Mercedes ha provato un nuovo cambio in carbonio

4 maggio 2012 11:30 Scritto da: Davide Reinato

Dopo i test sul circuito del Mugello, Nico Rosberg ha ammesso che la squadra ha raccolto una grande quantità di dati che aiutano nella comprensione degli pneumatici ma che, un po’ a sorpresa, hanno portato alla luce dei problemi nelle curve veloci.

“E’ stato un buon programma di test per noi, quello del Mugello. Abbiamo imparato molto sulla gestione degli pneumatici e questo ci dovrebbe aiutare da Barcellona in poi”, ha ammesso il pilota tedesco. “Tuttavia c’è ancora molto lavoro da fare, specialmente per migliorare la macchina nelle curve veloci che sono ancora un problema. Nel complesso, comunque, sono soddisfatto di quanto fatto questa settimana”.

Anche Schumacher si era detto contento dell’opportunità di tornare in pista per fare delle prove a stagione in corso: “In passato, ho fatto davvero tanti chilometri qui al Mugello, è una pista bellissima. Siamo stati in grado di raccogliere davvero tanto e ogni giorno che passa impariamo sempre qualcosa in più per dare il meglio con la nostra vettura, e questo è assolutamente positivo”.

La squadra della Stella a tre punte ha comunque sfruttato al massimo questi tre giorni di prove. Anche se apparentemente la W03 era quella che presentava meno novità visibili, sotto la carrozzeria c’era un elemento piuttosto importante che andava provato. Si tratta di un nuovo cambio in carbonio che sembra abbia risposto bene ai tanti chilometri macinati da Schumacher e Rosberg. Il sette volte iridato aveva concluso 144 giri mercoledì, mentre ieri Nico ne ha portati avanti altri 129.

30 Commenti

  • che vantaggi porterebbe suddetto cambio in carbonio?
    a me viene in mente solo che possa essere piu leggero e forse smaltire meglio il calore….

  • REDAZIONEEEEEEEEEEEEEE……….!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    chi ha inventato il cambio automatico?????????????

    • penso come @Chico che il cambio automatico lo abbia inventato Forghieri e testato sulla T3 nel 78 o 79,ma non sono sicuro…

      • concordo……..il cambio elettroattuato fu inventato da forghieri ma non nel 78 o 79 ma bensì nel 1980 durante la svezzatura della 126 ck turbo che avrebbe corso nel 1981 proprio per alleviare la potenza improvvisa del turbo….fu provato da villeneuve ma gilles all’epoca rispose con queste parole…..non affiderò mai la mia vita ad un congegno elettronico!!!!!

    • L’eletroattuato fu concettualmente inventato da Forghieri con lo scopo di attenuare la violenta risposta de Turbo e tradotto in untrasfersale a cinque marce robotizzato dallo stesso ingegnere che poi ha progettato quello di Barnard.

      Ciao,Stefano.

    • Scusate ma c’è differenza tra cambio automatico e robotizzato!
      In F1 si parla di cambio robotizzato sequenziale non di automatico!!! 😉 lo so sono pistino e bast…

      • http://it.wikipedia.org/wiki/Cambio_automatico
        Quello che si usa in F1 è un cambio meccanico sequenziale a innesti frontali comandato da un sistema idraulico ad alta pressione elettro attualto, invece che dalla solita leva nell’abitacolo.
        Io preferisco sempre la leva piuttosto che le levette o i pulsantini 😉

  • Ciao a tutti.
    Giusto per aggiungere che l’attuale cambio automatico che si usa(chiaramente aggiornato ed evoluto)in formula uno fu inventato da Barnard;montato sulla Ferrari “papera” vinse la prima gara del mondiale al suo esordio in Portogallo nel’ 90 con al volante il mitico Mansell

    • In Brasile nell’89, veramente…poi si ruppe per cinque o sei gran premi di fila…

      • Si in Brasile e vero,poi si accorsero che si rompeva perche si scaldavano le elettrovalvole che davano l’impulso al cambio finche non le spostarono in una zona più ventilata e da allora smise di rompersi

    • il cambio automatico fu inventato da Forghieri, Barnard lo tiro solo fuori dal cassetto….

      • Anche questo può essere. Lo fecero provare a Villeneuve, che però disse che preferiva trafficare con la leva del cambio, e premere i bottoni non gli dava soddisfazione.

  • … io sono del ’74 e di GP ne ho visti abb sia dal vero che in TV … nell’80 la Ferrari bruciava le turbine e peccava di prestazioni a parte l’82 quando tra scioperi degli Inglesi garagisti e vicende drammatiche la F1 arrivò al massimo dell’assurdità come nel ’94 … purtroppo la Ferrari si fece trovare impreparata all’innovazione del turbo appannaggio di case come renault e porsche …
    J.Barnard ha inventato tutto quello che e’ la F1 moderna … uso importante di carbonio e materiali evoluti, strutture portanti … monoscocca … ecc. ecc. … se siete troppo giovani per aver vissuto soltanto alcuni aspetti della F1 moderna senza conoscerne il prima .. documentatevi e andatevi a rivedere le gare degli anni precedenti all’era schumacher senna and co …

    • Sono d’accordo fino a un certo punto. Certo è che John Barnard negli anni ’80 e ’90 è stato un progettista di grande talento, capace di introdurre soluzioni e novità geniali. Più discutibile che la Ferrari non fosse all’altezza della Renault riguardo allo sviluppo del turbo, per il quale certo la “palma d’oro” spetta alla Porsche.
      La storia tra Barnard e la ferrari fu piuttosto turbolenta: Barnard chiese una libertà d’azione decisamente massiccia, e la richiesta di poter lavorare a Guilford fece infuriare più di quclhe ingegnere di Maranello. Le lotte politiche che ne seguirono (tra cui un progetto alternativo sviluppato a Maranello in gran segreto, pensate un po’) resero davvero difficile il ritorno alla vittoria del Cavallino.
      La macchina dell’89 e quella del ’90, peraltro, erano favolose, e Prost avrebbe vinto il mondiale del ’90 senza lo speronamento di Senna e se Mansell lo avesse aiutato in Portogallo.

    • Classe 1971

      Il 120° di Forghieri non aveva da invidiare niente a nessuno e a fine stagione 1981 la Renault si complimentò ufficialmente per il livello raggiunto dal motore in meno di 18 mesi di lavoro. Nel 1981 l’IBM presento il suo mitico PC, negli uffici tecnici era ancora in uso intenso il regolo di legno.
      Una delle grandi innovazioni del 120° era l’iniezione d’acqua nei cilindri, che la federazione vietò a inizio stagione 1984, sul principio che poteva anche non essere acqua.
      La crisi delle Turbine Ferrari arrivò nella stagione 1985, il 120 era nato intorno alle Turbine tedesche KKK, come il TAG Porsche, e gli uffici di Porsce e Dennis convinsero la KKK a togliere nel Luglio 1985 la fornitura alla Ferrari che si ritrovò a ripiegare in tempo 0 sulle Garret che con le pressioni delle KKK andavano in fumo e il meritatissimo mondiale di Alboreto andò a Prost. Nel frattempo Forghieri mollo e inizio il declino.

      Barnard è stato un grandissimo, a li si deve l’introduzione della monoscocca di Carbonio e altri particolari delle moderne monoposto, ma la sua intransigenza alla fine lo portò al declino. Io personalmente lo considero uno scalino al di sotto di persone come Forghieri, Murrey e Head.

      Ciao,Stefano.

    • Quello che dici è parzialmemnte vero….
      Era un altra ferrari in piena ristrutturazione ed in crisi di identita’…non era il problema di motori il problema basilare….anzi.

      Barnard non era quel genio che tu dipingi anzi un tecnico mediocre figlio di una ottima scuola tutto qua…
      le strutture portanti boh non si da di cosa stai parlando, il cambio semiautomatico era una invenzione ferrari …. rimane solo la scocca in compositi.
      Untecnico mediocre piu’ bravo a vendersi che a progettare.

      Documentati…

  • … cambio in carbonio … lo aveva proposto un certo J.Barnard nel lontano ’96 … poi fu denigrato dalla solita Ferrari … che non ha mai apprezzato le uscite di genio e non ha mai avuto la capacita organizzativa e tecnica per implementarli a dovere … come nel caso del Turbo degli anni ’80 … si poi hanno vinto per quasi 5 6 anni pero’ dal ’96 hanno sofferto altri 4 … prima di arrivare al successo. Onore a chi è troppo avanti per i suoi tempi e spesso viene denigrato a causa dei naturali insuccessi dovuti non tanto alla bontà del progetto quanto all’inadeguatezza di materiali e tecnici nel contesto storico.

    • Non sono d’accordo, sono nato nel 90 quindi non ho mai potuto vivere gli splendidi anni 80, ma se non sbaglio la Ferrari col turbo (anche se non ha mai vinto il titolo piloti in quell’epoca) nell’82 era di gran lunga la miglior macchina, e se non vinse il titolo piloti ma solo quello costruttori fu solo a causa delle tragedie che capitarono ai suoi piloti. Poi anche nell’81 se non sbaglio la Ferrari soffriva nelle curve ma aveva un gran motore e quindi un’elevata velocità di punta, che permisero a Villeneuve (oltre al suo grande talento ovviamente) di tenere dietro 5 macchine più veloci della sua a Jarama. Nell’85 Alboreto si giocò il mondiale con Prost, poi perso però a causa di un calo di affidiabilità della Ferrari sul finire della stagione. E poi sbaglio o non è stata proprio la Ferrari a inventare il cambio con le leve al volante oggi utilizzato da tutti? :)

      • Quoto tutto!
        Complimenti per la “cultura in F1″ visto che sei nato nel ’90!!!!!!!!!!!

      • Unico neo…a Jarama la ferrari vinse grazie al gran motore, ma soprattutto alla bravura di Gilles. Il gran motore infatti andava che era una meraviglia quanto a potenza massima, ma il ritardo di risposta era tale da rendere difficilissimo spuntare dalle innumerevoli curve lente dell’autodromo spagnolo…quello fu un prodigio di un pilota capace di tutto.

      • Ma infatti l’ho scritto anch’io che anche la bravura di Gilles fu fondamentale, oltre al gran motore ovviamente. :)

    • AyrtonSchumacher

      se va be, mo J. Barnard un genio……….la ferrari del 1996 era una gran schifezza, sicuramente una delle peggiori ferrari di sempre, oltre ad avere tantissimi problemi di affidabilità, era impossibile anche da guidare e gli unici risultati positivi (3 vittorie 4 pole 8 podi) vennero ottenuti solamente grazie alla bravura di Schumacher, anche perchè in quel periodo il pilota poteva fare ancora la differenza……come dimenticare la testa inclinata di Michael sui rettilei, necessaria per sopperire ad un difetto di progettazione della monoposto

    • E comunque se alla Mercedes sono tanto più bravi, voglio vedere se a fine campionato saranno davanti alla Ferrari in classifica. Potrei sembrare un pazzo ad affermarlo visti gli ultimi GP, ma per me la Ferrari sarà davanti anche quest’anno (sarebbe il terzo consecutivo). Scommettiamo un caffè “virtuale”? :)

    • questa è grossa: la ferrari che non ha mai avuto la capacità organizzativa e tecnica per implementare a dovere le uscite del “genio”.
      Vatti a rivedere un po’ di storia industriale della ferrari e soffermati sul capitolo “antenna tecnologica” di Guildford che il sig. Barnard volle implementare sulla terra di Albione perché, a suo dire, solo oltre Manica era possibile progettare e sviluppare contenuti tecnici all’avanguardia.
      Sappiamo come andò a finire tra Ferrari che si guidavano come un camion e decine di miliardi delle vecchie lire che lasciarono le casse di Maranello (e Torino) senza alcun ritorno.
      Barnard fu un innovatore (ma non per il 1996 ma per quel gioiello purtroppo fragile che fu la 639 poi 640, “la Papera” )che la Ferrari appoggiò e sostenne in ogni sua richiesta. Forse anche troppo visti i risultati..

    • Ti stati confondendo, Barnard nel 1996 impose una cambio scatolato in Titanio con rinforzi in Carbonio,che inizialmente aveva dei problemi alle saldature, mitico il semiasse di Schumacher perso in corsia Box, poi però divenne standard in Ferrari fino alla F2001, mi sembra, che passo alla Fusione di Titanio.

      Ciao,Stefano.

    • Tu non sai di cio’ che parli lp741.
      Giudizi sommari e poca competenza aggiunta a poca memoria tecnica.
      definire la Ferrari del 96 del tuo amico Baranard un capalavoro ci vuole tanta stima e un bel paglio di paraocchi…..

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!