Fernando Alonso risponde alle domande dei tifosi

5 maggio 2012 01:31 Scritto da: Davide Reinato

In quanto a comunicazione, Fernando Alonso è indubbiamente il numero uno. Da qualche mese è sbarcato in rete con il suo nuovo sito web, oltre che ai due canali ufficiali sui social network per eccellenza, ossia Twitter e Facebook.  Ieri, sul suo sito ufficiale, è apparso un messaggio ai tifosi che faceva da prologo alle risposte a cui Fernando stesso ha risposto. Oltre 7.000 domande arrivate da ogni parte del mondo: potere del web 2.0.

Alonso, in quel messaggio di apertura, ha affrontato diversi aspetti importanti. Tra tutti, il suo sostegno a Felipe Massa e Stefano Domenicali, due personaggi chiave nella Scuderia Ferrari che sono stati messi in discussione da molti tifosi. Alonso ha dichiarato: “Vorrei fare chiarezza una volta per tutte sul mio sostegno incondizionato nei confronti di Stefano e Felipe. E’ sempre facile lodare le persone quando le cose vanno bene, ma lo è ancor di più criticare quando queste vanno male. Mi avete chiesto di essere onesto e sincero, e lo sarò sempre, non dovete dubitarne”.

Fernando sempre più uomo squadra. Il suo carattere da leader spesso attire le antipatie di qualcuno, ma lo spagnolo risponde: “Non mi considero diverso dagli altri: come tutti soffro la mancanza dei miei affetti, dovendo trascorrere 280 notti all’anno lontano da casa. Quando indosso la tuta sono competitivo, pronto a combattere fino all’ultimo giro. Ma quando la tolto, sono un figlio, un fratello e un amico”.

L’affetto dei tifosi per lo spagnolo è sempre più grande, specie ora che si trova ad essere protagonista della storia della Ferrari: “Mi avete tenuto impegnato durante gli interminabili voli tra un Gran Premio e l’altro: ho fatto molto più fatica che a guidare la macchina!” Di seguito abbiamo selezionato e tradotto le curiosità più interessanti, mentre trovate l’intervista completa sul sito fernandoalonso.com

Javi_Fonte 2 (TW): Qual è la sensazione più bella che si prova alla guida di una vettura di Formula 1?
FA: “In curva ed in frenata. Le Ferrari stradali più potenti sono in grado di dare una sensazione simile alla F1 quando si accelera, ma nessuna macchina potrà mai avvicinarsi alla potenza in curva e alla frenata di una monoposto di Formula 1″.

armandozzl (TW): a 300 km/h i sensi si riducono all’80%. Tu lavori su tecniche di intuizione o di controllo mentale?

FA: “No, non sapevo nulla in merito! Sono stato dietro ad un volante per 27 anni, forse ero già abituato ad andare a 300 km/h!”

Jessica Jorge Fernandez (FB): Nei viaggi tra le gare, non si vola con le compagnie aeree tradizionali? Oppura si usa un volo charter Ferrari?
FA: “Voliamo con compagnie tradizionali. Per alcunee gare europee utilizziamo voli charter organizzati dalla squadra in partenza dall’Italia, insieme a Toro Rosso. Se mi trovo in Italia nei giorni che precedono o seguono la gara, mi unisco a loro!”.

Nacho_2810 (TW): In una gara sul bagnato, quando si è indietro e la visibilità è ridotta, hai paura?
FA: “Non posso dire di aver paura, perché la paura e la competizione non sono compatibili. Certo, se stai guidando su un rettilineo a 300 all’ora e non vedi nulla e non puoi rallentare, perché il pilota dietro di te non vede neanche… beh, non è bello, credimi”.

catalogomonster.jimd (TW) Condividi ancora con i meccanici i premi in denaro dopo una vittoria?
FA: “Si, penso sia  giusto condividerli con coloro che mi hanno aiutato a salire sul podio o vincere la gara. Sarebbe ingiusto prendermi tutti i meriti”.

14 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!