Bahrain: granate stordenti contro i manifestanti

18 aprile 2012 19:40 Scritto da: Davide Reinato

Chi è già a Manama, racconta di una calma apparente, di una vita tranquilla e finora zero problemi. Tuttavia, la situazione in Bahrain sembra farsi più calda. Oggi, durante un evento collaterale al Gran Premio di Formula 1, la polizia è dovuta intervenire con granate stordenti contro i manifestanti, arrivati a protestare contro lo svolgimento della gara.

I manifestanti cantavano cori contro la F1 a Sakhir e inneggiavano a favore della scarcerazione di un attivista, arrestato due mesi fa, che da allora ha cominciato uno sciopero della fame e rischia, ora, la morte.

Le forze armate hanno dovuto disperdere i rivoltosi, ma anche la gente accorsa sul luogo per assistere all’evento ha dovuto cercare un riparo. Una giornata decisamente poco incoraggiante in vista di questo weekend. Da aggiungere alle varie minacce di proteste nella zona della pista, lanciate dagli attivisti sui Social Network.

Intorno a Manama, comunque, le forze dell’ordine sono state letteralmente triplicate e tutto lascia presagire ad una forte repressione in caso di manifestazioni.

8 Commenti

  • Quando i team potevano scegliere se andarci o no, hanno scelto la soluzione che più fa comodo al Dio denaro..
    Per me adesso possono anche sparargli addosso non avranno nessuna comprensione..
    ANDATE A QUEL PAESE!

  • ho appena letto che un membro della force india è stato vittima di un attacco con una bomba incendiaria…per fortuna nessun ferito..ma questo membro del team ha chiesto di tornare in europa…è gia in volo…

  • Lo stesso popolo che protesta,rimane inerme quando viene effettuata la lapidazione su degli esseri umani. Anzi… Cmq caro Bernie meglio non prendere questi soldi sporchi di sangue… Più Europa e Stati Uniti please!!!!

    • bruce, la colpa ora non è di Bernie..ma di tutti i team che hanno accettato di assistere a questo schifo..hanno voluto la bicicletta e nella pedalata è sono comprese anche queste cose..prendi e porta a casa!

  • Rimane per sempre una delle più grandi vergogne della F1. Nessuno ha solamente osato puntare il dito contro questo scandalo. Ci si preoccupa della sicurezza, ma non dei contenuti. Certo, essa è ovviamente necessaria, ma la sostanza è che questo silenzio è imbarazzante, così come lo è la posizione della FIA, la quale, ben lo sappiamo, fa parte di un contesto occidentale, che si dovrebbe impegnare nel rispetto dei diritti umani.
    Questa è comunque aria fritta, perchè l’ipocrisia è ben diffusa:
    Del resto, come sottolineava qualcuno, la Cina, sotto un’altra maschera politico-sociale, non si discosta molto dal Bahrain in questo senso.

  • Bello veramente non hanno fatto vedere il gp quando è morto il Papa ma lo fanno vedere quando c’e’ una popolazione sull’orlo di una guerra civile, mi sa che non lo guarderò

  • questi episodi in una dittatura sono normale amministrazione

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!