Vettel è il moderno Fangio! Parola di Stirling Moss

18 febbraio 2012 20:36 Scritto da: Diego Mandolfo

Una leggenda del passato che esalta un campione del presente. In una recente intervista Stirling Moss ha definito Sebastian Vettel il Juan Manuel Fangio dei tempi moderni. Moss fu uno dei più grandi rivali del cinque volte Campione del Mondo argentino negli anni ’50. Oltre che suo compagno di squadra in Mercedes nel 1955. Secondo il pilota inglese la superiorità che dimostra Vettel oggi è paragonabile a quella che metteva in campo Fangio ai suoi tempi.

Non è cosa così comune che, in un mondo competitivo come quello della Formula 1, un campione del passato paragoni un giovane talento proprio ad un suo rivale. Anche perchè non parliamo di un pilota qualsiasi, ma di Stirling Moss. Il suo nome è spesso stato accostato all’epiteto di Re senza Corona. Questo perchè Moss è il pilota con maggior numero di vittorie in F1 che non sia però mai arrivato a vincere un titolo mondiale. 16 i suoi successi sui tracciati del Mondiale. Una sorta di eterno secondo, visti i suoi piazzamenti sul secondo gradino del podio mondiale nel 1955, ’56, ’57, ’58.

Moss, oggi 83enne, ha avuto parole d’elogio per Seb, paragonandolo appunto al suo rivale, Juan Manuel:

Vettel è davvero un moderno Fangio nella Formula 1. Non riesco a vedere nessun altro con la sua naturale abilità, con quel modo di essere così forte. Sebastian è eccezionale, ma ha anche la macchina migliore, cosa abbastanza giusta, perchè normalmente il miglior pilota ha la migliore macchina. Quando c’era Fangio lui otteneva ciò che voleva, e poi tutto ciò che rimaneva. Button e Hamilton (parlando dei talenti inglesi ndr) sono lassù, ma non altrettanto in alto. Lewis fa cose strane, con lui non si può mai essere sicuri. Punterei i miei soldi su Jenson. Certo Lewis è terrificante, sa essere velocissimo, ma Jenson riflette sulle cose che fa meglio di lui. Button riesce a capire meglio le situazioni, come quando piove e bisogna decidere quando cambiare le gomme. Comunque siamo fortunati che Vettel abbia un gran senso dell’umorismo. E’ un Campione del Mondo dannatamente bravo. Non riesco a pensare a molte altre persone che sono arrivate in quella posizione e restituiscono tanto quanto ottengono, lui lo sa davvero fare!”.

Insomma una legittimazione di gran valore, quella che arriva per Vettel. Che tra l’altro venerdì prossimo riceverà il più ambito premio tedesco in ambito sportivo: la foglia d’alloro d’argento. L’ambito riconoscimento gli sarà consegnato al rientro dai primi due giorni di test a Barcellona (martedì e mercoledì prossimi). Vettel infatti scenderà in pista per primo con la RB8, poi lascerà il posto a Webber. A premiarlo, nel Palazzo Bellevue a Berlino, sarebbe dovuto essere l’ormai ex Presidente tedesco, Christian Wulff, da poco dimessosi. Anche Michael Schumacher vinse la foglia d’alloro d’argento, dopo aver conquistato il titolo mondiale nel 1995.

Ma intanto, come detto, per Vettel arriva la consacrazione da parte di Stirling Moss, il cui nome suona davvero come un’onoreficenza ufficiosa. Per molti anni infatti, durante e dopo la carriera del londinese, circolò in Gran Bretagna la frase retorica “Chi ti credi di essere, Stirling Moss?”, per apostrofare qualcuno con una guida particolarmente sportiva. A usare l’espressione erano soprattutto i poliziotti inglesi quando fermavano gli automobilisti per eccesso di velocità. Moss ha raccontato che egli stesso, una volta, fu fermato  e gli venne posta questa domanda, con l’agente che inizialmente non l’aveva riconosciuto. Adesso potrebbero girarla a Vettel: “Chi ti credi di essere, Moss o Fangio?“. Ma lui farebbe un sorriso alzando l’indice destro in segno di vittoria.

52 Commenti

  • Vettel è un grande pilota, ma giustamente come dice Luca è il suo momento, come quello che tanti altri piloti hanno avuto nel mondo del circus, credo però che Vettel stia seguendo le orme di Michael Schumacher, un pò odiato dagli avversari e molto amato da chi amava la Rossa di Maranello. Vettel per molto tempo rimarrà sulla cresta dell’onda fin quando ha un potenziale di quelle proporzioni sotto il sedere.
    Alonso, Hamilton, Button hanno caratteristiche diverse ma si equivalgono, amo la guida di Alonso, amo la guida aggressiva di Hamilton, mi piace tantissimo la guida pulita di Button, l’uomo calcolatrice! ahahah
    Quest’anno ne vedremo delle belle, se le macchine si metteranno sullo stesso livello, ma si sa il mondo della formula uno è strano!
    quindi la domanda sorge spontanea… CHI SARA’ IL PILOTA DELLA STAGIONE 2012?!

  • Questo e’ il suo momento…. un po per gli sponsor, un po per pubblicita’, un po perche guida la macchina piu forte ed eccolo la che vettel e’ diventato il pilota piu chiaccherato del circus… ci sono passati un po tutti: alonso nel 2006 hamilton nel 2008 e via dicendo. io penso solo che i 4 dell’ave maria (vettel alonso hamilton button)) siano sullo stesso livello, poi ognuno di noi ha il suo pilota preferito e magari lo preferisce ad un’altro. secondo me il piu forte di tutti i tempi, l’unico che veramente ha emozionato tutto il mondo con le sue gare e’ AYRTON SENNA!!! tra i 4 ALONSO, sempre secondo me, e di gran lunga piu forte degli altri. molto piu completo

  • Vettel è un pilota forte, anzi, fortissimo… ma per favore, smettiamola con questa storia che gli avverari non gli riconoscono il valore che merita, è avvilente…

    Io credo che di piloti sullo stesso livello siano 4/5 in griglia, tutti con caratteristiche differenti che alla fine li fanno cmq essere ad un livello più o meno pari, la vera differenza la fa il mezzo che hanno a disposizione.

    Quoto ogni intervento di ferraristasempre è l’utente che fa le analisi più oiettive di tutti.

    E lascerei stare paragoni scomodi come quello che ha fatto Moss, perché con tutto il rispetto per i campioni del passato, la Formula 1 di oggi è una cosa completamente diversa.

  • Ommiodio, stanno facendo montare il ragazzo adesso. Ma lasciatelo correre e poi tra qualche anno ne riparliamo.

  • schumi il kaiser

    vettel é forte, fortissimo…ma nn sara” mai come schumy..mai….

  • Vettel, Alonso, Hamilton e se volete pure Button, son 4 piloti straordinari ognuno con le sue peculiarità e qualche piccolo difetto, fosse per me , meriterebbero 5 titoli mondiali a testa, prima della fine della loro carriera, ma non c’è spazio e tempo per tutti.
    Ovvio che la F1 moderna, penalizza piloti come Alonso, soprattutto, che senza tanti test, non hanno la possibilità di sviluppare la monoposto come gli è più congeniale.
    Mi sarebbe piaciuto vedere se Vettel con la F150, l’anno scorso, avesse fatto meglio di Fernando…ma questi paragoni lasciano il tempo che trovano, proprio come quello di Stirling Moss.

  • ferraristasempre

    chiaramente non è che vettel sia un pilota scarso, bicampioni del mondo non ci si diventa così dal nulla. dico solo che per ora non mi pare abbia ancora dimostrato di essere di un altro pianeta rispetto agli altri. non ha mai vinto una gara se non partendo dalle prime tre posizioni, sembra avere difficoltà a superare qualcuno a meno che la sua macchina non sia estremamente superiore (penso a silverstone con hamilton e in giappone con alonso).
    quest’anno ha retto benissimo la pressione a differenza del 2010, dove prima di suzuka a volte era un po’ troppo nervoso (turchia, ungheria, spa…). è evidentemente maturato rispetto a un anno fa, e quest’anno potrebbe migliorare ancora considerando quant’è giovane e considerando il fatto che correre col numero 1 per il secondo anno consecutivo accresce sicuramente la tua fiducia.
    però per ora secondo me è un campione con una macchina stratosferica rispetto alle altre. non è un extraterreste in griglia, come schumacher nel 2001-2 e forse 2003-4.

    in più ripeto… il paragone con fangio per me lascia il tempo che trova, a prescindere dal pilota. per quant’è cambiata la f1 mi sembrano inutili i paragoni con senna o prost, figuriamoci con fangio

    • Ma non è vero che vettel non sa sorpassare..

      • ferraristasempre

        non ho detto che non sa sorpassare, ho detto che sembra avere difficoltà a meno che non abbia un mezzo estremamente superiore. dico “sembra” per dire che è l’impressione che ho io, dico “difficoltà” per dire che non è che non lo sappia fare, però è uno dei motivi per cui non concordo con la frase di moss “non riesco a vedere nessun altro con la sua naturale abilità”

      • seb è un maestro del giro secco..è vero,ha avuto dalla sua la macchina migliore,ma non sempre!comunque anche alonso è uno che preferisce gestire,anzichè rimontare..lo ha detto lui stesso;cioè in questa f1 i sorpassi sono difficili per tutti,ecco perchè hanno introdotto il drs..quello temerario nei sorpassi,quello che ci prova sempre e fa divertire,è hamilton,però abbiamo visto tutti nel 2011 come questa aggressività gli si sia voltata contro!

      • ferraristasempre

        per me i sorpassi vettel li gestisce meno bene di altri, ma è solo un esempio per spiegare perché secondo me non è IL migliore, seppure sicuramente tra i migliori, e meritatamente tra i campioni. se non faccio esempi concreti poi magari pare che dò un’opinione soltanto in base al fatto che tifo ferrari 😀
        sul giro secco non ho detto nulla… se pensassi che NON SA superare e che nel giro secco non vale niente avrei detto “vettel è una schiappa”, ma non l’ho detto :)

      • io credo che affermare che vettel abbia difficoltà a sorpassare, sia azzardato, bisogna sempre considerare le circostanze, l’anno scorso non gli conveniva assolutamente azzardare sorpassi rischiando di compromettere punti sicuri. nel momento in cui si è ritrovato assolutamente certo del mondiale, mi pare che abbia dimostrato di essere in grado di sorpassare, basta chiedere ad alonso.

        comunque, pure io sostengo che è presto per i paragoni ne deve fare di strada ancora, come pure alonso e hamilton. il paragone con fangio poi mi sembra assolutamente azzardato, probabilmente le auto di fangio erano più difficili da domare e da portare al limite per carenze tecniche, ma credo che il fangio vincente di allora, difficilmente riuscirebbe ad andare al limite con le attuali monoposto, per carenze atletiche.
        tempi troppo diversi per fare paragoni!

        comunque mi auspico in un mondiale equilibrato!

    • comunque moss ha nominato fangio riferendosi ai suoi tempi,è comunque mi sembra sempre un opinione rispettabile,di uno che “forse”qualcosa di f1 l’ha vissuta e la capisce..e comq i paragoni in genere non piacciono neanche a me,non mi piacciono neanche quelli tra lo stesso vettel e alonso..cmq ogni pilota è a se,e per fortuna campioni ne abbiamo..

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!