranno al nuovo regolamento tecnico che prevede due sostanziali novità: la variazione di altezza del telaio nella parte anteriore – quindi anche del muso – oltre all’abolizione del soffiaggio basso degli scarichi.

AERODINAMICA – Lo stesso Domenicali aveva ammesso che la forma della nuova vettura sarà decisamente diversa dalla 150° Italia. Sappiamo già che alla presentazione di febbraio non vedremo le ali vere che scenderanno in pista, né quella anteriore né la nuova posteriore.

SCARICHI – Come ampiamente trattato, i soffiaggi saranno vietati anche tramite pesanti limitazioni nel software di gestione del motore. Questo ha costretto tutti a ripartire quasi da zero per lo studio dell’aerodinamica al posteriore e la sfida sarà generare quanto più carico possibile in questa zona. A quanto pare, l’obiettivo è quello di concentrarsi sull’indirizzamento dell’effetto residuo del soffiaggio, per rendere comunque efficiente il gruppo dell’ala posteriore.

INCLINAZIONE SCARICHI – Ci sarà libertà di inclinazione degli scarichi e ciò permetterà di vedere in pista numerose interpretazioni. E’ qui che a Maranello si stanno concentrando per creare qualcosa di diverso ed inedito.

“POLMONE” – Rimaniamo nella zona degli scarichi, perché la Ferrari ha già utilizzato nel 2011 una novità che comprendeva una sorta di “polmone” verticale, sperimentato anche dalla Toro Rosso. Questo potrebbe garantire una sorta di soffiaggio caldo anche in fase di rilascio, aggirando così le severe norme imposte dalla FIA.

SOSPENSIONI – Secondo le indiscrezioni, la Ferrari si convertirà alle sospensioni di tipo pull-rod al posteriore, sulla scia di quanto fatto in questi anni dalla Red Bull.

POSIZIONE DI GUIDA – Cambierà anche quella e sembra avrà una chiara ispirazione di scuola McLaren: il pilota sarà coricato e seduto più in basso. Una scelta che in Ferrari hanno maturato dopo aver provato tale soluzione già dal GP della Turchia 2011.

21 Commenti

  • mancano ancora 4 settimane e poi sapremo …. la curiosita’ vermanete tanta intorno alla nuove macchine, sopratutto per le ferrari per quanto mi riguarda, ho letto che la lotus starebbe lavorando ad un correttore d assetto meccanico potrebbe essere un colpo di genio in grado di farla avvicinare ai top team….secondo al ferrari punterà molto sul doppio fondo ali super flex e magari anche i fondi saranno flex e su una inclinazione particolare degli scarchi che è libera…. speriamo bene forza ferrari !!!

  • intanto il nuovo aquisto di pat fry sembra essere clark ex mercedes e mclaren

  • Giorgio Piola, oltre che tecnico competente, è un ottimo giornalista. I suoi interventi nelle telecronache erano sempre precisi e mai banali. Io non sopporto le telecronache in cui si dice più di quanto è necessario (per questo detestavo De Adamich, era tutto un “forse ha…”, “Probabilmente sta cercando di…”, “dovrebbe usare la strategia di…” spesso detti a vanvera), Piola è essenziale ma allo stesso tempo molto incisivo.
    Grande Giorgio.

    • Infatti pur non essendo un ingegnere Giorgio Piola credo sia più’ valido dell’ingegnere Bruno in Rai. I suoi disegni sono molto facili da comprendere e focalizzano subito l’attenzione sulle novità tecniche. I suoi interventi erano preziosi quando lavorava in Rai, si riusciva a comprendere addirittura come lavoravano i meccanici. Gli interventi dell’ingegnere Bruno invece sono troppo freddi ed alcune volte anche abbastanza scontati.

    • Alexandro HAMALORAI

      ahahahah De Adamich!

      O lo si ama o lo si odia, a me è sempre piaciuto nonostante i suoi famosi motti.

      Come non dimenticare il suo “Pensate un pochino!!!!”

      Grande

      • Ma poi non stava un attimo zitto…

        :-)

      • De Adamich non era il massimo, ma fra Mazzoni e il Grande De Adamich non ci sono dubbi. Certo l’accoppiata De Adamich Schittone era un tantino confusa, ma vuoi mettere Capelli e Mazzoni. Il primo ha bisogno di un logopedista il secondo invece andrebbe bene come direttore di Novella 2000 con il su gossip insulso e fuori luogo. Almeno De Adamich ci metteva il cuore e comunque io sono cresciuto assieme alla trasmissione Granprix di italiano uno.
        Hai dimenticato comunque delle frasi celebri del tipo:

        ” Va nello sporco, sui pezzettini di Gomma ”

        ” No effetto Pendolo ”

        e per finire ” ALLA GRANDE “

  • WBrawnSchumy

    Ma quanto mi manca il giorgio piola?? un genio!

    • E’ veramente un grande io ho comprato anche il suo libro. Giorgio Piola è conosciuto in tutto l’ambente della F1 non solo in italia, i suoi disegni sono frutto di una grande esperienza nel carpire tutti i segreti di ogni singolo team. Addirittura si dice che molti segreti siano stati svelati da Giorgio Piola ancora prima dei veri tecnici del circus che si copiano a vicenda.

  • Manca meno di un mese e vedremo la nuova ferrari….e quasi sicuro che la ferarri usera le sospensioni simili alla redbull….ma certamente userà un doppio fondo stile tororosso…le ali saranno un mistero…chi sa se useranno le ali super flex!!!L’unica cosa che conta e che che deve essere vincente!!!w ferrari!!!

  • Ecco il famoso ” Polmone ” della Ferrari

    http://img171.imageshack.us/img171/4334/20111126164638.jpg

    http://i354.photobucket.com/albums/r404/CrucialXtreme/ruegTD.jpg

    Ed ecco alcune ricostruzioni abbastanza fantasiose sulle pance Mclaren

    http://i817.photobucket.com/albums/zz94/Gridfire/oddball.jpg

    Questa è ovviamente una ricostruzione buffa, ma rende l’idea dell’area dove potrebbero essere istallate delle alette supplementari. Naturalmente le pance non saranno cosi’ potrebbero essere simili ad esempio a quelle della Ferrari 640 ma molto corte.

    http://i.imgur.com/mR72W.jpg

    • Interessante walk-around (intendo quello della configurazione aerodinamica delle pance McLaren), ma secondo te sarà una soluzione anche affidabile?
      Avendo le pance molto rastremate per dare spazio alle appendici aerodinamiche dovranno lavorare molto sulla dimensione e forma dei radiatori!

      • Prima di tutto questa è solo un indiscrezione che è trapelata, quindi da prendere con le molle. Poi in realtà’ una cosa del genere potrebbe essere realizzata, ma non come nel disegno della ricostruzione buffa, si potrebbe spostare la presa d’aria attaccandola alla scocca e far fuori uscire i due elementi di protezione del crash test dove istallare queste appendici aerodinamiche. Ovviamente la pance dovrebbero rigonfiarsi subito dopo come su una vecchia Ferrari 640.
        Per farti un idea guarda questa vecchia foto
        http://statistichef1.altervista.org/STAGIONI%20html/1989/VETTURE%20MODELLI/Ferrari%20640.bmp

        Immagina delle pance simili ma che iniziano come da regolamento subito dopo l’abitacolo, in quello spazio ai lati penso potrebbero essere istallate delle alette.
        Comunque, da quello che ho letto molti team miniaturizzeranno le pance nella prossima stagione, non come nel disegno ovviamente ma visto che i motori sono congelati e che ora mai si riesce a trovare un rivolo d’aria pulito grazie ai nuovi mezzi informatici, come la Mclaren ha dimostrato con le sue pance ad L penso sia possibile.

      • Hai ragione sembrerebbe fattibile, c’è da dire che l’area delle pance e della “Cocacola” in generale è stata sempre un punto delicato da trattare per quanto riguarda i vari pacchetti aerodinamici, sarà interessante vedere cosa pensano di fare in Ferrari unitamente al “polmone” quell’area potrebbe essere sfruttata per convogliare meglio flussi di aria nella parte superiore del retrotreno!
        Per le indiscrezioni sono d’accordo con te ma in questi mesi di avvicinamento al primo gran premio bisogna pur parlare di qualcosa, altrimenti mi prende una “sincope” sono anni che mi alleno inutilmente a ridimensionare la tachicardia da giro di ricognizione, lasciatemi almeno le indiscrezioni pre-prove ufficiali!!! 😉

      • Sì sì concordo: l’attesa snerva tantissimo =D

  • Complimenti per la Laurea ad honorem a Giorgio Piola che stimo tantissimo, anche se non mi risulta che sia un ingegnere. Sulla nuova ferrari non si sa molto in realtà la ricostruzione del video è stata effettuata, credo, come esempio per il cambio del regolamento. Per il resto leggendo in diversi siti, sembrerebbe che la Ferrari dovrebbe avere un passo più’ lungo, ed un abitacolo più’ basso come è stato scritto nell’articolo. Invece ho visto cose interessanti sulla futura McLaren, le voci che circolano sono focalizzate su un nuovo disegno delle pance, questa volta le prese d’aria dovrebbero essere vicine al telaio per fare spazio a piccole ali aerodinamiche all’altezza dei piccoli deviatori di flusso verticali, per intenderci quelli dove la Ferrari istallava gli specchietti. La Fia non ha ancora normato quella piccola area che tutti hanno sfruttato per istallare, appunto deviatori di flusso e sfoghi d’aria supplementari. Altra voce clamorosa è che la Mclaren abbia cambiato strategia riducendo il passo perché’ sembrerebbe che questo favorisca un minor consumo degli pneumatici anteriori. Purtroppo sulla Ferrari le voci sono veramente povere, comunque tutto quello che ho scritto è da prendere con le molle, in F1 tutto è il contrario di tutto.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!