Alonso sulla difensiva: “Serve grip, vorrei una vettura veloce”

22 febbraio 2012 20:37 Scritto da: Antonino Rendina

Alonso chiude la sua due giorni di test a Barcellona con 162 giri percorsi in totale e il miglior crono in 1″23’180 che gli vale il quarto tempo.

La Ferrari, rispetto alle concorrenti, sembra un vero e proprio cantiere aperto. Con tanto tempo passato ai box per lavorare sulla monoposto. Provando assetti e regolazioni in grado di far volare la nuovissima F2012. Molto del lavoro di questi giorni è stato incentrato sugli scarichi.

Fernando avrà sofferto non poco nel vedere Vettel e Hamilton darsele in pista di santa ragione con macchine che, almeno per ora, sono più “pronte”.

Per fortuna della Rossa, però, il mondiale non inizia domani. Il lavoro da fare è tanto per capire il comportamento e far funzionare al meglio quella che Matador stesso definisce “una vettura altamente complessa”.

“Noi siamo la Ferrari, vogliamo, come è ovvio, vincere  ma è troppo presto per dare giudizi sulla nostra competitività” questo il monito dello spagnolo, corrucciato dopo  i test ma non affranto, forse un po’ deluso ma non del tutto pessimista.

“Ci stiamo impegnando a capire il comportamento della vettura. L’anno scorso negli ultimi test abbiamo percorso la distanza di un Gp. Ma a Melborune eravamo 1,5 secondi dietro alla Red Bull. Io preferirei avere una macchina veloce e cercare in un secondo momento l’affidabilità, piuttosto che avere una macchina solida ma lenta”.

Per ora Nando non si sbilancia sulle chance di vittoria della nuova nata di Maranello: “E’ troppo presto per dire dove siamo. Sicuo non ci troviamo dove volevamo essere.  Non siamo i più veloci credo, ma nemmeno i più lenti. Vedremo…”

“La Red Bull mi sembra sempre performante, d’altronde è due, tre anni che è così. Noi e la McLaren siamo costretti a inseguire e ad inventarci sempre qualcosa. Quest’anno scegliendo strade completamente diverse”.

La Ferrari è sembrata un po’ scomposta in uscita dalle impegnative pieghe di Barcellona. Cosa non da poco, come si usa dire chi va forte qui lo fa dovunque. Montmelò è il circuito tipo del Circus.

Lo stesso Alonso ha ammesso il problema: “Noi dobbiamo migliorare il grip in uscita di curva, ma non credo che sia un problema solo nostro. Bisogna vedere che gomme montavano e quanta benzina montavano gli altri. E’ difficile capire a che punto sono i rivali ma noi dobbiamo migliorare assolutamente sotto questo punto di vista, l’uscita di curva è fondamentale”.

Queste ultime dichiarazioni confermerebbero in parte le indiscrezioni che parlano di una Ferrari in costante cerca di carico aerodinamico sul posteriore.

87 Commenti

  • La F2012 è tutta da scoprire e ottimizzare.
    Pazienza!

  • ma FabioC dov’è finito?? perche non ci da piu aggiornamenti??

  • io non capisco la gente credevate che magicamente la ferrari visto il gap del 2011 lo avrebbe azzerrato ci vuole un po di tempo paghiamo il poco coraggio avuto negli anni passati con i nostri rivali che certamente non aspetteranno i nostri progressi

    • QUOTO
      Pero’ c’è un problema “di gestione della tifoseria”. E’ giusto quello che dici! Ma il problema è che si creano sempre delle aspettative prima dei fatti…
      E’ da piu’ di un paio d’anni che noto questo…
      Io continuerò a tifare una ferrari anche di mezza classifica, non è questo il problema…

      • ferraristasempre

        verissimo. è che dopo gli anni 2000-2004 si pensa sempre che si deve arrivare alla prima gara con la vettura che dà mezzo secondo agli altri oppure è un fallimento. la realtà è che come ha detto fernando stesso vincere non è un obbligo. quando si gareggia e quando si tifa la prima cosa da mettere in conto è la sconfitta.
        ma in generale in italia c’è un atteggiamento molto poco paziente in questi casi, non solo in f1 :)

    • Quoto. La cosa capisco meno è l’ovvia cosa (ma evidentemente difficile da capire) che se devi recuperare 1 sec non è che gli altri ti stanno lì tomi tomi cacchi cacchi ad aspettarti e fare la figura dei pirloni per essere superati.

      Il genio Newey, che tale è e rimane, è per recuperare il gap dalla Rossa dominante che ha creato la famosa Mp4 “mai nata”

  • ferraristasempre

    @frank il mezzo secondo lo diceva già fabio c a jerez… se fosse sotto il mezzo secondo sarebbe niente. su vettel, lui si nasconde sempre, ed è dalla prima volta che è sceso in pista che dice di avere meno grip e di doversi abituare.

    sulle dichiarazioni di alonso, è vero, l’intervista completa non è un inno al pessimismo (e il lamento “vorrei una vettura veloce” non l’ha fatto). però ci sono due frasi che mi preoccupano e che mi lasciano perplessa, questo “non siamo dove volevamo essere” ma soprattutto una frase riportata da autosport, “è vero che stiamo raccogliendo dati e che alcuni di questi avrebbero dovuto già essere in nostro possesso”.
    quindi ritorna l’interrogativo che ci eravamo già posti a jerez: ma hanno ancora problemi con la galleria del vento? fabio c aveva detto di no e ho letto più volte dai vostri commenti che le sue informazioni sono sempre state affidabili e veritiere. per questo da totale profana chiedo da cos’altro potrebbe derivare questo “non avere informazioni che si dovevano già avere”.
    per me l’unico problema, o per lo meno, quello davvero preoccupante, è questo. il fatto che la macchina sia nuova, complessa e che serva ANCHE molto lavoro in pista per capirla, è un discorso chiaro. che in pista non si ritrovano con i dati che avevano è un discorso un po’ meno chiaro. insomma se c’è tanto da lavorare ben venga, se c’è qualcosa da sistemare sono in grado di farlo, ma se ogni volta che lavorano in fabbrica anziché in pista si ottengono dati di cui non ci si può fidare vuol dire che è una lotteria…
    spero che questo dubbio ci sarà chiarito presto.

    • ti invidio come sai essere chiara nei concetti ne ottimista ne pessimista ma speransosa

      • ferraristasempre

        zico figurati, non penso ci sia qualcosa da invidiare, essere ottimisti o pessimisti alla fine è una questione di carattere e ognuno funziona a modo suo :)
        grazie comunque 😛

      • non su quello sul fatto di farsi capire quando scrivi

    • Comunque alla prima gara, a parte problemi critici di vettura, vedo difficile un distacco tra una macchina e l’altra di 1 secondo visto il nuovo regolamento.
      Rb e MCL che avevano un gran vantaggio da questo punto di vista, sono anche quelli che hanno perso di piu’. Quindi il mio pensiero è che i tempi siano piu’ contenuti dell’ordine massimo di 1 secondo in qualifica nei top team. Poi ormai quasi tutti hanno imparato a scaldare le gomme al primo giro e quindi la qualifica sarà certamente meno facile per la RB.
      Fa eccezione la ferrari, che potrebbe prendere parecchio se lo sviluppo in questi ultimi giorni non da frutti…Come potrebbe essere li, se magicamente, riuscissero a trovare il giusto SETUP aerodinamico. Solo che a mio avviso quando le si provano tutte significa:
      – che non si sa dove mettere le mani e quindi si spera che una configurazione sia quella giusta
      – che si sa piu’ o meno il comportamento e si va a trovare la conferma di quanto supposto.

      Io spero che siamo nel secondo caso, anche se le parole di alonso mi lasciano pensare ad altro.

      FORZA FERRARI DAI ABBIAMO UN MESSETTO :DDDD

    • La galleria del vento ha gia’ fatto le bizze l’anno scorso e sarebbe strano che non siano corsi ai ripari. Da quello che leggo ho il forte dubbio che vi siano problemi con comportamenti dell’auto non ripetitivi e riproducibili. Sembra che si stia lavorando con sensori e giri da passisti per determinare un modello matematico di qualcosa che sfugge alle regolazioni, per fare statistica insomma. Secondo me e’ la struttura aerodinamica deformabile dell’auto, che incanala flussi in maniera non costante in base alla sollecitazione, che crea grattapi e impedisce la ripetibilità del set- up…

  • benvenuto a Ken Falco, hai citato i tempi di alesi dalle parole di alonso sembra che siamo tornati a quei tempi questa macchina assomiglia sempre di piu’ alla f92a grandi promesse grandi delusioni, come quei tempi ci appendiamo alla speranza ma poi quando si torna in pista i problemi sono gli stessi, gli occhi di alonso da cane bastonato parlano chiaro. A differenza di quei tempi abbiamo migliori tecnici e migliori strutture quindi non bisogna drammatizzare, ma il tempo scarseggia e la papera non galleggia

    • hai letto l intervista intera non e malaccio a solo ribadito quello che dice da madonna di campiglio avere pazienza quindi penso che un lavoro cosi l avevano gia immaginato forse che si riusciva a farlo piu spedito però non dobbiamo essere disfattisti come jo un po piu di ottimismo certo sono un po preoccupato ma dobbiamo anche avere fiducia lo chiedono tutti

  • Ciao a tutti, sono nuovo di questo blog e faccio i complimenti a tutti per i contenuti degli interventi. Sono appassionato di F1 da sempre e Ferrarista da sempre. Proprio per questo ricordo i tempi duri quando ci si esaltava con un duello del grande Alesi per il terzo posto, oltre non si andava. Le Rosse ci hanno abituato bene ma ci hanno anche fatto tribolare, e non poco. E’ lo sport. Speriamo che quest’anno si stiano gettando le basi per essere piu’ competitivi ed esserlo da subito se possibile, ma comunque vada diamo atto che si respira una tensione che mancava da un po’ in questo team. E questa immancabilmente genera passione, che e’ il sentimento che mi ha fatto diventare Ferrarista. Se poi saremo o meno competitivi lo dira’ la pista e, perche’ no, la grinta dei piloti. In bocca al lupo Ferrari!

  • In realta Fernando ha fatto queste dichiarazioni che secondo me nel loro complesso suonano meno allarmanti:

    “Stiamo provando diverse soluzioni, sia sugli scarichi che su altre aree” – ha detto Fernando – “Poi in pista e a Maranello lavoriamo tutti per analizzare i dati e per migliorare la prestazione, un lavoro che richiede tempo. A Jerez avevamo detto che a Barcellona saremmo partiti da una base migliore e così è stato e speriamo che sia lo stesso la prossima settimana, quando si svolgerà l’ultima sessione. Poi cercheremo di mettere insieme il meglio per essere pronti a Melbourne, quando veramente capiremo dove siamo. I nostri obiettivi sono ambiziosi, non potrebbe essere altrimenti essendo la Ferrari, e restano inalterati: vorremmo essere in condizione di vincere sin dalla prima gara. Penso che probabilmente non siamo i più veloci oggi ma non siamo nemmeno i più lenti. In Australia, quando magari le temperature saranno ben diverse, sapremo dove saremo rispetto agli altri”.
    “In questo momento non siamo dove volevamo essere e dove vogliamo essere in Australia ma io resto ottimista. Ci sono ancora sei giorni di prove e vedremo come andranno. E’ difficile dire anche dove sono gli altri: sicuramente la Red Bull è molto forte, come del resto è normale visto quello che hanno fatto negli ultimi tre anni ma nessuno può dire che ad esempio McLaren o Mercedes, che sembrano dietro, non siano forti, magari anche più della Red Bull. Questo è un inverno più laborioso per noi rispetto al passato perché abbiamo una macchina più complessa, che presenta delle idee molto innovative ma che richiede un impegno maggiore da parte di tutti: piloti che la devono guidare, tecnici che la devono gestire e migliorare, meccanici che ci devono lavorare sopra venti ore al giorno. È sempre bello avere una vettura subito pronta, veloce ed affidabile ma non sempre è sinonimo di vittoria. L’anno scorso abbiamo fatto una simulazione di gara alla fine del primo test e poi a Melbourne eravamo ad un secondo e mezzo dalla pole position”.
    “È vero, per quello che abbiamo visto finora siamo sempre riusciti a riscaldare bene gli pneumatici e a tirarne fuori il potenziale subito. Quest’anno la prestazione dei diversi tipi di gomme è molto più vicina: non ci sono più quelle differenze fra una mescola e l’altra che avevamo nel 2011″.
    “Sicuramente dobbiamo fare dei passi avanti sull’aerodinamica, in particolare nell’uscita delle curve. Ogni pilota vuole avere sempre più aderenza e più carico ma non posso giudicare da fuori gli altri. Poi magari avremmo voluto essere in grado di avere sin da subito un quadro completo della vettura ma preferisco avere una macchina performante e poi trovare l’affidabilità piuttosto che una solida ma lenta”.

    • il che significa: 1) ricerca di carico al posteriore (varie configurazioni di scarichi provate); 2) distanza ancora marcata dalla rb (nell’ordine del mezzo secondo?)…mah,io comincio seriamente a preoccuparmi che,come negli anni scorsi,con tutti questi dati non ci stiano capendo un cazzo…

  • Frank Pitonetti

    Intanto anche Vettel ha ammesso che la redbull non ha lo stesso grip dell’anno scorso.

  • Frank Pitonetti

    Ok, ora mi sembra abbastanza palese che la Ferrari sia indietro.
    Fernando è sempre chiaro e diretto, ora bisognerà vedere il distacco che verrà rimediato a Melbourne, che spero non sia superiore al mezzo secondo.
    Redbull e Mclaren sono avanti, e probabilmente anche la Mercedes.

    • io non vedo una Mercedes avanti

    • Diciamo che non sappiamo se la Mercedes è avanti…ma probabilmente in questo preciso momento si perchè la ferrari ora fa prove solo aerodinamiche quindi fa intendere che è indietro nell’analisi….
      Alla prima gara RB e MCL ce la suoneranno 😀

      Spero che la ferrari mi smentisca :) ovviamente io spero sempre nel recupero magico 😀

      • se speri in una magia te lo scordi sai che in f1 magie non esistono io sono speransoso senza magia solo che ci voglio anzi ci devo credere

  • Questa Ferrari è certamente una scommessa, per me è estrema su tutti i fronti, e questo non necessariamente si può tradurre in un vantaggio. Nonostante i 4 mesi di anticipo sulla concorrenza nella progettazione si sono rivelati numerosi problemi: drop-off elevato sulle gomme anteriori, surriscaldamento del sistema idraulico, difficoltà in uscita di curva dovute ad un’ aereodinamica perturbata e scarichi difficili da mettere a punto che hanno costretto gli uomini di Maranello ad adottare la soluzione Red Bull.

    Che dire… spero che riescano a sistemare tutto e che il fondo termico di Byrne funzioni a dovere.

  • Giuseppe.Ferrari

    questa foto di alonso è presa da eurosport….spero proprio che non sia della giornata di oggi
    http://d.yimg.com/i//ng/sp/eurosport/20120222/25/41e0410c71834f2dad32989e90c992ea.jpg

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!