Maldonado, mina vagante al GP di Spagna

Una prestazione degna di lode quella di Pastor Maldonado nelle qualifiche del Gran Premio di Spagna. Il pilota venezuelano ha conquistato la prima fila, a quattro decimi dalla pole di Hamilton, riportando il sorriso al box della Williams.

Pastor non si è detto sorpreso del risultato. Effettivamente, ha avuto degli ottimi tempi anche nelle prime due manche delle qualifiche, ma già dalle prove aveva dato un avvertimento in merito: è lui la mina vagante di questo evento. Domani bisognerà tenerlo d’occhio in partenza, perché potrebbe succedere di tutto. Durante le interviste post-qualifiche, ha ammesso: “Venerdì eravamo già convinti che la top ten era possibile, ma questa mattina la nostra prestazione è stata decisamente migliore con poca benzina. Così ho capito che questo risultato era possibile!”.

Dopo aver mostrato un passo gara interessante nelle prime quattro gare della stagione, per la Williams questo risultato rappresenta l’uscita dal tunnel nel quale, fino alla scorsa stagione, il team di Sir Frank era da diversi anni. “Penso che abbiamo fatto un bel passo in avanti per questa gara. La FW34 sembra consistente, specie sul passo gara. E’ una bella sensazione stare nei primi tre, per me è la prima volta in questa categoria. Sono felice per la squadra, ma anche per il mio paese, oltre che per me stesso!”.

Tuttavia, c’è un neo nella giornata del team inglese: il diciottesimo posto di Bruno Senna. Il pilota brasiliano, nel tentativo di entrare in Q2, si è andato a girare alla curva 12, finendo sulla ghiaia. Nonostante ciò, Sir Frank ha guardato al risultato complessivo ad ha detto: “Nella nostra squadra ci sono persone con forti ambizioni e buone doti. Siamo orgogliosi di quello che facciamo. Siamo più organizzati rispetto allo scorso anno, tutti lavorano duramente per fare auto migliori”. Insomma, il lavoro di Mark Gillan e Mike Coughlan sta facendo effetto…

8 Commenti

  1. Bravo Pastor e brava Williams,ma l’intervista fatta a Sir Williams nel dopo qualifica dice tutto..
    “A noi servono punti”.
    Secondo me la macchina ha un assetto molto spinto e non so’per quanto dureranno le gomme..
    Lo vedo finire se tutto va bene tra il 5-7 posto.

    1. Quoto… Finalmente ci voleva… Il commento più bello è stato… “Pastor mi piace come pilota guida la monoposto come se l’avesse appena rubata”… Fantastico è proprio vero, è un funambolo da tenere d’occhio anche se ancora immaturo, spero che non finisca come Montoya grande talento che si è bruciato da solo con il suo stile di guida troppo irruento!!!

    2. La Williams non è male.
      Ha un posteriore veramente curioso e innovativo del quale se n’è parlato troppo poco, in un anno dove sembra essere la parte più rilevante

Lascia un commento