Hembery: “Gli scarichi soffiati ci saranno ancora”

25 gennaio 2012 13:32 Scritto da: Davide Reinato

“Gli ingegneri in Formula 1 sono dei geni”, così ha esordito Paul Hembery alla nostra domanda sulle modifiche tecniche previste per il 2012. Il nuovo regolamento tecnico ha ufficialmente bannato i soffiaggi degli scarichi, andando anche a porre seri limiti alle mappature, utilizzando la centralina unica per evitare interventi come lo scorso anno.

In realtà,  gli ingegneri di varie squadre hanno già trovato la soluzione per utilizzare i gas roventi in rilascio senza grandi problemi, semplicemente indirizzandoli verso l’ala posteriore e non più verso il basso. Una conferma del fatto che le norme in questo settore avevano ampio margine di interpretazione.

Il divieto degli scarichi soffiati ha portato la Pirelli a riguardare la definizione del nuovo profilo del pneumatico. Pur mantenendo identica la struttura della gomma, le coperture avranno un profilo più squadrato, al fine di migliorare il livello di usura, in particolare nella zona della spalla. Ottimizzando pressioni e temperature, si riesce così ad avere un’impronta a terra più uniforme e questo ridurrà di molto il problema del blistering. Queste modifiche hanno di conseguenza aumentato l’aderenza al posteriore, proprio per tentare di compensare alla perdita di carico aerodinamico in quella zona.

Tuttavia, Hembery ha ammesso che la perdita di carico non sarà eccessiva: “Da quello che so, gli scarichi soffiati ci saranno ancora. La differenza è che hanno trovato il modo di sfruttarli sparandoli verso l’alto e non più verso il fondo vettura. Dunque, anche se il carico verticale sarà comunque minore, non dovrebbe essere così influente”.

Aveva ragione Ross Brawn quando, in tempi non sospetti, aveva ammesso che gli ingegneri non possono dimenticare tutto ciò che hanno imparato nel tempo in materia di soffiaggi. Il regolamento tecnico, come al solito, è pronto ad essere aggirato ed interpretato.

11 Commenti

  • be cero arrivato pure io di dirigere gli scarichi sull’alettone posteriore e di sfruttare lo scalino x fare entrare l’aria da convogliare nel motore e farlo uscire dagli scarichi

    e non sono un genio ovviamente l’avevo detto in occasione della presentazione ferrari
    difatti la ferrari mi ha “deluso” pensavo che inseriva una presa d’aria sul muso staremo a vedere , newey invece lo ha fatto sarà interessante vedere le soluzioni

  • ha ragione brawn gli ingegneri nelle ultime 3 stagioni hanno scoperto i benefici di scarichi soffianti diffusori doppi ed f-duct e faranno di tutto per ottenere un minimo vantaggio, al centro dell’attenzione ci sara l’ala posteriore ma anche la gestione dei flussi delle fiancate, io credo molto nella sospensione posteriore della mercedes che cerca di riprodurre i vantaggi delle sospensioni elettroniche usate sino a 20 anni fa’, se l’idea funziona sono cavoli amari

  • Da NON ingegnere, a pelle, dico che non sarà mica la stessa cosa, specie nelle curve medie.

  • Io mi sono documentato credo che il buco regolamentare sia nella zona delle gomme posteriori fra bandella dell’alettone e presa d’aria dei freni. Credo che le prese d’aria freni, che gia’ sono state sfruttate come mini profili alari potranno diventare dei convogliatori d’aria calda che a loro volta spareranno aria verso il diffusore. Il problema maggiore sarà calcolare al millimetro il flusso d’aria, cercando di non investire troppo le gomme posteriori.

    • WBrawnSchumy

      eh si il problema è li al posteriore devono fare bene i calcoli… ma siccome hanno gli attributi ce la faranno!sono sicuro.

    • a tal proposito mi era venuta un idea degli scarichi regolabili dal pilota che mandano aria calda verso le gomme per riscaldarle e poi verso le bandelle. Mi pare non ci sia un altro vuoto regolamentare, infatti gli scarichi possono essere posizionati in una area ben stabilita ma, abbastanza vasta per fare cambiare direzione. Con questo trucchetto si replicherebbe la famosa mappatura dal qualifica che aveva la Red-bull, mandando in temperatura le gomme quando serve.

      • Sarebbe sempre un dispositivo “aerodinamico” controllato dal pilota a piacimento, dubito che lo farebbero passare come regolamentare, solo DRS e per sempre DRS finché non cambiano idea i signori dello spettacolo…

      • Ecco quale è il dilemma, in realtà F-duct ed il famoso fondo alimentato dagli scarichi tramite mappature sono veri e propri dispositivi aerodinamici gestiti dal pilota, il primo comandato dal pilota anche se la FIA giustifico’ il congegno McLaren perché’ era l’aria che mandava in stallo l’alettone posteriore ecc..
        In realtà qui c’è grande confusione quello che sembra certo è che se la Ferrari presenta qualcosa d’innovativo viene subito ” BANNATO ” gli scarichi comunque hanno gia’ un certo movimento creato dalla vibrazioni del pilota, basterebbe inventare qualcosa che permetta di spostare l’angolo di qualche centimetro oppure regolare semplicemente gli scarichi in funzione della qualifica e poi sistemarli a parco chiuso, qualcuno potrebbe obiettare che a parco chiuso non si puo’ lavorare sulle macchina, bella favoletta …. ci sono bonus e stra bonus a discrezione della FIA che permettono a talune squadre di cambiare anche mezza macchina.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!