Ferrari, tra innovazioni e crash test falliti

13 gennaio 2012 19:41 Scritto da: Davide Reinato

Indiscrezioni dell’ultima ora annunciano che la Ferrari avrebbe fallito anche il secondo crash test laterale sulla nuova scocca del progetto 663, ossia la vettura 2012. In altre parole, la nuova monoposto non ha ancora ottenuto l’omologazione necessaria per poter scendere in pista ai prossimi test invernali.

Dopo aver fallito al primo tentativo, i tecnici di Maranello avrebbero irrobustito la struttura ad assorbimento con dei fogli di carbonio aggiuntivi rispetto al progetto originale. Tuttavia, pare che questo non sia bastato. Un nuovo crash test è previsto per lunedì 16 al Centro Sicurezza Italiano di Bollate.

C’è da preoccuparsi? Probabilmente no. I nuovi severi test imposti dalla Federazione hanno richiesto una nuova tecnica costruttiva della monoscocca. Non solo. Aver fallito il crash test non vuol dire forzatamente che ci sia qualcosa di sbagliato, ma che la Rossa potrebbe avere in quelle zone delle soluzioni veramente innovative.  In particolare, si parla di un nuovo sistema di raffreddamento che permetterà di avere delle pance strettissime. Si è lavorato tanto per rendere il telaio più leggero possibile, dunque è normale in questa fase della stagione avere a che fare con qualche intoppo. A questo si aggiunga l’ormai confermato correttore d’assetto, il “polmone” che permetterebbe di sfruttare gli effetti residui degli scarichi e tante altre piccole grandi novità che fanno ben sperare il popolo ferrarista.

Inutile fare allarmismi, nonostante sia già partita da un bel po’ la lotta contro il tempo: i test invernali sono molto vicini, così come il giorno della presentazione ufficiale. L’impressione è che Tombazis abbia firmato un progetto realmente interessante e dai grandi margini di miglioramento durante la stagione. Tutto da scoprire, step by step…

30 Commenti

  • In Ferrari sono stati provati ieri in galleria del vento i nuovi aggiornamenti studiati dall’equipe diretta da Rory Byrne. Per la precisione si tratta di un fondo abbinato ad un particolare diffusore concettualmente diverso da quelli fin ora utilizzati. Al CFD tale fondo + diffusore ha dato u beneficio di ben 8 punti di carico aerodinamico.

  • Cavallino Rampante

    Pongo una domanda. È possibile che il polmone serva per convogliare aria calda in rilascio verso l’alettone posteriore, in modo da creare carico aerodinamico, invece che sul fondo vettura visto la nuova disposizione degli scarichi?

    • Il polmone che è stato provato e forse anche portato in gara, dovrebbe servire a quello che hai scritto, cioè porre rimedio alla mancanza di flusso di aria calda in rilascio, visto che dal 2012 saranno illegali le mappature del motore che permettevano questa particolare funzione. Pero’ credo sia chiaro che sfruttare l’aria calda degli scarichi per alimentare l’alettone non sia cosi’ importante come alimentare il fondo. D’altra parte per anni la Ferrari e tutti gli altri team hanno sfruttato cosi’ gli scarichi alti. La cosa importante è un altra sembra che ci sia una falla sul regolamento che permettera’ di utilizzare ancora gli scarichi verso il fondo. Non ho idea del come…

      • Cavallino Rampante

        ti ringrazio per la risposta. Avevo pensato ad un’altra soluzione, ma non so se sia fattibile. Gli scarichi devono uscire in una posizione determinata dal regolamento e su questo non ci piove, ma se al termine degli scarichi venisse posto un “tubo” non connesso direttamente e posizionato all’interno della scocca nel quale vengono convogliati i gas di scarico? Poi ovviamente questa sorta di tubo dovrebbe far compiere ai gas un giro di 360 gradi e l’uscita posizionata sul fondo vettura dove erano posti i terminali di scarico quest’anno per sfruttare tutti i benefici connessi.

      • Ci avevo pensato anche io, tu parli di un convogliatore dei gas di scarico. Era un idea che mi frullava per la testa poi ho visto il video di Giorgio Piola sulla posizione degli scarichi e penso che sia praticamente impossibile. Prima di tutto come da regolamento sin dal 2009 è stato bandito qualsiasi foro sulla carrozzeria e qualsiasi appendice aereodinamica su tutto il corpo vettura. Forse in convogliatore potrebbe essere ricavato all’interno dell’alettone posteriore infatti mi pare che non ci siano delle norme che permettano di utilizzare le bandelle laterali come tubi e mi pare si possa forare il profilo basso dell’alettone posteriore.

      • Cavallino Rampante

        interessante l’ipotesi delle bandelle laterali usate come dei convogliatori di gas di scarico. Il problema è capire come si comporta il gas all’uscita dello scarico, se è possibile indirizzarlo verso il convogliatore e, se si può fare, la percentuale del gas che effettivamente entrerebbe in questo dispositivo.

      • Non conoscendo al dettaglio il regolamento e non essendo un tecnico mi baso su quello che hanno fatto gia’ i diversi team di f1.
        L’idea di incanalare l’aria verso il fondo tramite l’alettone posteriore, parte dall’uso standard degli scarichi che tutti i team dovranno fare, non vedo altre alternative di orientamento degli scarichi, quello che potra’ variare credo sia l’angolo o verso il centro dell’alettone o verso ai lati per colpire in parte anche le gomme posteriori e riscaldarle. L’idea dell’alettone e bandelle forate mi è venuta dopo aver visto il sistema f-duct della Mercedes GP che appunto sfruttava la bandelle dell’alettone posteriore. Comunque in linea di massima credo sia realizzabile, il problema è la sua efficacia che comunque sara’ ovviamente molto piu’ blanda rispetto al sistema normale, inoltre il punto di sfogo delle bandelle sara’ forse troppo avanzato e i gas di scarico dovranno fare un percorso non molto diretto senza contare che le bandelle sono sottili quindi potranno contenere un flusso d’aria calda limitato. Potrebbe essere una soluzione solo per recuperare una parte di carico perso, ma non decisiva.

    • in tutte le cose ci vuole cervello no polmone

    • se il progetto aerodinamico è in simbiosi con il correttore d’assetto si vedono i risultati……………ma se i primi crash test falliscono………………come dire dal primo mattino si vede il buongiorno

  • grazie fabio c per tutte le info ma mi farai venire un infarto…. :))) cmq dateci sotto con questo componente miracoloso che dobbiamo essere da vittoria dal 1 gp …

  • Leggendo su un sito inglese di tecnica di f1, sembrerebbe falsa l’indiscrezione trapelata oggi. Sembra infatti che la Ferrari sia riuscita al secondo tentativo ha passare il crash test, lo scopriremo nei prossimi giorni.

  • Quindi se effettivamente, Ferrari Red-bull e Mclaren hanno trovato un buco nel regolamento il ” polmone ” Ferrari diventa ancora piu’ importante. Infatti se si continuerà a sfruttare i gas di scarico verso il diffusore, sara’ fondamentale che questi continuino a soffiare anche in rilascio, uno dei problemi principali degli scarichi soffiati che non funzionava sulla Renault degli anni 80 era appunto, la discontinuità del flusso d’aria che rendeva la macchina difficile da controllare quando veniva a mancare il flusso d’aria calda. Newey aveva risolto con la famosa rappattuma del motore Renault che permetteva di ottenere sempre una continuità di flusso d’aria calda sempre, ma dal 2012 questa è stata vietata. Quindi credo che tutti stiano lavorando anche ad un sistema simile a quello della Ferrari con il suo polmone.

  • Io aspetterei piu’ di qualche GP a giudicare …. eheheh c’e’ un ritardo su una componente che “sulla carta” o meglio “sugli schermi dei computer” ci fa guadagnare tanto tanto tanto … buona caccia.

    • Ciao Fabioc come ho scritto sul mio blog il sistema di cui parli è un innovativo fondo/diffusore che Rory Byrne ha avuto l’idea di realizzare durante le vacanze di natale. Si parla di un beneficio di 8 punti di carico aerodinamico. So anche che è andato in produzione in questi giorni ma ci vorrà del tempo a completarlo perché di difficle costruzione. Se tutto andrà bene e i dati del CFD saranno confermati in galleria del vento verrà portato in pista al Gp di Spagna.

      • Ciao, beh l’idea stavolta non viene da R ma una sua evoluzione di una di N e del suo staff, se leggi il regolamento nuovo sono riusciti a lasciare una falla dove sicuramente almeno MCL e Lattine gia’ sono al lavoro. La Mercedes invece sta lavorando molto sulla parte meccanica…

    • Da quello che hai scritto nel precedente post, la novità sarà celata durante la presentazione, ne deduco che la Ferrari non avrà strane pance ad L come sulla Mclaren che non potevano essere camuffate.
      Visto che la Ferrari non ha superato i crash test laterali, la novità non sara’ tanto nella miniaturizzazione delle pance quanto nella posizione del kers che forse cambierà completamente disposizione rispetto al 2011. Poi da quello che sappiamo già di certo dopo i test della Turchia di questa stagione, il telaio dovrebbe essere più’ basso con il pilota che guiderà più’ disteso.
      Comunque la Ferrari ha sempre stupito nella costruzione del Telaio ricordo ancora la F2002 super innovativa, e anche nella meccanica.

      • Acqua, la novita’ non ci sara’ sulla vettura nella sua versione definitiva fino al Bahrain, al piu’ tardi in Spagna, non e’ un per un problema di organizzazione. giuro non dico di piu’. Ricordati che io posso anticipare solo quello che so che altri hanno detto in via confidenziale agli “amici” questi giorni e che quindi so che uscira’ sulle riviste o sui siti prima o poi. Non e’ cattiveria ma al mio traballante posto ci tengo, prima che ci piazzino un inglese.

      • Grazie comunque, certo e poi non dobbiamo dare troppo vantaggio agli avversari. Sui vari siti di tecnica si parla tantissimo della Ferrari della Mclaren ma sulla Red-bull come al solito buio totale… i bibitari hanno anche questo vantaggio non fanno notizia nel precampionato e possono lavorare in tutta tranquillità.

      • La novità dovrebbe essere fondo – diffusore innovativo che farà affluire aria calda sul fondo vettura. Ancora devo capire in che modo ….

      • Non conosco bene le parti del regolamento che normano gli scarichi. Cosi’ a prima vista, il buco potrebbe essere legato non tanto agli scarichi che fuoriescono dalla vettura, ma a tutto il sistema. La stessa Ferrari ha realizzato il polmone che fa parte degli scarichi che è regolare, forse il regolamento non preclude l’utilizzo di altri metodi di fuoriuscita dei gas di scarico. Si potrebbe ipotizzare che le monoposto oltre ai normali scarichi, potrebbero avere un sistema supplementare dove raccogliere i gas di scarico per poi espellerli in alta maniera. Ho letto su alcuni siti che ci dovrebbe essere una sorta di tunnel ma sinceramente non ci ho capito molto perche’ scritto in un inglese tecnico.

      • che sia un polmone supplementare che rilascia aria calda nel fondo vettura in rilascio di acceleratore per massimizzare il carico aerodinamico in una fase critica come la staccata?

      • comunque vi ho gia’ scritto dove leggere bene il regolamento.

      • Secondo me ti conviene davvero chiudere la bocca, sia per il tuo bene professionale, sia per non dare indizi a chi di dovere. Hai già detto tanto, pensate a lavorare bene, a tenere d’occhio Alonso che sembra un po strano ultimamente e a vincere. Non vi chiediamo altro =D

  • Non cè da preoccuparsi se abbiamo fallito qualche crash test,la macchina si può sempre rinforzare…invece dobbiamo sperare che sia veloce…e specialmente estrema!!!

  • Questo mi porta a pensare che se i crash test non passano significa che stanno facendo qualcosa di azzardato e chissà forse questo è un primo indizio di un auto che farà la differenza e sta lavorando all’estremo (cosa ormai svanita da tempo in Ferrari)per segnare una svolta. Spero che quello che dico rispecchi quello che vedrò il 18 Marzo =)

    Pensiamo positivo

    • Qualcosa di azzardato, oppure un nuovo schema mai provato e come al solito si cerca di limare cercando di trovare il massimo di leggerezza e resistenza.
      Il fatto stesso che la Mclaren abbia superato il test facilmente invece fa presagire un un telaio che sara’ una evoluzione d’altra parte è la Ferrari che aveva preso una strada sbagliata nel 2011 con una forma del telaio troppo conservatrice che aveva costretto i progettisti ad alzare il telaio per istallare il kers.

  • estremo o non estremo,l’importante è stare davanti a tutti!!

  • Ferrari al limite. Mi piace. Così deve essere.

  • incrociamo le dita e speriamo sia veramente segno di un progetto estremo.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!