Alesi: “Newey ha voluto Vergne alla Toro Rosso”

Jean Alesi si sta concentrando sulla prossima sfida a Indy e, nel corso di una lunga intervista concessa al settimanale Autosprint, ha avuto modo anche di parlare del suo primo amore: la Formula 1.

Da buon francese, non poteva che commentare l’arrivo nella massima serie di ben quattro suoi connazionali: Jules Bianchi come terzo pilota della Force India, Charles Pic con la Marussia, Romain Grosjean alla Lotus e Jean-Eric Vergne alla Toro Rosso. Proprio sul rookie della squadra faentina si concentra l’attenzione di Alesi.

Pare che dietro la promozione a pilota ufficiale di Vergne ci sia lo zampino di Adrian Newey. L’appiedamento di Buemi e Alguersuari spiazzò un po’ tutti, perché arrivò come un fulmine a ciel sereno e la rivelazione di Jean non fa altro che aggiungere pepe alla questione.

Sulle pagine del settimanale, Alesi ha così raccontato come sarebbero andate le cose in quella occasione: “[…] Quest’anno Jean-Eric avrebbe dovuto correre ancora nella WSR 3.5. Ci fu però una riunione del vertice Red Bull, a cui partecipavano Newey e Marko, fra gli altri. Ad un certo punto Adrian chiede: ma la Toro Rosso non è il team che dovrebbe crescere i nostri giovani talenti? E Marko gli risponde: si, perché? E Adrian dice: perché io non voglio i due che si sono adesso. Detto fatto, prima di Natale Marko ha telefonato a Vergne che non sapeva niente, per lui è stato uno shock […]”

Forse un riassunto della situazione un po’ troppo semplicistico, ma che di fatto potrebbe rispecchiare parte della situazione reale che ha scosso il team di Faenza, costretto a piegarsi alle logiche della Casa Madre Red Bull.

5 Commenti

  1. I fatti per ora gli danno ragione.

    Ricciardo e Vergne sono un ottima coppia di piloti con ampio spazio di miglioramento.
    Vedremo chi impressionerà di più dei 2 e quasi sicuramente uno di loro prenderà il posto di Webber tra 1 anno o 2.O perchè no, anche di Vettel!

Lascia un commento