McLaren a caccia di aderenza all’anteriore

16 febbraio 2012 17:20 Scritto da: Diego Mandolfo

A Woking si lavora alacremente per preparare la nuova McLaren MP4/27 ai prossimi test di Barcellona. Illuminanti le parole di Lewis Hamilton, che nell’esprimere la sua soddisfazione per come sono andate le cose a Jerez, traccia anche la strada da seguire per l’immediato sviluppo della monoposto Made in England: trovare più aderenza al posteriore. Hamilton ha ammesso che “la vettura di quest’anno si guida in maniera molto diversa dall’anno scorso“, ma ha anche sottolineato che al primo test spagnolo non ci sono state brutte sorprese. Anzi, sia lui che Button si sono sentiti presto a proprio agio all’interno della nuova monoposto.

Nella sua analisi, con schiettezza ed estrema chiarezza, l’anglo-caraibico analizza quella che è la vera direttrice nella progettazione e nello sviluppo delle monoposto di Formula 1 per questa stagione. Avendo perso carico al posteriore, per via della messa al bando degli scarichi soffiati da parte delle FIA, si tratta di cercare deportanza altrove. Non solo nello stesso posteriore. Ma date le limitazioni del regolamento, bisogna scovare downforce in altre aree della vettura e trasferirla al posteriore, dove ce n’è molta meno. Un’area per tutte: l’avantreno. Ecco che praticamente tutti i nuovi progetti hanno focalizzato la loro attenzione nella parte anteriore delle vetture, da dove le monoposto dovrebbero cercare di incamerare tutto quel flusso pulito di aria che serve poi all’intero telaio per attaccarsi all’asfalto.

Da ricordare però che proprio sull’anteriore la McLaren ha fatto una scelta coraggiosa e in controtendenza rispetto a tutti gli altri team, decidendo di non sfruttare tutta l’altezza massima del telaio consentita dal regolamento. La parte centrale del telaio della nuova McLaren rimane infatti almeno 4-5 cm (già prima della centina anteriore) più basso rispetto ai 625 mm consentiti dal regolamento. Ecco perchè non c’è il brutto scalino presente in tutte le monoposto degli avversari di Woking. Ne risulta un muso che scende giù regolare fino all’alettone anteriore. Scelta opposta per la Ferrari che, a costo di risultare bruttina, ha deciso di alzare al massimo il telaio così da “invitare” tutta l’aria possibile sotto la F2012. Due filosofie diverse, presto si vedrà quale sarà più azzeccata.

Come detto Lewis fa un’analisi lucida, dopo aver confessato, in maniera adamantina, di aver subito notato molta meno aderenza al posteriore della sua nuova MP4/27 rispetto alla vettura dello scorso anno:

Per ciò che riguarda la nuova monoposto, le mie sensazioni sono state subito molto positive, nonostante abbiamo dovuto affrontare unu lungo ed impegnativo programma di verifiche iniziali. Ma non ci sono state sorprese, e questa è un’ottima notizia. Nel 2011 abbiamo avuto tanta stabilità al posteriore, soprattutto nelle curve a velocità elevata, grazie al diffusore soffiato che adesso è vietato. Noi adesso dobbiamo trovare grip altrove, o quantomeno guadagnare aderenza all’anteriore e scaricarla al posteriore, in qualche modo. La nuova MP4/27 è comunque una macchina sulla quale si può lavorare davvero tanto. Conosco i dipendenti della fabbrica e so che hanno molto da imparare dagli ultimi test a Jerez  per poi tradurlo velocemente in qualcosa di nuovo per la vettura in vista dei prossimi. In ogni caso la monoposto mi sembra ragionevolmente veloce!”.

47 Commenti

  • potrebbe anche bleffare hamilton o le sue dichiarazioni che sono state travisate o ingigantite

    • e ingannare chi?
      tanto sanno tutti di giocare a carte coperte, persino la toro rosso l’ultimo giorno stava realizzando il miglior tempo prima di rallentare, questo gioco continuera’ anche nei prossimi test, chi ha le carte migliori non le vuol far vedere sopratutto ora che la fia ha deciso di intervenire sulle soluzioni “sospette”

  • Frank Pitonetti

    Al di là dei giudizi tecnici, che in questo momento lasciano il tempo che trovano, un indiscrezione riporta che Hamilton sia molto preoccupato per la competitività della MP4-27.
    Mah, normalmente autosport è una fonte piuttosto autorevole, però potrebbe essere anche pretattica di Hamilton.
    ————–
    fonte: Auto Motor und Sport
    http://www.autosport.com/

    “Quando ho visto che tutte le altre vetture erano così alte all’anteriore mi sono chiesto se abbiamo fatto la scelta giusta”
    Hamilton ha ammesso che quel tempo era stato ottenuto con un approccio “aggressivo”, quindi con poco carburante. La MP4-27 sarebbe stata quindi oltre un secondo più lenta rispetto alla Lotus a Jerez.
    La MP4-27 è “difficile da controllare nelle curve veloci”.
    Un commento in contrasto con le dichiarazioni di Vettel: “Nelle curve veloci non vedo molta differenza rispetto a prima.
    Secondo il giornale spagnolo Marca, Hamilton avrebbe anche confidato al suo ex compagno di squadra Heikki Kovalainen, di essere deluso dalla nuova McLaren.

    • ferraristasempre

      mi sa che hai confuso siti… l’indirizzo esatto è auto-motor-und-sport.de
      è un sito diverso, tedesco, mentre autosport è inglese. autosport è molto affidabile… auto motor und sport non so dire perché non lo leggo.

      • esatto la fonte e’ tedesca, ma l’affermazione che i tempi fossero stati ottenuti con un approccio aggressivo la riportarono tutti i mezzi di informazione, ma all’epoca tutti erano concentrati sulla benzina nei serbatoi di alonso….

  • io trovo assurdo che un pilota critichi una scelta tecnica della proprio squadra senza avere riscontri precisi in pista, hamilton ci ha abituato a tutto ma questa e’ grossa davvero, oppure come io credo e’ molto deluso dalla macchina, magari ha osservato il comportamento delle redbull che sono sempre incollate all’asfalto e sappiamo tutti dove voglia andare il prossimo anno……

  • Trulli è a piedi, l anno prossimo nessun italiano in pista, al suo posto ci sarà Petrov che porta 10 mln alla Caterham.
    Peccato.
    (Fonte: Sportmediaset)

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!