Sauber favorevole al Budget Cap

2 aprile 2012 15:22 Scritto da: Davide Reinato

Il team Sauber si è espresso favorevolmente all’idea dell’introduzione del Budget Cap in Formula 1, sperando che un accorgo in tal senso venga raggiunto dalle squadre già per la prossima stagione.

La soluzione al tetto di spesa era stata proposta da Max Mosley ed è stata quella che ha consentito di accettare le richieste di iscrizione di squadre come la Lotus (ora Caterham), la Virgin (Ora Marussia) e la HRT.
Lo scorso mese, Bernie Ecclestone aveva nuovamente messo l’accento sui limiti di spesa, regolando però seriamente la cosa e non a parole, visti i recenti risultati sul Resources Restriction Agreement.

Adesso, tramite le parole del CEO Monisha Kaltenborn, la Sauber apre la porta a questa soluzione: “Abbiamo iniziato con il RRA, che di per sé è stato un passo importante, ma naturalmente è ben lontano da quello che serve adesso. Bisogna evolverci, fare un passo successivo, fissando un budget per ogni squadra. Noi, per esempio, abbiamo delle buone infrastrutture e un’ottima galleria del vento. Altre squadre hanno altri punti di forza, ogni squadra ne ha almeno uno”.

L’intervista, pubblicata dal sito ufficiale Formula1.com, sottolinea come il nuovo Patto della Concordia 2013 potrebbe favorire l’introduzione del nuovo tetto di spesa: “Molto presto dovremo prendere una decisione per questo passo importante. Quando l’attuale Concorde Agreement giungerà a termine, sarà un buon momento per impostare un certo tipo di regole”.

4 Commenti

  • per tornare alla F1 vera degli anni 70/90 di pura ricerca e diversità tecnica e idee geniali applicabili alle auto di serie, e non degli aeri che non hanno niente a che vedere con delle auto..bisognerebbe liberalizzare la vendita delle auto, cosa che dovrebbe essere approvata, e poi fondo piatto su tutta l’aerea della vettura, peso minimo, altezza minima e massima ,strutture di sicurezza odierne, e sopratutto
    tot volume di serbatoio e vinca il migliore…Le mans ormai fa la tecnologia iubrie, deltawing, ecc…
    avremmo disel, benzina 6000, oppure V8 con un vero sistema di recupero d’energia non il kers odierno
    solo la redbull ha problemi più per la minituatizzazione a scopo aerodinamico che per difetti strutturali del sistema. Che senso ha per una casa investire in F1 con dei motori standard…dove la differenza la fa un baffo oppure una trovata aerodinamica senza senso.. sulle vetture di serie..
    Grazie pirelli per lo spettacolo altrimenti sarebbe il solito trenino anche con 6 campioni al via.

    • altrimenti facciamo diventare la F1 una simil gp2..e stop con un massimo di spesa si 20 milioni a stagione, si torna ad avere anche 30 macchine, e vince il pilota e il team con i migliori tecnici..tot di ore di galleria del vento..20 giorni di test durante il campionato, tot motori e cambi..sarebbe un monomarca da milionari..sperando poi che corrano solo i piloti più forti e non solo i più granosi..

  • ferraristasempre

    a quanto lasciava intendere horner nella conferenza stampa dei team principal a sepang, solo red bull e toro rosso sono contrarie. secondo horner bisogna contenere i costi facendo varie limitazioni con i regolamenti tecnici e sportivi – come le regole sul numero massimo di motori all’anno o su quante gare deve fare un cambio – anziché col tetto di spesa, che per lui lascerebbe zone d’ombra e sarebbe poco controllabile.

  • Sé fosse rispettato sì potrebbe aprire allo sviluppo libero dei motori sarà poi a discrezione di ogni squadra decidere dove e come utilizzare le risorse economiche

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!