McLaren: ad Hamilton sfugge il podio, Button si ritira

27 maggio 2012 17:40 Scritto da: Ilaria Della Pepa

Fuori dal podio e fuori dalla corsa: la McLaren di oggi è stata certamente fuori dai propri obiettivi.

Hamilton finisce quinto in un GP di Monaco comunque ostico, Button si ritira dopo un contatto nelle ultime fasi della corsa: qualche punto portato a casa ma c’è l’amarezza di non aver raggiunto le prime tre posizioni, vista la relativa tranquillità che ha caratterizzato un evento solitamente molto più movimentato.

Se si pensa infatti che gli episodi chiave della corsa sono stati per lo più il valzer dei pit-stop e le gocce di pioggia pericolose ad una manciata di giri dalla fine, il rammarico può essere tanto.

Nessun contatto in partenza per Lewis, che però cede una posizione ad Alonso dopo la sosta ai box: l’asturiano della Ferrari riesce infatti a balzargli davanti e a restarci, portando a casa un podio che senz’altro l’anglocaraibico desiderava per sbloccare il proprio campionato. Il resto lo fa Vettel, che con un’ottima strategia inverte le sorti della propria qualifica e si tiene dietro Hamilton.

Non è stato il miglior risultato ottenibile. Non mi piace proprio rimanere indietro, ma sono le corse, è così” commenta alla fine della gara. “Abbiamo preso dei punti” continua “e ci sono ancora tante gare, dobbiamo solo lavorare e continuare a spingere, possiamo farcela“, ha ammesso l’anglocaraibico.

Lewis si auto-critica anche a proposito della partenza, che comunque non è stata negativa: “Credo sia stato uno dei miei peggiori start. Non ho perso posizioni, ma potevo guadagnarne e non sono riuscito a farlo. I piloti davanti e accanto a me sono partiti benissimo, io no. Ma almeno non sono rimasto coinvolto nell’incidente“.

Altra nota dolente, la sosta ai box: “Non so quanto sia durato, ma di sicuro lì ho perso tempo prezioso. Era difficile battere Alonso, e anche Vettel sarebbe stato impossibile da superare“.

Non può essere di umore migliore Button, costretto al ritiro dopo un contatto con Kovalainen: l’inglese partiva nelle retrovie e per tutta la corsa ha sofferto la bagarre del traffico, arrivando poi all’incindente con il finlandese.

Le qualifiche non sono state positive ieri e di conseguenza nemmeno la gara oggi. E’ così quando parti dietro, sei più esposto agli incidenti.  Il mio duello con Heikki è stato difficile, non riuscivo davvero a sorpassarlo. Sembrava che lui guardasse di più negli specchietti che davanti, e qualche volta ha tagliato anche la chicane. Peccato, nessuna penalizzazione per lui, e noi dietro rallentati dal suo ritmo“.

Un week-end difficile, con un occhio al Canada, prossima tappa: “Con quelle brutte qualifiche, non potevo avere di meglio. Almeno non ho sofferto negli ultimi giri, ho finito prima” scherza alla fine Jenson.

E adesso, quindi, Montreal: Monaco è stata una gara troppo magra in ottica campionato o i due inglesi sapranno risollevare la McLaren?

21 Commenti

  • anche io la vedo bruttina in canada,lì conta meno l’aerodinamica ma più la trazione e il passo gara con relativo consumo gomme.

    vero che montreal è una delle piste dove hamilton va fortissimo,magari in qualifica fa il tmepone ma in gara temo che soffrirà parecchio.

    sui circuiti tradizionali invece dovremmo tornare più competitivi(si spera).

  • In Canada io vedo molto bene Lotus e Mercedes….il settimo pilota in 7 gare a vincere sarà Kimi o Schumy 😀 😀

  • La McLaren non è finita! Comunque grande Ferrari

  • è la mc-laren che è sparita quest’anno…che cosa è successo alla mc-laren dell’anno scorso, dovè?

    • 1)Sebastian Vettel 143 Pt
      2)Lewis Hamilton 85
      3)Mark Webber 79
      4)Jenson Button 76
      5)Fernando Alonso 69
      L’anno scorso eravamo messi così dopo la sesta gara.
      A me piace di più la classifica di quest’anno. Nel 2011 già a fine Maggio non avevamo la benchè minima speranza, quest’anno siamo ancora in corsa.

  • beh l ho detto e lo ribadisco..sembrera strano perche non ha vinto e non è in testa al mondiale.. ma è la miglior stagione di hamilton….concreto,veloce,spettacolare,perfetto nella gestione delle gomme…togliendo la prima gara ha sempre tirato il massimo dalla sua mclaren(e anche di piu)…ha avuto sfortune e dai box ne hanno combinate di ogni(anche oggi pit piu lento di 1 secondo rispetto a vettel che gli è costato il 4 posto…)se la mclaren lo supporta puo lottare x il mondiale…viceversa non puo fare sempre miracoli..ma l impressione di una vettura troppo conservativa e con pochi margini di sviluppo è molto forte e li leggeva molto bene negli occhi e nella parole di lewis

  • Secondo me Lewis ha nascosto le tante lacune della McLaren in questo GP.

  • diciamo che montecarlo, per una vettura rigida come la nostra, non era di certo la pista in cui potevamo fare grandi cose…(anche se l’anno scorso la macchina era molto performante).
    Gia, ma quest anno senza i diffusori soffiati, la musica sta cambiando un po per tutti e si vedono gare “pazze” determinate non tanto dalla bontà della vettura, ma dall’uso delle gomme.
    in effetti anche questo weekend si è vista questa situazione, dove un vettel con 30 giri di pista sul groppone, andava piu forte di tutti i top driver su gomme nuove…cose mai viste nell’era pirelli.
    ma anche restando in casa mclaren, si nota ora la differenza tra lewis e jenson; dove con la stessa macchina, uno tira fuori delle buone prestazioni e l’altro a mala pena finisce il giro senza sbattere…
    cioè…non che questi problemi non vi siano su altre vetture, ma se gli altri son riusciti ad “usarle”, non vedo perchè non possa riuscirci la mclaren.
    ed è un vero peccato, perchè la macchina ha dimostrato di essere buona, perchè con un biroccio hamilton nn ti fa 4 pole position, manca solo sta benedetta prestazione in gara che ancora latita a venire…
    è meglio che non mi esprimo sul muretto, perchè non so voi, ma io la tattica di jenson nn l’ho capita proprio…ma devo pero ammettere che le soste stanno migliorando bene.
    hamilton si metta il cuore in pace, se alonso oggi l’ha passato è solo perchè ne aveva molto molto di piu, facendo inoltre un incredibile giro di rientro ai box.

    • La differenza di prestazione fra Button e Hamilton credo sia da ricercare in un cattivo setup di Button. La stessa cosa che è successa con kimi e Grosjan. Sicuramente la Mclaren non si è trovata bene in questa pista, ma dubito che le prestazioni di Button o quella di Kimi siano il reale valore della monoposto. A montecarlo le macchine sono molto sensibili alle temperature ed inoltre c’è un appiattimento delle prestazioni generale, visto che l’aerodinamica conta poco e niente. Non penso che Alonso avesse un missile e Hamilton una macchina scadente. Ho visto Hamilton tirare e bloccare l’anteriore destra un paio di volte. Secondo me ha cercato di amministrare le gomme a Montecarlo conta tanto il pilota la macchina diventa meno importante.

  • … E Lewis, che e’ un grande, fa quello che può.

  • Alla faccia della macchina migliore del lotto.

  • Meno male che si va in Canada. Dopo Bahrain, Barcellona e Monaco finalmente un circuito degno di questo nome. Montreal è il mio circuito preferito anche se non è il più bello (Spa non si batte). Speriamo che i nostri si diano una svegliata altrimenti rimarremo a bocca asciutta anche quest’anno. Comunque sia, oggi Lewis teneva il passo dei primi e questo è incoraggiante, però il fatto che Button sia rimasto dietro Kovalainen per tutta la gara non può di certo far pensare alla McLaren come una vettura competitiva. Attualmente siamo la quarta forza (dietro Ferrari, RedBull e Lotus/Mercedes che si alternano come terza e quinta forza). I distacchi non sono abbissali, però noi non siamo migliorati da inizio stagione mentre gli altri si.

    • io penso che in qualifica i migliori sono ancora Mclaren,Mercedes,e Lotus….mentre in gara i top team sono più o meno alla pari adesso,soltanto che di gara in gara il migliore si sta alternando per motivi ancora sconosciuti,o meglio semi-sconosciuto,gomme??

      • Hai centrato il discorso. A differenza dell’anno scorso, quest’anno le pirelli stanno creando grattacapi un po’ a tutti i team. Oggi la Ferrari quando la temperatura è scesa di 3-4 gradi andava come un missile, mentre prima perdeva 3-4 decimi a giro. E’ inconcepibile che le gomme creino queste situazioni. Posso accettare un degrado più o meno repentino per tutti, ma non una variazione tale di prestazione derivante dalla tempertura che si manifesta su alcune vetture piuttosto che su altre. Un paio di gradi in più o in meno, possono stravolgere i valori in campo da un momento all’altro.

  • Un pronostico….. 7 gare,7 vincitori diversi. In Canada punto su Hamilton, in fondo per come sta’ correndo questa stagione se lo meriterebbe (la scuderia un po’ meno).
    Ovviamente non me lo auguro….. Vai nando’!!!!

  • molto attapirato lewis,che normalmente ci crede sempre.

    boh,non so cosa pensare per i prossimi gp speriamo bene.

    • purtroppo il trend è negativo…se Lewis fosse stato in testa al mondiale con 20 p.ti di vantaggio (come poteva essere)a quest’ ora avremmo visto il bicchiere mezzo pieno..invece ora è mezzo vuoto…la macchina manca di prestazione..è quella che ha progredito meno..il team è il meno performante dei top..per fortuna che c’è Lewis..

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!