Lotus: Raikkonen 14° e deluso, Grosjean buon 6°

 Kimi Raikkonen in appena due giri, sul finire della gara, è passato dalla seconda alla quattordicesima piazza finale. Un consumo inarrestabile degli pneumatici lo ha fatto precipitare in graduatoria senza alibi (per il team) nè possibilità di reagire (per lui).

Il finlandese è scuro in volto e il tono è a dir poco dimesso: “La strategia a due soste è stata un errore, molto semplice. Siamo andati bene nei primi due stint ma poi sono rimasto bloccato dietro a Felipe (Massa ndr) perchè non eravamo abbastanza veloci. E dopo poco, quando ero secondo, le gomme hanno ceduto di botto facendomi perdere tante posizioni”. 

Un degrado repentino e verticale delle mescole che ha impedito all’ex ferrarista di tornare sul podio dopo due stagioni di assenza.

Ma se a un tiro di schioppo dal fortunato anelito si è dovuto fermare Kimi ben diversamente sono andate le cose per Romain Grosjean, sesto sotto la bandiera a scacchi e autore di una prova positiva.

Per il francese due pit stop ma ritardati, in modo da poter trovare il giusto equilibrio tra consumo gomme e prestazione. Alla fine arriva in scia dei migliori conquistando otto importanti punti, i primi della stagione: “Finalmente sono a punti e sono contento, è stata una gara interessante, dove non abbiamo sbagliato niente e soprattutto mi sono divertito”.

Un po’ meno si sarà divertita la Lotus nel fare il bilancio finale del fine settimana cinese. Una scuderia che per potenziale velocistico credeva fino a ieri di poter insediare le prime della classe. E che invece da oggi si ritrova un po’ nella terra di nessuno, vicino ai big ma senza disturbarli, un po’ senza infamia e senza lode. Con il pericolo di restare la grande promessa non mantenuta della stagione. Urgono sviluppi mirati e soprattutto indovinati.

11 Commenti

  1. E’ passata poco la cosa,volevo fare notare che alla prima curva dopo la partenza Grosjean ha fatto un lungo scartando alla sua sinistra e per poco centrava Alonso e Massa..

  2. ciao a tutti, sono nuovo anche io ma vi leggo da molto tempo.
    Mi pare che Kimi dopo due anni lontano dalla F1 sia tornato su ottimi livelli e qualche errore o insicurezza penso possa ancora starci (oggi in tanti hanno sbagliato…)
    Per me rivedere una Lotus nera e oro è un tuffo al cuore (anche se chapman non c’è più, di Lotus ha poco…e Kimi non è Ayrton) e spero riescano a salire quanto prima sul podio e non solo!

  3. Chiedo scusa a tutti, vi leggo da un sacco ma questa volta non riesco a fare a meno di non intervenire:
    Kimi ha sbagliato la partenza,o meglio non è stata la partenza ideale (poco meglio di Koba)
    poi ha avuto un atteggiamento remissivo, è vero forse non c’era il passo giusto oggi, ma si sapeva, l’errore più grande è stato fare i primi stint troppo corti, se la strategia era di due pit, vedere grosjean per confermare la mia tesi.
    resto un affecionados del finlandese, però è dai tempi sauber e mclaren che non lo vedo aggressivo quanto serve (con gomme fresche non ha neppure passato Webber oggi e ci prova SEMPRE E SOLO all’esterno come se non avesse fiducia a staccare sullo sporco).
    spero sempre in un suo VERO ritorno,come piaceva a me,lo spero sempre ma chissà.

  4. Quest’anno basterà un niente per ritrovarsi dalla parte sbagliata della classifica, anche quella piloti attuale lo dice chiaramente…. C’è tempo per rifarsi in casa Lotus, ma devono proprio incominciare ad azzeccarne una.

Lascia un commento