La Mercedes non c’è: Schumacher recupera un punto

25 marzo 2012 14:02 Scritto da: Andrea Facchinetti

Tutto fumo e niente arrosto. Può essere sintetizzata così la gara della Mercedes a Sepang che, anche in questa seconda gara, illude i più con le buone premesse della vigilia poi clamorosamente smentite con il passare dei giri in gara. Finisce così con Schumacher che artiglia un punto per disgrazie altrui e Rosberg che chiude tredicesimo e fuori dalla zona punti. Per la Mercedes si tratta del primo punto in due gare, un bottino a dir poco misero rispetto al potenziale espresso in qualifica.

L’incertezza del meteo costringe i piloti a partire con le intermedie. Schumacher non ha uno spunto brillante, e cerca di mantenere la posizione fino alla curva 4, quando viene colpito al posteriore da Grosjean. Schumacher sprofonda in 16° posizione e la sua gara di fatto è compromessa. Il tedesco per tutta la corsa rimane invischiato nelle lotte a metà gruppo, con molti sorpassi fatti, ma anche tristemente subiti. Solo la foratura di Vettel e la rottura del motore di Maldonado, consentono a Michael di rientrare nell’ultima posizione che attribuisce punti iridati. E’ un punto che non serve a molto se non a togliere lo zero dalla casella punti fatti.

Per come partivo sulla griglia non posso essere soddisfatto del risultato di oggi” ammette Schumacher. “Nella prima parte di gara le condizioni erano difficili ed è stato giusto interrompere la gara. Dopo il restart il passo non era male, ma eravamo tutti nelle stesse condizioni ed era difficile recuperare. E’ chiaro che dobbiamo migliorare la differenza che c’è tra qualifiche e gara, c’è ancora tanto da lavorare”, ha dichiarato il tedesco.

Anche la gara di Rosberg è una sofferenza. Al restart, dopo l’interruzione causa pioggia battente, Rosberg sembra tenere il passo delle Red Bull e della Lotus di Raikkonen ma, come ci ha abituati, la Mercedes W03 non sa gestire le gomme: in quattro giri Rosberg viene passato da 4 vetture e la scelta di cambiare di nuovo pneumatici lo porta solo più indietro in classifica. Anche lui naviga per il resto della gara attorno la 15° posizione, per poi chiudere 13° a circa 28 secondi dal compagno Schumacher.

Per Rosberg oggi è stata “una giornata sfortunata in una gara particolare. Dopo la ripartenza ero 4°, ma i problemi alle gomme intermedie sono arrivati ben presto e mi son dovuto fermare prima degli altri. L’unica consolazione è stato tener dietro Button nel finale con le gomme d’asciutto, ma dobbiamo essere forti in gara come lo siamo in qualifica”.

12 Commenti

  • La gara delle Mercedes è stata scandalosa. Pensavo che almeno sul bagnato andassero un po’ meglio. In qualifica volano per via del drs ma in gara…
    Se Vettel e Maldonado non avessero avuto problemi sarebbero arrivati 12°(Msc) e 15°(Ros). Nella classifica ideale dei team attualmente è dietro a McLaren, Red Bull, Ferrari, Lotus e pure a Sauber e Williams. Il confronto è ancora più impietoso se guardiamo la classifica costruttori, davanti solamente a Catheram, Marussia e Hrt.
    Le pagelle del team di Stoccarda per il Gp di Sepang? Eccole:
    Michael Schumacher 6, errore in partenza, incolpevole nel contatto con Grosjean. A causa dell’eccessiva usura degli pneumatici rimane invischiato a centro gruppo senza la possibilità di rimontare. Dalla sua ottima qualifica (3°), costantemente più veloce del compagno Rosberg riesce comunque a conquistare un misero punto. MASSIMO RISULTATO CON IL MASSIMO SFORZO
    Nico Rosberg 4, non parte benissimo, la strategia non lo aiuta. Ha l’occasione di fare un ottima gara dopo il re-start (era 4°) ma viene risucchiato indietro fino al 13° posto finale. Non riesce a gestire gli pneumatici come Michael ed è nuovamente fuori dai punti, senza contare l’errore in qualifica. MEDIOCRE
    Muretto box 4, sbaglia tutte le strategie non facendo rientrare i loro piloti al momento giusto per sopperire al gap con gli altri team. INAMMISSIBILE
    Mercedes Amg W03 4, per quanto visto in queste due gare ci si aspettava molto di più dalla Stella.

    • Non è solo questione di DRS. Le Mercedes divorano le gomme, e tornano ad andare benino solo quando la benzina torna a livelli “da qualifica”. E’ come se per cercare la prestazione sul giro secco avessero trascurato il passo gara…ce n’è eccome, da lavorare.

    • Aggiungo anche che , come già scritto, non capisco perchè non adottino strategie con più soste, visto che la velocità c’è e i piloti anche.

      • Visto il passo che hanno a metà gara non credo che con una strategia a più soste riuscirebbero ad essere molto più competitivi. Anche se la tua non è un’idea del tutto malsana.

      • ferraristasempre

        ieri di per sé la mercedes ha fatto più soste, con nico almeno… non ha pagato molto.

  • si però è grave non aver risolto ancora questa problema del degrado triktrok hanno speso un sacco di soldi racimolando un pugno di mosche

  • Inguardabile la Mercedes:
    I due piloti venivano superati all’esterno delle curve con una facilità imbarazzante!

  • Se riusciranno a risolvere il problema gomme (sperando non sia dovuto a qualcosa di struttorale), saranno molto ma molto competitvi, pronti a lottare per il titolo.
    Cavoli, ci vuole una via di mezzo, forse è per questo che hanno preso l ing. Costa :) (piccola cavolata)

  • purtroppo il degrado gomme ingestibile, non permettono alla Mercedes di ripetersi in gara, comunque grandissimo Schumi che nonostante i problemi di gomme è riuscito a girare costantemente più veloce di Rosberg!!!
    Senza il contatto con la Lotus sarebbe arrivato con una ventina di secondi in meno considerando il traffico ecc. ecc. ma cmq poca cosa rispetto quello che ha dimostrato in qualifica.

  • tanto fumo poco arrosto x tutti non solo x la Mercedes , sicuramente è stato sfigato e le gomme le bruciano , ma la mercedes è in f1 da poco tempo quindi non diciamo cazzate

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!