Lotus ancora a podio: Raikkonen è 3° a Barcellona

“La squadra sta lavorando bene, abbiamo fatto dei passi avanti. Due podi su cinque gare non sono male, purtroppo vincere non è semplice e dovremmo essere più bravi a sfruttare le occasioni che si presentano”.  Kimi Raikkonen ha la faccia ancora segnata dai contorni del casco, lo sguardo stanco.

Gara concreta quella del finlandese, che parte bene, supera il compagno Romain Grosjean e da lì non si schioda più dal terzo posto. Il suo stint più significativo è stato il quarto, con un forcing impetuoso e spettacolare ma fine a se stesso, che non gli permette di riacciufare i due fuggitivi Pastor Maldonado e Fernando Alonso.

“A freddo faremo delle valutazioni sulla gara. A dire il vero sono leggermente deluso. Pensavo di essere più competitivo oggi. Eravamo veloci a fine gara ma abbiamo zoppicato all’inizio, ci siamo scoperti performanti quando era troppo tardi. Non so se abbiamo sbagliato strategia, comunque siamo sulla strada giusta”.

Come in Bahrain anche in Spagna Kimi sfoglia la margherita dei rimpianti. Gomme sbagliate dopo la prima sosta? Troppo tardi l’ultimo pit? Oppure semplicemente una monoposto ancora incostante nell’arco dei trecento chilometri di gara? Perchè se la squadra ha tenuto troppo tempo fuori Raikkonen prima dell’ultima tornata di soste, è anche vero che a serbatoi pieni il distacco da Williams e Ferrari era comunque importante.

Resta sullo sfondo l’ottima prestazione complessiva delle “Frecce nere”, che chiudono al quarto posto con Romain Grosjean piazzando così due macchine tra i primi della classe.

Buona la prestazione del francese che rimedia con una gara coriacea alla partenza così e così. Punti  importanti (27) per la Lotus e la conferma di una competitività assoluta e oggettiva. Gli uomini di Enstone devono soltanto mettere tutti i pezzi al posto giusto per ricavare la giornata perfetta.

Anche Raikkonen alla fine chiude con un sorriso: “Per la prestazione pura sono comunque  contento, la macchina è veloce, qualche altro giro e potevo lottare per la vittoria. Prima o poi arriverà…”.

18 Commenti

  1. quello che manca alla lotus per vincere è piu competitività AI BOX.
    Strategie spesso sbagliate, cambi gomme lenti rispetto agli avversari.
    Quando miglioreranno li si potrà vincere sicuramente qualche gara, perchè la macchina C’E’.

  2. Sono proprio contento x kimi che spinge come un pazzo!è un martello impressionante.poi ha una macchina che x il momento è equilibrata,forte in ogni circuito,se il team raddrizzasse la mira nelle strategie avrebbero già vinto.anche l’anno scorso erano autori di strategie degne di harakiri 🙂 forza kimi e non essere sempre “a bit disappointed” ad ogni intervista 🙂

  3. io ho visto che le macchine che montano il renault hanno sempre più trazione delle altre nelle curve lente,sarei curioso di vedere i dati di coppia di questo motore,per me accellera prima,a montecarlo williams red e lotus sono favorite….vedremo.

  4. Con l’attuale classifica Piloti e Costruttori l’anno scorso la Lotus-Renault si sarebbe dichiarata più che soddisfatta. Ma Kimi ha fatto chiaramente intendere che finora si sono perse almeno due grandi occasioni di vittoria. Se in occasioni così favorevoli non si riesci a vincere vuol dire che la squadra è scarsa ( a differenza della macchina ) Temo che da Montecarlo la Lotus ritornerà a metà classifica perché McLaren e RedBull non staranno a guardare.

  5. intanto con tutti sti errori però è balzat oal quarto posto e a 12 punti dalla vetta…..
    se incominciano a essere più lucidi con le strategie……in 3 gare sono primi.

    1. si ma anche il team..nei pitstop..sono una pena,i piu lenti di tutti!! con almeno due soste in19 o 19/5sec sarebbe finito davanti ad alonso forse anche a maldonado con tutte e tre!!

  6. GRANDE KIMI!!!NELL’ultima parte spingeva davvero come un dannato…è un campione e penso si sia visto…peccato per l’abbaglio che hanno preso alla lotus…ma come si può pensare che maldonado e alonso si fossero fermati di nuovo a pochi giri dal termine???? Mah Cmq speriamo che continui così !!!GRANDE ICEMAN

  7. Brutto errore! Stavolta l’abbiamo sentito tutti in diretta!
    L’ingegnere di Raikkonen era proprio convinto!
    Anche lui si salva perché Boullier non è Zamparini!

Lascia un commento